BMW: il design delle prossime auto potrebbe ispirarsi alle Bugatti

BMW assume Jozef Kaba?, il designer delle Bugatti, per il design delle sue auto. Dopo 15 anni cambierà il design flame surface di Chris Bangle?

9 febbraio 2017 - 18:01

Il design è il biglietto da visita di ogni oggetto destinato ad essere visto ed i veicoli non fanno eccezione, anzi! Certe automobili (tanto per non fare nomi, la Lamboghini Miura) sono dei veri oggetti del desiderio, plastiche dimostrazioni di quanto può essere sexy una “cosa”. La questione del disegno è ancor più importante per i marchi Premium (leggi che le Tesla che avranno interni disegnati da un ex di Volvo): le loro auto non possono essere troppo “sbarazzine” o giocose ma devono piuttosto trasmettere sensazioni quali serietà, potenza, affidabilità, autorevolezza. Questi marchi hanno anche una certa continuità nel design e BMW non sfugge alla regola ma è possibile che si cambi pagina con l'arrivo del papà delle Skoda e delle Bugatti.

DOPO 15 ANNI SI CAMBIA? L'attuale family feeling delle auto BMW lo si può far risalire a Chris Bangle, il brillante designer la cui impronta è ancora viva nonostante abbia lasciato il Marchio bavarese nel 2009. Sono ormai passati più di 15 anni dalla sua entrata nel Gruppo e la sua impronta si è impressa nelle linee di quasi tutte le BMW, contribuendo ad uno storico sorpasso ai danni di Mercedes (che ha sorpassato di un soffio BMW l'anno scorso con un risultato che ha consentito di dare un bonus di 5400 euro ai dipendenti). Al suo nome è associato il concetto di flame surfacing ma forse esso è da ascrivere ad un giornalista piuttosto che a Bangle. In ogni caso è possibile/probabile un cambio dopo l'era Bangle: l'assunzione dello slovacco Jozef Kaba?, ex Bugatti (ha lavorato sulla Veyron) e Skoda, potrebbe infatti essere un segnale in tal senso.

ORGANIGRAMMI E INCARICHI L'annuncio è stato dato dal capo del design BMW Adrian van Hooydonk (ha, firmato, insieme a Bangle, la E65 Serie 7 del 2001, controversa all'inizio e di successo in seguito): il responsabile del design del marchio BMW sarà Kaba? mentre Domagoj Dukec è stato promosso capo del design di BMW i e delle sportivissime BMW M. Van Hooydonk ha commentato così: “sono molto eccitato per questo rafforzamento della squadra del design del Gruppo BMW. Jozef Kaba? e Domagoj Dukec porteranno l'esperienza, il talento e la visione che ci occorrono per delineare la direzione futura del nostro design”. L'arrivo di Kaba? segue di poche settimane la partenza del precedente capo del design Karim Habib, la cui storia professionale vede il suo arrivo in BMW nel 1998 (ha partecipato al design della Serie 7), la sua partenza per Mercedes nel 2009 ed il suo ritorno a Monaco nel 2011.

UN REPARTO MOVIMENTATO Appare abbastanza chiaro che i cambiamenti nello stile delle BMW saranno graduali, sia per non creare fratture poco consone ad un marchio premium sia perché i cicli produttivi durano anni: chissà se le future BMW avranno qualcosa della Vision Next 100. Più veloci gli avvicendamenti delle persone: anche se BMW nel comunicato che formalizzava l'assunzione del quarantaquattrenne Kaba? diceva che “Rispettiamo la decisione di Karim Habib (che ha partecipato al convegno del Design di Torino) e gli auguriamo ogni successo nei suoi prossimi incarichi”, il suo design ha registrato diverse defezioni in poco tempo. Anders Warming, l'ex capo del design di Mini, è approdato al marchio sino-tedesco Borgward, Benoit Jacob, ex designer in BMW “i”, è andato all'elettrica Future Mobility Corporation, che ha avuto un notevole boost ( di soldi) dalla cinese Tencent e ha anche assunto il veterano BMW Carsten Breitfeld. Richard Kim, un ex designer senior di BMW che ha lavorato alla i3, è ora Vice President del design nell'altra start-up elettrica Faraday Future.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Citroën cambia Brand Identity: nuovo logo dal 2023

Test gomme invernali 2022 – 2023

Multa per parcheggio vicino a incrocio: quanto si paga?