Previsioni traffico agosto 2019

In Italia circolano 39 milioni di auto, il 30% con oltre 13 anni

Le auto degli italiani sono per 1/3 più inquinanti e poco sicure. Ecco com’è cambiato il parco circolante negli ultimi 5 anni dalle Euro 0 a Euro 6

4 ottobre 2019 - 9:51

I blocchi al traffico delle auto fino a Euro 3 nelle grandi città sono ormai un fattore comune, ma in Italia ce ne sono ancora tantissime che hanno oltre 13 anni di età. L’analisi delle auto circolanti in Italia è stata fatta dall’Osservatorio Autopromotec su dati ACI. Oltre il 30% è stato immatricolato fino al 2003. Anche se l’effetto del dieselgate, l’inasprimento delle norme UE sulle emissioni hanno stravolto le cose negli ultimi 5 anni. Ecco come è cambiato il parco circolante italiano dalle Euro 0 alle Euro 6.

LE AUTO CIRCOLANTI IN ITALIA

In Italia a fine 2018 circolavano ancora 13,7 milioni di autovetture (e cioè il 35,3% sul totale del parco circolante) di categoria inferiore o uguale a Euro 3. Si tratta di auto immatricolate prima del 2006 e quindi non dotate dei più recenti dispositivi di abbattimento delle emissioni inquinanti e nocive. Il dato, che emerge da uno studio dell’Osservatorio Autopromotec (la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket auto), ripropone in tutta la sua importanza l’emergenza dell’inquinamento che, come accade ogni anno con l’arrivo della brutta stagione, sale alla ribalta delle cronache nazionali con i provvedimenti di limitazione della circolazione automobilistica nei principali centri ed aree urbane del nostro Paese.

QUANTE AUTO IN ITALIA DA EURO 0 A EURO 6

I dati riportati nella tabella qui sopra evidenziano anche come è cambiata la composizione del parco circolante dal 2015 al 2018 per categoria di emissione. La quota delle auto fino a Euro 3 compresa è diminuita dal 44,8% del 2015 al 35,3% del 2018 (-9,5 punti percentuali). Tenendo in considerazione che esiste un’importante quota di utenti che non può cambiare il veicolo, non per scelta ma per necessità economiche, resta essenziale agli effetti dell’inquinamento lo stato di manutenzione del mezzo.

LA MANUTENZIONE SULLE AUTO PIU’ VECCHIE NE ALLUNGA LA VITA

Un’inefficace manutenzione oltre a procurare problemi di sicurezza agli occupanti del veicolo e agli altri utenti della strada, fa aumentare i consumi e quindi le emissioni inquinanti. “Oltre ad accelerare la sostituzione del nostro parco circolante fortemente invecchiato durante la crisi, – emerge dall’analisi Autopromotec – “è  fondamentale mantenere in buone condizioni di efficienza le auto circolanti ed in particolare le auto più anziane”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto

Acquisto auto: un italiano su due sceglierà elettriche e ibride

L’auto cambia colore: gli interni digitali saranno il 60% più leggeri

Auto a noleggio Goldcar: 3,4 milioni di multa per i graffi fantasma