Audi cancella la cilindrata dalle auto: arriva la nomenclatura a due cifre

Nuovi badge sulle auto tedesche riportano 2 cifre al posto della cilindrata: il futuro della mobilità Audi avanza

24 agosto 2017 - 12:38

Un cambiamento epocale, o poco ci manca, quello attuato da Audi per quanto riguarda la nomenclatura della potenza delle proprie vetture. A partire dalla nuova ammiraglia A8, esordiranno 8 valori numerici che indicheranno la potenza in kW, mentre resteranno invariati i riferimenti ai modelli (i classici A1, A3, Q7, R8, etc.). In cosa consiste questo cambiamento e, soprattutto, perché andare a cambiare il sistema di indicizzazione della potenza sui modelli di Ingolstadt? Ce lo spiega Dietmar Voggenreiter, responsabile vendite e marketing di Audi.

TUTTO PIU' CHIARO E DIRETTO “In un momento in cui i powertrain alternativi stanno assumendo sempre maggiore importanza, il numero dei cilindri o la cilindrata stanno diventando indicatori sempre meno importanti delle caratteristiche di un'auto. Grazie alla nuova nomenclatura, la chiarezza e la logica di definizioni relative alla potenza renderà possibile ai nostri clienti distinguere tra diversi livelli di prestazioni.” In sostanza i cilindri, e di conseguenza la cilindrata, sono elementi sempre meno distintivi per quanto riguarda la potenza effettiva del motore, per questo, in Audi, hanno pensato di rivoluzionare completamente i riferimenti sulle proprie vetture.

DA 30 A 70 LE NUOVE FASCE DI POTENZA La nuova nomenclatura si riferisce a fasce di potenza calcolate non in base ai cavalli ma ai kW (vi ricordiamo inoltre che 1 kW equivale a 1,36 cv). In questo modo avremo ben otto fasce di potenza: 30 (81 – 91 kW), 35 (110 – 120 kW), 40 (125 – 150 kW), 45 (169 – 185 kW), 50 (210 – 230 kW), 55 (245 – 275 kW), 60 (320 – 340 kW) e 70 (da 400 kW a salire). Per farvi un esempio pratico: La nuova Audi A8, equipaggiata con il 3.0 TDI da 210 kW, avrà la sigla A8 50 TDI. E questo varrà ovviamente anche per i motori benzina, come ad esempio il 3.0 TFSI da 250 kW, che accoglierà la nuova definizione 55 TFSI.

UN PASSO NECESSARIO Quello di Audi è un passo decisamente coraggioso. Esagerato direte voi? In realtà non molto, e vi spieghiamo perché. Portare l'attenzione del consumatore e degli automobilisti dalla cilindrata alla potenza effettiva, indica un percorso ben chiaro, almeno per quanto riguarda il colosso tedesco: l'abbandono dei motori termici – non a caso è già aperto il pre-ordine della E-Tron Quattro. Questo perché la sigla dei cilindri non permetterebbe di classificare in modo preciso la potenza di un motore ibrido e ancor meno quella di un motore elettrico. Ecco spiegato il perché di un cambiamento del genere, che certamente farà storcere il naso ai puristi amanti del motore termico. La strada ormai è segnata versoun futuro elettrico, incentivato anche dalle politiche attuate da tanti paesi contro i motori termici – come l'Italia dal 2040  e altre importanti città.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona