BMW i3, l'elettrica di Monaco

Arriva la i3, la prima auto elettrica di BMW

12 luglio 2013 - 9:02

Ancora qualche settimana e il Gruppo Renault-Nissan non si sentirà più così solo. Nessun'altra casa automobilistica, sinora, aveva preso così sul serio l'impegno sulla mobilità elettrica. Ma ora è arrivato anche il Gruppo BMW, con la sua i3. Vista per la prima volta al Salone di Francoforte del 2011 in veste di prototipo, la i3 è praticamente pronta a debuttare su strada in versione di serie; le foto prive di coperture verranno, infatti, svelate il 29 luglio.

CARBONIO PER IL TELAIO – L'approccio di BMW nella progettazione e nello sviluppo della prima vettura elettrica della sua storia, è stato radicale. Consapevoli del fatto che il peso è l'handicap maggiore di questa tipologia di vetture, i tecnici tedeschi hanno creato un telaio costruito in gran parte sfruttando il CFRP, ovvero carbonio rinforzato con fibre a matrice polimerica. In questo modo la massa complessiva dell'auto si ferma a 1.195 kg. Nella i3 i materiali compositi non sfruttano solamente la fibra di carbonio, ma anche la fibra di vetro e la plastica. In media questi componenti hanno un peso ridotto del 30% rispetto ai corrispettivi in acciaio stampato.

UNA VERA BMW – Anche se elettrica, la i3 resta sempre una BMW e per questo non può prescindere dal piacere della guida, sebbene focalizzato sulla marcia nei centri urbani. Per questo la distribuzione dei pesi è stata studiata accuratamente fin dall'inizio e per ottenere una ripartizione ideale (50:50) sia il motore che il pacco batterie (che pesa 230 kg) sono stati spostati al retrotreno, abbassando il baricentro, garantendo risultati migliori nei crash test e conferendo un ottimo diametro di sterzata. Per contenere il peso, a tutto vantaggio delle prestazioni e della dinamica globale di guida, l'attenzione ai dettagli è stata massima. Per esempio, la centralina di gestione si trova vicino al motore, risparmiando così circa 1,5 kg di cablaggi. Le sospensioni in alluminio forgiato, poi, hanno tagliato il peso del 15% e i cerchi in lega sono specifici, nella misura 155/70-

PIU RAPIDA DI UNA 320D – La BMW i3 è spinta da un generoso e leggero (pesa 50kg) motore elettrico che eroga 170 CV e 250 Nm di coppia. Così la i3 passa da 0 a 100 km/h in soli 3,7 s e da 0 a 100 km/h in 7 secondi netti (una 320d ne impiega 7,2). La velocità massima, invece, è limitata elettronicamente a 150 km/h. L'autonomia massima dell'auto varia, secondo BMW, tra i 130 e i 160 km a seconda delle condizioni di utilizzo. Per aumentarla ulteriormente di 20 e 40 km, si può selezionare una delle due modalità Eco Pro oppure EcoPro+. In opzione si può richiedere un range extender termico, ovvero un motore termico bicilindrico (montato in blocco col propulsore elettrico) da 650 CC e 34 CV, che genera solo corrente elettrica (utilizzando benzina) e aggiunge altri 100 km di autonomia. La BMW i3 dovrebbe arrivare sul mercato tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 a un prezzo indicativo di 40.000 €, mentre il range extender dovrebbe costare ulteriori 3.000 €.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multe stradali ai minorenni

Multe stradali ai minorenni: chi paga le sanzioni?

Auto bloccata in un passaggio a livello

Auto bloccata in un passaggio a livello: cosa fare

Guidare in montagna: i consigli per un weekend in sicurezza