Strade consolari

Strade consolari: quali sono e dove portano oggi

Alla scoperta delle strade consolari: quali sono e dove portano oggi le antiche vie di comunicazione fatte costruire dai consoli romani

29 giugno 2021 - 14:00

Un antico proverbio ricorda che ‘tutte le strade portano a Roma’ e in effetti una volta era davvero così. Dall’area del Foro Romano partivano infatti le principali arterie che collegavano la capitale dell’Impero al resto d’Italia, e che venivano chiamate ‘strade consolari’ perché fatte realizzare per volere dei consoli al potere. L’aspetto curioso è che a distanza di secoli molti di quelle vie di comunicazione esistono ancora e sono diventate le moderne strade a lunga percorrenza (statali e regionali) che congiungono buona parte dello Stivale. Vediamo pertanto quali sono le strade consolari e dove portano oggi.

STRADE CONSOLARI: QUALI SONO LE PRINCIPALI

Le varie strade consolari prendono il nome dal console che ne volle l’edificazione o dallo scopo per cui furono costruite (ad esempio la via Portuense si chiama così perché collegava l’Urbe al Porto). Vennero realizzate soprattutto per trasportare merci e per favorire il passaggio degli eserciti. Le principali strade consolari italiane, tutt’ora esistenti (con le opportune modifiche di tracciato, ove necessario), sono sette:

via Appia: fatta costruire da Appio Claudio Cieco, collegava Roma a Brindisi;

via Aurelia: fatta costruire da Gaio Aurelio Cotta, collegava Roma alla Gallia costeggiando il mar Tirreno;

via Casilina: collegava Roma a Capua e prende il nome da Casilinum, l’antico nome della moderna Capua (in provincia di Caserta);

via Cassia: fatta costruire probabilmente da Gaio Cassio Longino, collegava Roma con l’Etruria (l’attuale Toscana);

via Flaminia: fatta costruire da Gaio Flaminio Nepote, collegava Roma a Rimini;

via Salaria: collegava Roma al mar Adriatico in località Porto d’Ascoli (oggi frazione di San Benedetto del Tronto) e il nome deriva dall’essenziale utilizzo che se ne faceva, il trasporto del sale;

via Tiburtina: fatta realizzare da Marco Valerio Massimo Potito, collegava inizialmente Roma a Tivoli (l’antica Tibur, da cui il nome della strada) e poi fu prolungata fino a Pescara.

STRADE CONSOLARI: DOVE PORTANO OGGI

Attualmente le strade consolari ripercorrono in buona parte i tracciati originari: solo in alcuni casi sono state spostate di qualche decina di metri, mentre in altri è stato necessario realizzare delle varianti per adattare le strade al traffico moderno. Ma al di là delle modifiche fisiologiche, visto il trascorrere dei secoli, le strade costruite dagli antichi consoli romani sono ancora oggi fondamentali per collegare diverse zone d’Italia e sono per numerazione le prime strade statali del nostro Paese. Nel dettaglio:

– la SS 1 ‘Aurelia’ che collega Roma a Ventimiglia deriva in buona parte dall’antica via Aurelia;

– la SS 2 ‘Cassia’ che collega Roma a Firenze prende il nome dall’omonima strada consolare romana Cassia, di cui ricalca il collegamento alle principali città terminali ma non il percorso (infatti l’antico tracciato nel tratto toscano transitava in Val di Chiana toccando Arezzo anziché Siena);

– la SS 3 ‘Flaminia’ che collega Roma a Fano ricalca il percorso dell’antica via Flaminia;

– la SS 4 ‘Salaria’ che collega Roma a San Benedetto del Tronto segue quello dell’antica consolare romana via Salaria;

– la SS 5 ‘Tiburtina Valeria’ che collega Roma a Pescara è in buona parte l’antica via Tiburtina;

– la SS 6 ‘Casilina’ che collega Roma a Pastorano (CE) per poi confluire nella SS 7, segue pressappoco il tragitto della vecchia strada consolare romana via Casilina;

– la SS 7 ‘Appia’ che collega Roma a Brindisi segue il percorso dell’omonima via consolare romana.

ALTRE STRADE CONSOLARI IN ITALIA

via Aemilia (oggi SS 9 Emilia): da Rimini a Piacenza;

via Capua-Regium (oggi ne restano solo alcuni tratti): da Capua a Reggio Calabria;

via Clodia (oggi ne restano solo alcuni tratti): da Roma a Grosseto

via Latina (oggi ne restano solo alcuni tratti): da Roma a Benevento

via Minucia, poi via Traiana (oggi ne restano solo alcuni tratti): da Benevento a Brindisi

via Postumia (oggi alcuni tratti sono percorribili come strada provinciale da Vicenza in direzione Treviso con il nome di SP 102 Postumia romana): da Genova ad Aquileia.

Strade consolari minori:

via Nomentana: da Roma a Monterotondo
via Prenestina: da Roma a Palestrina
via Ardeatina: da Roma ad Ardea
via Laurentina: da Roma a Tor San Lorenzo
via Portuense: da Roma a Fiumicino
via Trionfale: da Roma a Formello
via Cornelia: da Roma a Cerveteri
via Ostiense: da Roma a Ostia
via Collatina: da Roma a Lunghezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?