Jaguar anticipa lo stop a benzina e diesel: zero emissioni dal 2025

Jaguar dirà addio alle auto benzina e diesel con 10 anni d'anticipo rispetto alla normativa UE con l'obiettivo di diventare un riferimento del mercato

29 giugno 2022 - 17:00

Jaguar punta ad anticipare le scelte dell’Europa in merito allo stop alle vendite di auto benzina e diesel. L’azienda britannica, infatti, sarà tra le prime a passare ad una gamma a zero emissioni, completando la transizione verso l’elettrico con 10 anni d’anticipo rispetto ai parametri fissati dall’UE che, in ogni caso, saranno oggetto di un’analisi intermedia nel corso dei prossimi anni. L’UE intende verificare nel 2026 l’avanzamento del piano di stop alle auto benzina e diesel per assicurarsi che tutto proceda secondo le attese. Nel frattempo, però, Jaguar avrà già ultimato la sua transizione. Il brand, infatti, passerà ad una mobilità a zero emissioni nel 2025. La scelta comunicata oggi conferma la volontà di Jaguar di giocare d’anticipo, sia rispetto alla normativa che rispetto alle dirette rivali. Nel passaggio (oramai inevitabile) alla mobilità a zero emissioni, Jaguar intende ritagliarsi uno spazio di primo piano con l’obiettivo di conquistare la ribalta nel mercato premium dopo alcuni anni difficili.

COSA PREVEDE L’UE CON LO STOP A BENZINA E DIESEL E COSA FARA’ JAGUAR

L’obiettivo dell’UE, certificato nel corso del mese di giugno dall’ok del Parlamento europeo seguito poi dalla conferma da parte del Consiglio dei Ministri dell’Ambiente, è azzerare le emissioni del settore auto. A partire dal 2035, infatti, entrerà in vigore lo stop alle vendite di auto benzina e diesel in tutti i mercati UE. Successivamente a tale data, in UE sarà possibile acquistare solo auto elettriche a zero emissioni. Non sono previste (almeno per ora) deroghe sulla normativa. Anche il settore dei veicoli commerciali passerà all’elettrico. Nel 2026 è prevista un’analisi della situazione per valutare eventuali modifiche in corso d’opera. Per il 2030, invece, è stato fissato l’obiettivo di raggiungere un taglio del 55% delle emissioni. Sulla base del piano UE, Jaguar ha stabilito, invece, una strategia che punta ad anticipare, in modo netto, il passaggio di consegne tra le auto endotermiche e le auto elettriche. Dal 2025 in poi, infatti, Jaguar venderà solo auto elettriche, abbandonando le auto benzina e diesel. 

10 ANNI D’ANTICIPO PER JAGUAR RISPETTO ALL’UE PER LO STOP A BENZINA E DIESEL

Jaguar sceglie, quindi, di anticipare i tempi, completando la transizione verso l’elettrico con 10 anni d’anticipo rispetto all’UE. Il brand britannico gioca d’anticipo anche rispetto ad altri concorrenti del settore premium che hanno scelto, quasi tutti, un approccio graduale e più in linea con la normativa UE. Il passaggio alla mobilità a zero emissioni con l’addio a benzina e diesel per Jaguar, invece, sarà rapidissimo con un cambio di strategia che punterà a sfruttare l’anticipo sulla concorrenza per rafforzare la presenza del settore.

JAGUAR CONFERMA LA VOLONTÀ’ DI ANTICIPARE I TEMPI SULL’ADDIO A BENZINA E DIESEL

Le parole di Marco Santucci, CEO di Jaguar Land Rover Italia, confermano la volontà dell’azienda di confermare il suo ruolo di “apripista” nel settore delle auto elettriche premium, bissando quanto già fatto nel 2018 con il lancio della Jaguar I-Pace, apprezzato full premium full-electric. Secondo Santucci: “Con I-Pace abbiamo lanciato il primo full electric SUV di lusso (nel 2018 molto prima della concorrenza) e, di fatto, aperto una nuova era per le auto elettriche. Un cambio di immagine importantissimo per tutto il settore“. Il progetto di Jaguar, secondo Santucci, ha contribuito a rendere le auto elettriche più affascinanti per i clienti del settore premium: “perché prima dell’arrivo di auto di lusso elettriche, le vetture a batteria avevano un’immagine non di grande valore. Quella delle utilitarie con carrozzerie di plastica, da usare per piccoli spostamenti nei centri storici“.

JAGUAR PUNTA SULLE AUTO ELETTRICHE IN ANTICIPO PER TORNARE A CRESCERE

La scelta di anticipare i tempi dell’addio a benzina e diesel di Jaguar è strettamente legata alla necessità di rilanciare i risultati di vendita su scala globale. Il passaggio alle auto elettriche, infatti, rappresenta un vero e proprio “anno zero” per il mondo delle quattro ruote. La possibilità di registrare un riassetto degli equilibri del settore è notevole. Non tutte le aziende potrebbero essere in grado di completare con successo la transizione elettrica. Le incognite lungo il percorso sono diverse. Giocando d’anticipo, Jaguar punta a guadagnare terreno rispetto alle concorrenti, rafforzando la sua presenza nel settore prima del passaggio obbligato alla mobilità a zero emissioni.

UN 2021 NEGATIVO PER JAGUAR È LA BASE DI PARTENZA VERSO UN FUTURO SENZA AUTO BENZINA E DIESEL

I risultati finanziari di Jaguar Land Rover confermano un calo delle vendite per il brand britannico. Nel corso del 2021, infatti, il marchio Jaguar ha totalizzato 86,270 unità vendute su scala globale con un calo del 15,8% rispetto ai dati raccolti nel 2020. Le vendite del quarto trimestre del 2021 sono state disastrose con 14 mila unità consegnate ed un calo del 48,7%. Con il passaggio all’elettrico, il brand punta a rilanciare la sua presenza sul mercato, seguendo la scia di Land Rover che, invece, ha chiuso il 2021 con vendite in crescita del +3,4%.

UNA GAMMA DI AUTO ELETTRICHE TUTTA DA SCOPRIRE PER JAGUAR

Il passaggio completo alle auto elettriche per Jaguar sarà tutto da scoprire. In pochi anni, infatti, il brand dovrà creare una gamma a zero emissioni composta da modelli di nuova generazione in grado di posizionarsi ottimamente in segmenti strategici. Per il momento, l’azienda non ha ancora ufficializzato quale sarà l’esatta composizione della nuova gamma. Di certo, non mancheranno i SUV, elementi essenziali per conquistare il mercato premium. Modelli sportivi e iconici per la storia del brand potrebbero, in ogni caso, ritagliarsi uno spazio nella nuova gamma elettrica di Jaguar.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi estate 2022

SicurAUTO.it vi augura buone vacanze: ci rivediamo il 22 agosto

Incentivi auto, l’UE critica gli USA: “il nuovo piano è discriminatorio”

Test drive auto nuova: con i brand di EV sono fondamentali