Bridgestone assume ingegneri per il suo Centro Tecnologico Europeo

Il Costruttore di pneumatici assumerà nei prossimi mesi neolaureati e ricercatori ambiziosi cui affidare lo sviluppo delle gomme più innovative

23 settembre 2015 - 19:20

Per fortuna c'è qualcuno che offre lavoro, e per giunta in Italia: Bridgestone Europe ha annunciato la sua volontà di assumere, nell'arco dei prossimi mesi, diversi ingegneri presso il suo Centro Tecnico Europeo (TCE) alle porte di Roma, ad Aprilia. La ricerca è rivolta sia a neolaureati sia ai professionisti con esperienza.

FARE SQUADRA E MANTENERE IL PRIMATO – Le intenzioni del gigante della gomma non sono meno che ambiziose, dato che Franco Annunziato, CEO di Bridgestone Europe, ha dichiarato che, essendo “Bridgestone il numero uno al mondo tra i produttori di pneumatici e prodotti in gomma, è impegnata a rafforzare la propria leadership nel settore anche per il futuro. Una delle priorità della nostra politica aziendale per raggiungere questo scopo è quella di coinvolgere persone di talento e sviluppare le loro capacità in modo che possano trasformarsi in manager di livello mondiale anche nel settore Ricerca & Sviluppo. Questo richiede da parte nostra un continuo impegno a investire nel capitale umano di ricercatori e ingegneri di talento che possano supportarci costantemente nell'anticipare le tendenze del settore e nello sviluppo di tecnologie e sistemi d'avanguardia, per sostenere al meglio le nostre attività commerciali”.

PRIMA DEI COLLOQUI VISITA IL SITO – L'azienda fornisce, ai candidati che intendono proporsi per gli impieghi, un adeguato supporto informativo con una modalità piuttosto moderna: è stato infatti predisposto un sito, raggiungibile dal link onedaywith.com/bridgestone/homepage.html e dal significativo titolo “All roads lead to Rome”. Nelle date del 22 ottobre, 1 dicembre e 2 febbraio prossimi sarà possibile interagire con esponenti dell'azienda mediante una audio chat. Per la prima giornata di questi Live Days (per partecipare occorre registrarsi) il programma, che prenderà il via alle ore 12, prevede un video di presentazione e poi la chat con Ingrid Kraaijbeek, Human Resources Leader e Talent Acquisition, ed Emilio Tiberio, Deputy Managing Director at the Technical Centre Europe (TCE). Lavorare per un produttore di pneumatici può essere piuttosto affascinante, anche se impegnativo: per farvene un'idea potrete leggere e vedere il filmato nel post come diventare collaudatore di pneumatici.

UN LUOGO DOVE “CRESCERE” – Se il video non vi basta forse troverete motivanti le parole di Koji Takagi, Managing Director di Bridgestone TCE, che afferma: “Questo è un luogo ideale per lavorare e sviluppare la propria carriera nel cuore dell'innovazione Bridgestone. Il TCE è il luogo in cui i nostri ingegneri e tecnici di alto livello lavorano su tecnologie chiave per il futuro. I candidati avranno l'opportunità di far parte di un team internazionale appassionato e altamente qualificato. Inoltre il TCE può essere un trampolino di lancio per una carriera internazionale all'interno di Bridgestone”. Per capire meglio quali sono le attività che si svolgono nel Technical Centre Europe si può dire che esso ha un ruolo fondamentale nella ricerca dei materiali, nella progettazione dei pneumatici, nello sviluppo di prototipi e e nello svolgimento di tutte le tipologie di test. Per stuzzicare ancor di più la vostra voglia di candidarvi aggiungiamo che a poca distanza dal TCE c'è l'European Proving Ground, la pista di collaudo dove gli ingegneri hanno il compito di analizzare e valutare, in condizioni reali, tecnologie rivoluzionarie, magari portando alla produzione le nuove gomme AirFree viste al Salone di Ginevra 2014. Cercare un'occupazione nell'automotive può essere una buona idea: pensate che le auto elettriche di Renault hanno creato altri 100 posti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Esame patente: come funziona e quanto costa nei vari Paesi del mondo

Taxi NCC Decreto Cura-Italia

Decreto Ristori: indennizzi anche per taxi e NCC, ecco quali

Cambio gomme invernali: solo il 34% va in officina in Germania