Monopattini elettrici a Milano sharing

Monopattini elettrici a Milano: via libera allo sharing

È giunta l'ora di avviare la sperimentazione dei monopattini elettrici a Milano, anche in sharing. Sono state infatti selezionate le società che gestiranno il servizio

3 dicembre 2019 - 12:22

È tutto pronto per l’avvio della circolazione dei monopattini elettrici a Milano, anche in sharing. Dopo lo stop di qualche mese fa per frenare la propagazione selvaggia dei mezzi della micromobilità elettrica, il Comune guidato dal sindaco Beppe Sala ha lavorato per costruire un sistema di regole chiare, pubblicando allo stesso tempo un bando per selezionare le aziende chiamate a fornire i micromezzi in condivisione. E adesso, con la posa della specifica cartellonistica stradale (in fase di ultimazione) e la scelta delle tre società che gestiranno il servizio di sharing, Milano è finalmente pronta a dare il via alla sperimentazione in città di monopattini, hoverboard, segway e monowheel. La partenza ufficiale è prevista a brevissimo, si spera entro la fine del 2019.

MONOPATTINI ELETTRICI A MILANO: LE REGOLE DELLO SHARING

Le tre aziende selezionate (Wind Mobility, Bit Mobility e Helbiz Italia) si divideranno equamente il totale della flotta: 750 monopattini elettrici per ogni gestore per un totale di 2.250 dispositivi a disposizione dell’utenza. Tutti i monopattini in sharing a Milano dovranno essere omologati, dotati di luci, numero identificativo e limitatori di velocità. E dovranno essere mantenuti in perfette condizioni di efficienza e sicurezza per l’utente. I micromezzi potranno sostare esclusivamente negli stalli di sosta dedicati alle biciclette o a lato strada, dove non sia espressamente vietato e comunque sempre secondo le regole del Codice della Strada. Per esempio nella Cerchia dei Navigli (in pratica il centro città), che non prevede la sosta libera, i monopattini potranno attivare e chiudere il noleggio solo in uno degli oltre 4.300 stalli di sosta per bici. In tutta Milano ci sono attualmente oltre 32 mila stalli.

SHARING MONOPATTINI ELETTRICI A MILANO: GLI ONERI PER I GESTORI

Per avviare la propria attività di sharing i tre gestori selezionati tramite bando dovranno stipulare un’adeguata polizza assicurativa; garantire che il servizio sia attivo 365 giorni all’anno, disponibile 24/7 e che vi sia un call-center; e prevedere anche un servizio di pronto intervento e controllo dei dispositivi, con personale pronto a rimuoverli o spostarli entro le 24 ore dalla segnalazione in caso di disservizio, abbandono o posteggio irregolare. I gestori dovranno inoltre informare accuratamente gli utenti sulle regole di utilizzo e del Codice della strada, anche in forma condivisa con il Comune e gli altri gestori. A breve le società comunicheranno le specifiche del servizio offerto, a cominciare ovviamente dai costi del noleggio dei monopattini elettrici a Milano.

COME E DOVE CIRCOLARE A MILANO CON I MONOPATTINI ELETTRICI

L’Amministrazione comunale ha individuato il 26 luglio 2021 quale termine per la sperimentazione, come previsto dal DM Toninelli. Poi si tireranno le somme. In questi giorni gli addetti del Comune stanno ultimando la posa del cartelli per segnalare le strade dove si potranno usare i dispositivi. Dev’essere infatti ben chiaro a tutti che la circolazione dei monopattini elettrici e degli altri micromezzi, sia in sharing che di proprietà, sarà ammessa soltanto in alcune specifiche aree e strade. In particolare:
– i monopattini elettrici e i segway potranno circolare solo nelle aree pedonali (limite massimo 6 km/h); e su piste ciclabili, percorsi ciclopedonali, zone 30 e strade con velocità massima di 30 km/h, senza però superare mai i 20 km/h. ATTENZIONE: il Comune può escludere alcune strade se le ritiene non idonee alla circolazione dei micromezzi, segnalandole con cartelli di divieto integrativi;
– gli hoverboard e i monowheel potranno circolare solo nelle aree pedonali (limite massimo 6 km/h) e da nessun’altra parte.
Ai trasgressori saranno applicate multe da 26 a 102 euro.

MONOPATTINI ELETTRICI: REGOLE GENERICHE DI UTILIZZO

Chi vorrà cimentarsi a Milano con i nuovi mezzi della micromobilità elettrica dovrà capire come si guida un monopattino elettrico, circolare solo dove è consentito (come da paragrafo precedente) e non violare le norme generiche che regolano l’utilizzo dei micromezzi, riportate nel Decreto ministeriale che ha dato il via alla sperimentazione (disponibile integralmente cliccando sul tasto in basso Scarica PDF). Le regole più importanti da rispettare sono:
– utilizzo ammesso solo ai conducenti maggiorenni, oppure ai minorenni ma solo se in possesso della patente AM;
– divieto di utilizzo dopo il tramonto e in condizioni di scarsa visibilità se il mezzo non dispone di luce di posizione anteriore e posteriore. Nelle ore di oscurità gli utilizzatori che percorrono piste ciclabili, zone 30 e strade con limite di 30 km/h devono anche indossare un giubbotto catarifrangente;
– i mezzi possono essere condotti solo con postura in piedi. E non consentono in nessun caso il trasporto di passeggeri o di cose, nonché ogni forma di traino;
– i mezzi devono essere dotati di segnalatore acustico e di limitatore di velocità;
– l’andatura di marcia dev’essere regolare, vietate manovre brusche e acrobazie.
I Comuni sono liberi di stabilire ulteriori regole e limitazioni.

Scarica PDF

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE

Auto senza chiavi: un’app risolverà i problemi più frequenti?