Supercharger Tesla: la rete apre a tutti anche in Italia

La rete dei Supercharger Tesla è ora accessibile anche in Italia ad auto di marche diverse: novità e condizioni delle prime postazioni per tutti

16 novembre 2022 - 23:00

Dal 16 novembre 2022 l’Italia si aggiunge ai Paesi che possono usare i Supercharger Tesla per ricaricare auto elettriche di altre marche con presa compatibile. Il servizio era partito dall’Olanda circa un anno fa per poi estendersi progressivamente in altri Stati, ma l’Italia era rimasta finora esclusa. Ora però questa mancanza è stata finalmente colmata, pertanto scopriamo cosa devono fare i proprietari di auto elettriche non Tesla per usare i Supercharger di Elon Musk.

Aggiornamento del 16 novembre 2022 a seguito dell’apertura anche in Italia dei Supercharger Tesla alle auto di altri marchi.

RICARICA AI SUPERCHARGER TESLA: IL SERVIZIO ARRIVA IN ITALIA

Tesla ha annunciato in un comunicato che la ricarica ai Supercharger è aperta anche in Italia a tutte le auto elettriche compatibili con la rete. Una notizia che renderà meno felici i Teslari di casa nostra, visto che per anni i Supercharger Tesla hanno rappresentato un impareggiabile plus rispetto alla concorrenza. Per ora comunque il rischio che le colonnine Tesla siano prese d’assalto è mitigato da una serie di condizioni differenziate tra i proprietari Tesla e i proprietari non-Tesla. Innanzitutto bisogna considerare che si tratta di un progetto pilota a livello europeo con lo scopo di testare la risposta degli utenti. L’accesso ai Tesla Supercharger prevede comunque l’ipotesi che in una famiglia possano esserci anche auto non Tesla e quindi la gestione della ricarica tramite l’app Tesla ufficiale con un solo account. Ecco dove sono i primi Tesla Supercharger per tutte le auto elettriche, i costi e altri dettagli ufficiali.

TESLA SUPERCHARGER PER TUTTI IN ITALIA: DOVE SONO E CHI PUO’ UTILIZZARLI

La rete Tesla conta circa 35 mila Supercharger in tutto il mondo e in Italia, da novembre 2022, alcuni punti Supercharger Tesla sono aperti a tutte le auto elettriche. Chiaramente ci sono delle condizioni per poter accedere alla colonnina Tesla con un’auto diversa. La prima è che il sistema di ricarica dell’auto sia compatibile e quindi si tragga un reale vantaggio rispetto alla ricarica standard di qualsiasi altra colonnina meno veloce. La seconda è che le postazioni italiane Tesla Supercharger disponibili per tutti sono ancora in numero ridotto, esattamente 18 nel momento in cui scriviamo. Quindi per usufruire del beneficio bisogna abitare nei paraggi di una postazione Supercharger per veicoli non Tesla. Tuttavia non si esclude che in futuro possano aggiungersi nuove postazioni in altre zone d’Italia. Le postazioni non Tesla già funzionanti sono collocate a:

Sondrio
Grandate (CO)
Arese (MI)
Vicolungo (NO)
Cavaglià (BI)
Vado Ligure (SV)
Genova
Parma
Forlì
Grosseto
Magliano Sabina (RI)
Afragola (NA)
Mercato San Severino (SA)
Cerignola (FG)
Brindisi
Morano Calabro (CS)
Palmi (RC)
Catania.

RICARICA SUPERCHARGER TESLA CON AUTO DIVERSE: QUALI DIFFERENZE

Per ricaricare auto elettriche diverse ai Supercharger Tesla, i proprietari possono scaricare e utilizzare l’app Tesla versione 4.2.3 o successiva, creare un account per “utente non Tesla” e associare un metodo di pagamento. Quali auto elettriche possono caricare ai Supercharger Tesla? Attualmente solo i modelli compatibili con una presa di ricarica di tipo CCS standard. Per quanto riguarda invece i prezzi, anche in Italia Tesla ha deciso di proporre un abbonamento mensile dal costo di 12,99 euro, tramite il quale si ottiene uno sconto sulle tariffe, ora divise in fasce orarie. Per i proprietari Tesla il costo resta comunque più basso, anche rispetto alla tariffa scontata non Tesla.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?