Automobilisti italiani: cercano più sicurezza e meno design

Una ricerca di AutoScout24 porta alla luce gli aspetti che gli italiani prendono più in considerazione nella fase di scelta dell'auto da acquistare

13 maggio 2011 - 16:00

Il portale AutoScout24, molto noto a chi è abituato ad acquistare e vendere vetture online, ha rivelato i risultati di una ricerca realizzata con la collaborazione della società di consulenza Lorien e di Mediacom sui comportamenti d'acquisto manifestati da chi intende comprare un'auto nuova o usata.

TRE MACRO-AREE – Il panel era costituito da 600 soggetti intervistati telefonicamente che hanno acquistato un'auto negli ultimi 12 mesi o che intendono farlo nei prossimi 12, più altri 377 che hanno risposto a un sondaggio online sul sito di AutoScout24. Il campione rappresenta un totale di 3,2 milioni di persone. Uno degli aspetti più interessanti approfonditi dalla ricerca (gli altri saranno oggetti di ulteriori articoli di SicurAUTO.it) è quello delle caratteristiche dell'auto prese in considerazione da chi intende acquistarla. È emerso che tali caratteristiche appartengono a tre macro-aree: quella finanziaria, quella del comfort e quella del rispetto per l'ambiente. Della prima fanno parte considerazioni legate non solo al semplice prezzo d'acquisto, ma anche quelle inerenti i consumi. Nel concetto di comfort rientrano non solo la comodità dell'auto, ma anche il suo stile e il design. Il terzo aspetto, quello ambientale, è divenuto importante e l'attenzione degli acquirenti verso le tematiche ecologiche è ancora in crescita.

SICUREZZA AL 3° POSTO, TEST DRIVE AL 22° – Entrando nei dettagli, le prime tre caratteristiche ritenute “estremamente importanti” dagli acquirenti sono il rapporto qualità/prezzo (per l'84% degli intervistati), l'intervallo di prezzo che l'acquirente può permettersi (77%) e la presenza dei sistemi di sicurezza, che interessa molto il 75,2% del campione. Un aspetto, quest'ultimo, che prevale anche sui consumi della vettura (70%), sulla qualità dell'assistenza (61,7%) e addirittura sulla percorrenza accumulata dall'auto, se questa è usata. Il rispetto dell'ambiente (56,2%) interessa invece più della fiducia riposta nel venditore, importante per il 55% del panel, del tipo di motorizzazione (53,3) e dell'anno di produzione (49,5%). Significativamente, il risultato dei test drive e delle prove su strada effettuati dalla stampa specializzata è l'aspetto meno preso in considerazione in assoluto tra i 22 proposti: lo considera fondamentale appena il 41,3% degli acquirenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori