Bosch, il futuro della guida automatizzata

Ecco le evoluzioni previste da Bosch per la guida automatizzata

27 novembre 2013 - 17:51

Nei prossimi anni, il mercato dei sistemi di assistenza al guidatore crescerà di oltre il 20% l'anno. Bosch impiega circa 5.000 ingegneri nel campo dei sistemi di sicurezza e di assistenza al guidatore, fatturando 5 miliardi all'anno per la fornitura di questi sistemi all'industria automobilistica. In futuro, per ottenere il punteggio massimo di 5 stelle nella valutazione Euro NCAP, le vetture dovranno possedere nuove funzioni di assistenza al guidatore. A partire dal 2014 sarà obbligatoria almeno una funzione di assistenza, mentre a partire dal 2016 i veicoli dovranno offrire una funzione predittiva per la protezione dei pedoni.

RIDURRE GLI INCIDENTI – Oltre il 90% degli incidenti stradali è il risultato di un errore umano, ridurli è una delle priorità principali di Bosch. Se tutte le vetture fossero equipaggiate con un sistema di frenata di emergenza automatica, sarebbe possibile evitare fino al 72% dei tamponamenti che producono lesioni. Attualmente Bosch offre, o offrirà a breve, questi dispositivi: rilevazione del colpo di sonno, frenata di emergenza predittiva, mantenimento della corsia, segnalazione di un altro veicolo in avvicinamento, assistenza all'attraversamento dei cantieri stradali e una funzione predittiva per la protezione dei pedoni. Inoltre, nel 2014, Bosch presenterà un “traffic jam assistant” che consentirà di mantenere la corsia sulle strade ad alto traffico con un intervento sullo sterzo. In futuro, il sistema diventerà un ausilio per traffico congestionato con una funzione automatica di cambio di corsia.

ASSISTENZA AL PARCHEGGIO – Nel 2015, Bosch presenterà una versione migliorata del proprio “parking assistant”, dotata di un comando a distanza che faciliterà le manovre di parcheggio nei garage con pochi posti liberi. In futuro, grazie ai sensori video a 360°, le autovetture saranno in grado di trovare da sole i posti liberi nei parcheggi.

GUIDA AUTOMATIZZATA – Il futuro della guida automatizzata sulle autostrade prevede l'unione dell'Adaptive Cruise Control (ACC) con la funzione di assistenza al mantenimento della corsia. Entro la fine del decennio, sarà disponibile un pilota automatico per la guida in autostrada. Quanto più ambiziose saranno le funzioni di sicurezza del futuro, tanto più saranno necessari sistemi di comunicazione car-to-car e di trasferimento dei dati in tempo reale.

INTEGRAZIONE SMARTPHONE – La funzione mySpin propone di integrare gli smartphone nei veicoli. Questa tecnologia intende offrire una soluzione sicura per l'utilizzo di Internet all'interno della vettura. Per esempio, le app degli smartphone possono essere visualizzate sul display della console centrale.

CONNECTIVITY CONTROL UNITY – Insieme al monitoraggio delle condizioni del veicolo, il sistema CCU apre la strada a nuovi servizi Bosch per i gestori di flotte, come l'analisi tempestiva dei guasti e la manutenzione programmata. Un'importante società di leasing utilizzerà il sistema CCU nel 2014.

DRIVELOG – Questa piattaforma offre ai guidatori una panoramica digitale completa dei costi e delle offerte di servizi associate ai veicoli. Il portale online conta già quasi 250.000 visitatori al mese e già oggi, tutti gli aderenti all'associazione automobilistica tedesca ADAC possono utilizzate un insieme di funzioni di Drivelog.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 35.000 euro

Attività di parcheggiatore abusivo

Attività di parcheggiatore abusivo: illecito o reato?

Auto elettriche 2020: i problemi più frequenti e su quali modelli