Limiti emissioni auto USA: perché Trump dichiara guerra alla California

L’accordo tra i Costruttori sulle emissioni auto ha riacceso la diatriba tra EPA-CARB e il presidente Trump che boccia la proposta sui nuovi limiti

6 settembre 2019 - 13:56

Ricordate l’accordo di 4 Costruttori sulle emissioni inquinanti dal 2020? Sta scatenando l’ira del presidente degli USA, Donald Trump. Ford, Bmw North America, Volkswagen America e Honda hanno siglato nelle scorse settimane un patto con la California per la produzione di auto meno inquinanti. Più in linea con le indicazioni di EPA (Environmental Protection Agency) e CARB (California Air Resources Board). Il presidente americano attacca i “manager deboli” di Ford e General Motors: li accusa di piegarsi alla California. Li vorrebbe invece schierati con la Casa Bianca sui limiti delle emissioni inquinanti delle auto.

EMISSIONI: IL PESO DELLA CALIFORNIA

Trump ha alzato i limiti delle emissioni, per andare incontro alle esigenze delle Case. Limiti che erano più bassi con Barack Obama (foto in basso), il predecessore. Ora però i Costruttori temono un possibile scontro con la California, che è pur sempre uno dei maggiori mercati automobilistici americani. L’accordo fra aziende e California è una via di mezzo: limiti di emissioni delle auto più alti rispetto a quelli di Obama, ma più bassi rispetto a quelli di Trump. La California, lo Stato più popoloso degli Stati Uniti, rappresenta ben il 12% delle vendite di veicoli americani.

TRUMP ATTACCA LA CALIFORNIA

Ora, due agenzie statunitensi stanno preparando un piano per revocare l’autorità della California di stabilire i propri standard di emissioni inquinanti per i veicoli. Due gli obiettivi di una legge specifica sui limiti delle emissioni delle auto. Primo: impedire agli Stati di stabilire le proprie regole sui veicoli. Secondo: fissare un unico livello nazionale per gli standard di emissioni e di risparmio di carburante. Secondo Trump, che fa riferimento ai dirigenti delle Case del passato, “i leggendari Henry Ford e Alfred Sloane si stanno rigirando nella tomba di fronte alla debolezza dei manager delle loro società che vogliono spendere di più su auto non sicure“. Inoltre, The Donald è da tempo in guerra contro l’EPA, cui ha tagliato i fondi.

AUTO MENO COSTOSE CON LIMITI SUPERIORI

Sui limiti alle emissioni inquinanti di auto in California, Trump giustifica il suo no con un esempio concreto. La sua proposta ridurrebbe i prezzi di listino delle auto di 3.000 dollari, e le renderebbe più sicure. L’impatto sull’ambiente sarebbe limitato. Insomma, le Case venderebbero di più, spendendo meno per costruire le vetture, a beneficio sia del mercato sia dei lavoratori nelle fabbriche: con il settore automotive in salute, i livelli occupazionali restano tali e quali, senza pericolo di ridimensionamenti. Così, la lotta sui limiti delle emissioni auto diventa sempre più politica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa