Sicurezza stradale a rischio manutenzione

Sicurezza stradale a rischio con i tagli alla manutenzione delle strade

La sicurezza stradale messa a rischio dai tagli alla manutenzione delle strade che impediscono la regolare potatura dell'erba e degli alberi ai margini delle carreggiate.

12 giugno 2019 - 12:20

L’abbondante pioggia verificatasi in Italia tra aprile, maggio (soprattutto) e i primi di giugno sta mettendo a serio rischio la sicurezza stradale. E non tanto per l’asfalto reso viscido dall’acqua. Le forti precipitazioni hanno causato un abnorme crescita della vegetazione ai bordi delle strade che riduce la visibilità di incroci e segnaletica, complice la scarsa manutenzione dovuta ai numerosi ‘tagli’ alle spese.

I TAGLI ALLA MANUTENZIONE IMPEDISCONO IL TAGLIO DELL’ERBA

L’allarme è stato lanciato dall’ASAPS, che ha verificato come su parecchie strade italiane l’altezza raggiunta dalla vegetazione comporti dei rischi elevatissimi per tutti. “Siamo nell’assurda situazione che i tagli alla manutenzione delle strade impediscono anche il taglio adeguato dell’erba”, ha dichiarato all’Ansa Giordano Biserni, presidente dell’Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale. “La crescita fuori controllo dell’erba a fianco dei tracciati stradali, in particolare provinciali e statali, ha provocato in molti casi un restringimento delle carreggiate. Lo sfalcio è sempre più occasionale e la visuale in prossimità degli incroci si è ridotta. Con conseguente aumento del pericolo, in particolare per ciclisti e motociclisti”.

I PERICOLI: ERBA CHE OSTACOLA LA VISUALE AGLI INCROCI E ALBERI CHE COPRONO LA SEGNALETICA

La trascuratezza nella manutenzione stradale, ha spiegato Biserni, è addebitabile alla riduzione dei fondi delle amministrazioni proprietarie delle strade, che non permettono gli sfalci periodici e necessari della vegetazione. “Un tempo lo sfalcio avveniva con regolarità e la rasatura dell’erba garantiva visuali adeguate, ma oggi non è più così”. E al pericolo dovuto all’incuria in cui versano i margini delle strade invasi dall’erba, si aggiunge il disturbo dei rami degli alberi, non potati, che spesso coprono la segnaletica verticale. “Proprio così”. Ha confermato il presidente di ASAPS, “Le ‘foreste’ che crescono coprono segnali, catarifrangenti e ostacolano la visuale agli stop”.

POCA MANUTENZIONE DELLE STRADE NONOSTANTE LE NUOVE NORME

Siamo giunti dunque al paradosso della sicurezza stradale messa a rischio dai tagli alla manutenzione delle strade. Eppure si pensava che con le nuove norme su omicidio stradale e lesioni personali stradali, gli enti proprietari si sarebbero attivati per migliorare la manutenzione delle arterie. E invece si sta andando in direzione contraria. Nonostante stia decisamente aumentando il numero di sindaci, assessori e tecnici comunali  indagati per omissioni nella cura della segnaletica o nella manutenzione delle strade.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tariffe taxi da e per gli aeroporti

Tariffe taxi da e per gli aeroporti: quanto si paga in Italia

Auto elettriche e SUV: perché il costo dell’assicurazione è più alto

Tutor autostrade 2019

Tutor autostrade 2019: mappa dispositivi da riattivare o già attivi