T-Red a Torino

T-Red a Torino: mappa dei 14 incroci controllati dai dispositivi

Sono arrivati i T-Red a Torino: ecco la mappa dei 14 incroci del capoluogo piemontese controllati dai dispositivi che rilevano le infrazioni ai semafori

11 novembre 2019 - 12:50

Arrivano i T-Red a Torino. Il capoluogo piemontese ha deciso di dotarsi dei dispositivi che rilevano le infrazioni stradali ai semafori, con l’obiettivo di ridurre il numero di sinistri in corrispondenza degli incroci più pericolosi e sanzionare gli automobilisti che passano con il rosso. Sono stati individuati 14 incroci più a rischio degli altri, e su tre di essi l’installazione dei T-Red è già stata completata. A giorni verrà posizionata la segnaletica stradale per indicare agli automobilisti la presenza dei dispositivi, dopodiché saranno pienamente in funzione. Successivamente si procederà al montaggio degli altri T-Red.

T-RED AL SEMAFORO: COME FUNZIONA

Il T-Red o photored (in realtà il T-Red è il modello più comune dell’apparecchio photored, ma spesso sono usati come sinonimi) è un dispositivo utilizzato nei pressi di incroci regolati da semaforo per rilevare e multare i conducenti che ignorano il rosso. Ma come funziona il T-Red? Il sistema, dotato di sensori di rilevamento sull’asfalto che percepiscono il passaggio del veicolo e di due telecamere per controllare il colore del semaforo e leggere la targa, si aziona quando scatta il rosso, individuando (e fotografando) le vetture che proseguono la marcia nonostante l’avviso di stop. È da ricordare che in caso di infrazione rilevata da un T-Red non è necessaria la presenza degli agenti accertatori, la multa è infatti valida anche senza contestazione immediata. Quindi ‘meglio prevenire che curare’ seguendo i nostri 4 consigli utili per evitare la multa al photored.

T-REX A TORINO PER RIDURRE L’INCIDENTALITÀ DEGLI INCROCI PIÙ A RISCHIO

L’applicazione dei T-Red a Torino rientra nell’ambito del Piano Operativo della Sicurezza Stradale Urbana (POSS) approvato il 5 novembre 2019, allo scopo di ridurre l’incidentalità degli incroci più a rischio attraverso l’incremento del livello di attenzione e il rispetto del Codice della Strada da parte degli utenti. La spesa ammonta a 59 mila euro, più i costi di esercizio annui. L’installazione degli apparecchi è stata affidata a Iren SpA, mentre la gestione e la manutenzione saranno a carico della società 5T.

T-RED A TORINO: MAPPA DEI 14 INCROCI CON I DISPOSITIVI DI CONTROLLO AI SEMAFORI

I 14 incroci della città di Torino nei quali è stata riscontrata una maggior frequenza di incidenti e passaggi con il rosso sono i seguenti:
– corso Regina Margherita / corso Potenza (installazione già completata, T-Red attivo dal 2 dicembre 2019);
– corso Peschiera / corso Trapani (installazione già completata, T-Red attivo dal 2 dicembre 2019);
– corso Novara / corso Vercelli (installazione già completata, T-Red attivo dal 2 dicembre 2019);
– corso Lecce / corso Appio Claudio;
– via Pianezza / via Nole / corso Potenza;
– corso Agnelli / corso Tazzoli;
– corso Turati / corso Bramante / corso Unione Sovietica;
– corso Siracusa / via Tirreno;
– piazza Pitagora / corso Orbassano;
– corso Unione Sovietica / piazzale San Gabriele da Gorizia;
– corso Turati / corso Rosselli;
– corso Vittorio Emanuele II / via Castelfidardo;
– corso Vittorio Emanuele II / corso Vinzaglio;
– corso Giambone / corso Corsica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multe stradali ai minorenni

Multe stradali ai minorenni: chi paga le sanzioni?

Auto bloccata in un passaggio a livello

Auto bloccata in un passaggio a livello: cosa fare

Guidare in montagna: i consigli per un weekend in sicurezza