Auto nuova diesel: il 71% degli italiani indecisi sull’acquisto

L’acquisto dell’auto nuova diesel spaventa gli italiani. Ecco le paure più frequenti che raffreddano chi sta per comprare un’auto nuova

18 marzo 2019 - 21:44

Il mercato dell’auto è alle prese con incertezze trasversali. Sempre più consumatori non sanno come orientarsi nella scelta dell’auto nuova. A pesare sul diesel i toni propagandistici con i quali si è criminalizzata questa motorizzazione. Insomma i temi sul banco sono tanti e l’edizione di quest’anno del Forum Automotive ha volto mettere a fuoco alcuni aspetti importanti. Presentati anche i numeri di un sondaggio che mettono nero su bianco la particolarità del momento. Solo il 16% degli italiani dichiara di sentirsi completamente sicuro della propria scelta in relazione al livello di inquinamento prodotto dai motori diesel e benzina. A pesare anche i forti dubbi sul futuro valore di rivendita dell’auto appena messa in garage. Aumentano anche i dubbi sulla “sopravvivenza” anche dei diesel. Il 13% di italiani intervistati è ancora convinto che continueranno a circolare per lungo tempo. Vediamo tutti i dettagli.

CARA AUTO NUOVA

Gli italiani sono alle prese con le incertezze nella scelta dell’auto nuova. Emergono forti dubbi nel mercato complici le paventate limitazioni alla circolazione delle vetture a gasolio. Ecco allora che le possibilità di accesso a incentivi per l’acquisto di vetture elettriche grazie all’Ecobonus e le campagne di demonizzazione del diesel, alimentano un diffuso senso di disorientamento che rallenta il mercato. L’osservatorio OntheMove di Doxa ha messo nero su bianco i dati grazie ad un nuovo sondaggio; il 71% degli intervistati non si sente più sicuro ad acquistare un’auto a gasolio perché teme i blocchi imposti dai Comuni e il 68% ha timore che i brand dell’auto ne possano interrompere a breve la produzione. Insomma temi decisamente caldi sul banco dell’edizione di quest’anno del Forum Automotive (Leggi Ecobonus ed Ecotassa quanto costa l’assicurazione).

INCERTEZZA TRASVERSALE

Il mercato italiano, come del resto quello europeo, è alle prese con incertezze trasversali. Questo contesto accresce l’appeal per le auto con motorizzazione GPL, le elettriche e le ibride. Eppure per il diesel c’è qualche speranza perché, secondo il 69% degli interpellati, comprare un’auto diesel può ancora essere un’ottima scelta quanti macinano molti chilometri. Solo il 16% degli italiani dichiara di sentirsi completamente sicuro della propria scelta in relazione al livello di inquinamento prodotto dai motori diesel e benzina. Nel dettaglio, rispettivamente, il 19% e il 20% degli acquirenti hanno dubbi sul futuro valore di rivendita dell’auto appena immatricolata (Leggi i dati del mercato auto a febbraio 2019). L’incertezza sul prezzo, questa volta di acquisto, coinvolge anche le vetture con GPL, le elettriche e le ibride. Questo accade probabilmente perché il funzionamento dell’Ecobonus non è del tutto chiaro.

MEGLIO SE INFORMATI

In un contesto volatile come quello attuale, spopolano falsi miti e interpretazioni strampalate del futuro. Crescono i numeri dell’ibrido che per il 29% degli italiani è indicato come la scelta futura più probabile. Diventa cruciale il ruolo dell’informazione. Se il 52% dei consumatori dichiara di sentirsi “disorientato”, il 70% degli italiani sostiene di avere bisogno di più informazioni di quelle che possiede per scegliere l’auto giusta. Barbara Galli, BU Director di Doxa commenta “Ci troviamo di fronte a cittadini affamati di rassicurazioni, che si rivolgono a tutte le fonti possibili per raccogliere elementi su cui fondare le proprie decisioni. Decisioni con un impatto economico e psicologico di rilievo. L’analisi del search di Google mostra trend in forte crescita delle ricerche online relative a ibrido ed elettrico, con picchi sugli annunci di possibili dismissione del diesel”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scatola nera: per gli sconti obbligatori mancano da due anni i decreti attuativi

Toyota studia l’interazione della guida autonoma con i pedoni in Europa

Guida autonoma: l’80% dei conducenti non è pronto ad usarla