Škoda Enyaq iV: in ogni SUV elettrico riciclate 318 bottiglie di plastica

In ogni nuova Škoda Enyaq iV elettrica ci sono circa 13 kg di plastica riciclata: ecco come i rifiuti diventano materiali ecosostenibili

2 novembre 2021 - 15:00

Škoda Enyaq iV è il SUV elettrico che “assorbe” e riutilizza i rifiuti di plastica prodotti da ogni consumatore di acqua in bottiglia in 8 mesi. Ecco come la plastica delle bottiglie diventa materia prima per gli interni della Škoda Enyaq iV e quali altre iniziative ecosostenibili sta portando avanti il Costruttore.

PLASTICA RICICLATA CON LA ŠKODA ENYAQ IV

Sono 318 le bottiglie di plastica riciclate nella produzione di ogni Škoda Enyaq iV con Design Selection Lodge. Le bottiglie di poliestere vengono riciclate e utilizzate nella produzione dei tappetini, dei pannelli laterali del bagagliaio, delle coperture dei sedili, della plancia e dei pannelli delle portiere. L’utilizzo della plastica riciclata non si limita al design degli interni, ma riguarda anche l’esterno del veicolo. Fuori per esempio la copertura del sottoscocca e di alcuni dettagli secondari del vano motore sono realizzati da materiali plastici riciclati.

I NUOVI ALLESTIMENTI DELLE ŠKODA ENYAQ IV CON MATERIALI RICICLATI

Ogni esemplare di Škoda Enyaq iV utilizza oltre 13 chilogrammi di plastica riciclata. “Quando pensiamo all’innovazione nei materiali che vengono utilizzati dal dipartimento Design di Škoda, pensiamo ovviamente alla sostenibilità” spiega Stefan Webelhorst, Project Leader del Team Trim&Colour e Allestimenti. “Per questo abbiamo progettato l’allestimento Lodge di Enyaq iV prevedendo l’impiego di materiale derivato da bottiglie di poliestere riciclate”. Sei configurazioni Design Selection sostituiranno i classici allestimenti. È possibile scegliere tra le opzioni Studio, Loft, Lodge, Lounge, Suite ed ecoSuite. La Design Selection Lodge, in particolare, si caratterizza per la scelta di materiali ecosostenibili nei rivestimenti dei sedili realizzati per il 40% con lana vergine naturale certificata dalla Woolmark Company e il 60% da poliestere derivante dalle bottiglie riciclate.

COME SARANNO I FUTURI MODELLI ŠKODA

Tutte le emissioni di CO₂ che non possono essere annullate e sono inevitabili durante il processo di produzione, Škoda spiega che sono bilanciate sostenendo progetti ecologici. Ad esempio la costruzione di una centrale eolica in India o progetti nazionali e internazionali di riforestazione e sviluppo di agricoltura sostenibile. Škoda ha richiesto il brevetto per un materiale derivante dalla polpa della barbabietola da zucchero dalla città di Dobrovice (Repubblica Ceca). Un altro materiale, proveniente dal miscanto, potrebbe essere utilizzato invece nei dettagli interni delle portiere. L’obiettivo nel breve termine è l’impiego di entrambi i materiali per la realizzazione degli interni dei futuri modelli in arrivo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quanto costa parcheggiare a Malpensa?

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?