Green Pass e mascherine

Green Pass e mascherine: cosa cambia dal 1° maggio 2022

Continua il graduale abbandono di Green Pass e mascherine: scopriamo cosa cambia dal 1° maggio 2022 dopo l'ordinanza del Ministro della Salute

29 aprile 2022 - 14:00

La nuova ordinanza firmata dal Ministro della Salute ha definito il secondo pacchetto di provvedimenti previsto dalla road-map stabilita dal Governo per l’uscita definitiva dall’emergenza Covid (anche se il virus continua a circolare parecchio, per fortuna e per il momento senza impattare più di tanto sugli ospedali). Le nuove misure, che saranno in vigore dal 1° maggio 2022, decretano la fine quasi assoluta del Green Pass e limitano l’obbligo di usare le mascherine al chiuso solo in alcuni ambiti. Vediamo cosa cambierà tra pochi giorni.

Aggiornamento del 29 aprile 2022 con la pubblicazione dell’ordinanza del Ministro della Salute sull’uso di Green Pass e mascherine dal 1° maggio.

GREEN PASS DAL 1° MAGGIO 2022: NUOVE REGOLE

Dal 1° maggio 2022 il Green Pass o certificazione verde Covid (base o rafforzato) rimane solo per dimostrare l’avvenuta vaccinazione o guarigione (qualora, ad esempio, l’immunizzazione risultasse necessaria per viaggiare all’estero), ma non è più richiesto per entrare nei luoghi di lavoro, nei locali e sui mezzi pubblici. Il Green Pass rafforzato viene tuttavia mantenuto per accedere nelle strutture sanitarie e nelle RSA. Ricordiamo che in base al precedente decreto valido dal 1° aprile l’obbligo di vaccinazione contro il Covid, con conseguente sospensione dal lavoro per chi non si vaccina, continuerà ad applicarsi fino al 31 dicembre 2022 nei confronti degli esercenti le professioni sanitarie e dei lavoratori negli ospedali e nelle residenze per anziani (RSA). Per tutti gli altri lavoratori over 50 anni l’obbligo di vaccinazione è solo fino al 15 giugno 2022 con multa per gli inadempienti ma senza sospensione dal lavoro.

GREEN PASS DAL 1° MAGGIO 2022: DOVE NON SERVIRÀ PIÙ

Secondo le nuove regole del Green Pass, dal 1° maggio 2022 NON è più necessario per accedere ai seguenti luoghi e attività:

– luoghi di lavoro;

– bar e ristoranti anche al chiuso;

– mense e catering;

– spettacoli al chiuso (cinema, teatri, ecc.);

– eventi sportivi all’aperto e al chiuso;

– università;

– centri benessere;

– attività sportive al chiuso e spogliatoi;

– convegni e congressi;

– corsi di formazione;

– centri culturali, sociali e ricreativi al chiuso;

– concorsi pubblici;

– sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;

– colloqui visivi in presenza con i detenuti negli istituti penitenziari;

– feste al chiuso e discoteche;

– mezzi di trasporto anche a lunga percorrenza.

Sempre dal 1° maggio 2022 non bisogna più compilare il Passenger Locator Form, il modulo che serviva per rientrare in Italia dall’estero.

MASCHERINE DAL 1° MAGGIO: COSA CAMBIA FINO AL 15 GIUGNO 2022

Per quanto riguarda invece l’obbligo di indossare le mascherine al chiuso, dal 1° maggio 2022 inizia la sua graduale eliminazione, pur con diverse eccezioni. Fino al prossimo 15 giugno 2022, infatti, l’uso della mascherina di tipo FFP2 rimare obbligatorio nei seguenti casi:

– accesso e utilizzo di aerei, navi e traghetti, treni, autobus, mezzi del trasporto scolastico e altri mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale;

– accesso a spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso;

– per i lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, incluse le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite (RSA), gli hospice, le strutture riabilitative e
le strutture residenziali per anziani.

Resta comunque la raccomandazione di indossare la mascherina in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico.

GREEN PASS E MASCHERINE IN AUTO E NEI TAXI

Ricordiamo infine che già dallo scorso 1° aprile tutti i veicoli, inclusi taxi e NCC, non hanno più limiti riguardo il numero di persone a bordo, per cui possono essere riempiti nel rispetto dei posti omologati come riportato sul libretto di circolazione. Non serve mai il Green Pass mentre è probabile che sarà mantenuto l’obbligo di mascherina, anche solo chirurgica, se a bordo viaggeranno persone non conviventi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori