Tesla bloccata nel parcheggio interrato: partire senza chiavi può costare caro

Molte auto possono partire senza chiavi ma dimenticarle potrebbe richiedere il carro attrezzi, come la Tesla bloccata in un parcheggio interrato

11 marzo 2020 - 15:10

L’episodio accaduto alla Tesla bloccata nel parcheggio interrato ha dell’incredibile, ma è un inconveniente che potrebbe accadere con qualsiasi auto che permette di partire senza chiavi. Il conducente della Tesla Model S però l’ha scoperto a sue spese, anche perché la Garanzia Tesla non copre il soccorso richiesto per sbloccare l’auto senza chiavi. Ecco perché è importante saperlo e cosa dovete sapere se guidate un’auto che si può aprire e avviare con App o senza chiavi.

TESLA MODEL S BLOCCATA

Il caso della Tesla bloccata in un parcheggio interrato è uno tra i guasti più curiosi accaduti a un’auto elettrica che hanno richiesto l’intervento del Touring Club Svizzero. Il caso è destinato a fare scuola, perché auto elettriche e auto connesse hanno ben poco in comune e in questo caso il fatto che si tratti di un’auto elettrica conta ben poco. La Tesla Model S, in particolare, tra le varie peculiarità, non ha una chiave di accensione ma un telecomando che può aprire le porte appena si avvicina il proprietario che permette anche di partire. Ma poi c’è anche l’App Mobile Tesla che rende qualsiasi smartphone una centrale di controllo dell’auto in qualsiasi luogo, o forse così credeva il proprietario rimasto bloccato con la Tesla in un garage interrato a 4 piano sottoterra.

SBLOCCARE LA TESLA SENZA CHIAVI

Se parcheggiare in un piano interrato può essere meno frequente, bisogna mettere però in conto altri problemi con un’auto che si controlla solo con lo smartphone. David Ringgenberg, soccorritore del TCS è stato chiamato da un cliente la cui Tesla Model S si era bloccata in un piano sotterraneo del garage di un albergo basilese. “Quando sono arrivato, l’uomo mi ha spiegato che l’auto non riusciva più a partire. Non aveva con sé la chiave, ma lo smartphone”. Il problema era che né lo smartphone né l’auto avevano ricezione. Anche provando a connettere il cellulare tramite il wifi dell’hotel o contattando il service Tesla telefonico, l’auto era bloccata là. Come spiega il Manuale Tesla, infatti, sia l’App che l’auto devono poter comunicare.

L’APP AL POSTO DELLE CHIAVI SULLE AUTO CONNESSE  

Il manuale Tesla, infatti recita: “Il telefono deve essere collegato alla rete cellulare per consentire all’app mobile di comunicare con il veicolo. Se il veicolo viene parcheggiato in un’area priva di rete cellulare, come ad esempio un garage al chiuso, assicurarsi di disporre di una chiave perfettamente funzionante”. L’unico intervento risolutivo è stato rimorchiare l’auto all’aperto con un camion speciale con pianale ribassato affinché la Tesla Model S e l’App Mobile potessero parlare di nuovo. Questo particolare è molto interessante perché anticipa quello che abbiamo approfondito qua con i Neutral Server delle auto connesse. Ci sarà sempre un server che mette in comunicazione l’App e l’auto, anche se fisicamente sono molto vicini. Quindi se la vostra auto parte anche senza chiavi con lo smartphone ricordate sempre di portarle con voi per ogni evenienza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sconto RC auto Coronavirus

Sconto RC auto per Coronavirus: le iniziative delle compagnie

Sanificazione con lampada UV-C: la luce ultravioletta contro il Coronavirus

Gomme estive strette o larghe? Cosa cambia in frenata e consumo di benzina