Richiamo Pacifica per incendio: andranno parcheggiate solo all’aperto

Nuove misure di sicurezza per le auto Plug-in a rischio incendio: Chrysler richiama le Pacifica e chiede ai clienti di non ricaricare o parcheggiare in garage

17 febbraio 2022 - 17:26

Dopo General Motors con la Chevrolet Bolt EV, anche Stellantis adotta le stesse misure di sicurezza per le Chrysler Pacifica Plug-in a rischio incendio. Oltre 16 mila auto Ibride ricaricabili saranno richiamate per sicurezza. Nel frattempo, poiché non si conosce ancora la causa, ai clienti è stato chiesto di parcheggiare all’aperto e lontano da strutture e altri veicoli. Ecco i dettagli del richiamo preventivo, diffusi anche dall’Agenzia nazionale per la sicurezza dei trasporti (NHTSA).

CHRYSLER RICHIAMA LE PACIFICA PLUG-IN MA LA SOLUZIONE NON È IMMEDIATA

Le misure di sicurezza che sempre più Costruttori consigliano ai proprietari delle auto elettriche in attesa della riparazione, confermano che il rischio legato agli incendi delle auto a batterie al chiuso esiste. Non solo, le statistiche attuali sugli incendi di auto elettrificate, tra qualche anno si baseranno su numeri totalmente diversi, se si pensa che solo negli ultimi 2-3 anni le auto ricaricabili si sono diffuse in modo più veloce. Inoltre, come s’intuisce anche dal richiamo delle Chrysler Pacifica prodotte tra il 2016 e il 2018, sono coinvolti sempre più veicoli recenti per i quali non esiste ancora una rilevanza statistica. Tanto che la stessa Chrysler ha riacquistato due auto su cui si sono manifestati i principi di incendio per poterle analizzare, risalire al problema e adottare una soluzione su larga scala.

PACIFICA PLUG-IN A RISCHIO INCENDIO: SCATTANO LE LIMITAZIONI D’USO

Sono oltre 16700 le Chrysler Pacifica Ibride Plug-in coinvolte nel richiamo volontario di Stellantis. Ma finché non si troverà una soluzione, ai proprietari è stato consigliato di usarle con pesanti limitazioni:

non ricaricare l’auto, quindi usarla come una ICE normale;

– è sconsigliato parcheggiare al chiuso;

– l’auto non dovrebbe sostare nei pressi di altre strutture o veicoli;

Secondo le informazioni diffuse dall’NHTSA, “le auto potrebbero incendiarsi, anche con l’accensione in modalità OFF”.

STELLANTIS APRE UN’INCHIESTA INTERNA GIA’ AD AGOSTO 2021

Queste precauzioni restano valide finché le auto non saranno richiamate e riparate. Il che avverrà presumibilmente dopo che sarà individuato il problema e implementata una soluzione tecnica, che ad oggi non esiste. Come riporta anche l’NHTSA infatti, Chrysler aveva scoperto del rischio d’incendio già ad agosto 2021, quando la Technical Safety & Regulatory Compliance aveva aperto un’inchiesta interna. A settembre 2021, Chrysler ha riacquistato due Pacifica Plug-in affette dal problema per analizzarle. Il bollettino parla anche di un “estimated percentage with defect” del 100%“. Intanto i casi d’incendio segnalati al 4 febbraio 2022 sono saliti a una decina, sebbene non risultino incidenti o feriti in conseguenza degli episodi. Sulla base di questa casistica, Stellantis ha deciso di richiamare ufficialmente tutte le Chrysler Pacifica prodotte dal 12 agosto 2016, fino al 2018, quando il modello è uscito dal listino.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus taxi Roma: come funziona lo sconto a dicembre 2022

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe