Emissioni di NO2: -50% in Europa con l’emergenza Coronavirus

Le città senza auto si ripuliscono dalle emissioni di NO2: l’Agenzia Europea per l’Ambiente registra un calo fino a -50% con l’emergenza Coronavirus

26 marzo 2020 - 13:06

Le emissioni di NO2 in Europa sono calate drasticamente in molti Paesi nelle settimane dell’emergenza Coronavirus. Una conferma che, dopo i dubbi sollevati dall’Arpa Veneto sulle emissioni prodotte dal traffico, arriva dai dati rilevati dall’European Environment Agency. Le missioni di biossido di azoto sono calate fino al 50% in meno nelle regioni dove ci sono provvedimenti di limitazione agli spostamenti o anche una forte riduzione delle attività industriali.

CORONAVIRUS, TRAFFICO ED EMISSIONI NO2 IN EUROPA

L’EEA è intervenuta facendo il punto sulla qualità dell’aria in Europa dopo le prime settimane di forte riduzione del traffico stradale. L’EEA monitora la qualità dell’aria in Europa attraverso una rete di oltre 4.000 stazioni locali di misurazione dell’inquinamento atmosferico in tutta Europa. La maggior parte delle stazioni sono gestite dai Paesi membri dell’EEA nella rete europea di informazione e osservazione ambientale (Eionet). Nelle ultime due settimane, l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha documentato un calo significativo delle emissioni di NO2 soprattutto in molte città italiane. Una conseguenza diretta della riduzione del traffico dei veicoli, considerato unanimemente, la fonte principale di emissioni di biossido di azoto nei centri urbani. Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

EMISSIONI DI NO2 IN ITALIA

Le emissioni di NO2 rilevate a Milano nelle ultime quattro settimane sono state inferiori di almeno il 24% rispetto alle quattro settimane precedenti. Nella settimana del 16-22 marzo 2020, la concentrazione media di NO2 durante è stata del 21% inferiore alla stessa settimana del 2019. A Bergamo, le emissioni di NO2 nelle ultime quattro settimane sono scese costantemente secondo EEA. Bella settimana di riferimento (16-22 marzo) la concentrazione media è diminuita del 47% rispetto alla stessa settimana del 2019. A Roma, stesso trend: le concentrazioni medie di NO2 nelle ultime quattro settimane sono state inferiori del 26-35% rispetto al 2019. Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

EMISSIONI DI NO2 IN SPAGNA

L’European Environment Agency giunge a simili deduzioni anche sulle emissioni di NO2 in altre città europee, dove ci sono misure contro il Coronavirus nella settimana 16-22 marzo 2020. A Barcellona, sono stati misurati livelli medi di NO2 del 40% inferiori rispetto alla settimana precedente e del 55% più bassi rispetto alla stessa settimana del 2019. A Madrid le emissioni medie di NO2 sono diminuite del 56% tra la settimana del 16-22 marzo 2020 e quella precedente e del 41% in meno rispetto al 2019. Lo stesso a Lisbona, dove la concentrazione media di NO2 e diminuita del 40% tra il 16-22 marzo 2020 e la settimana precedete e del 51% in meno rispetto al 2019. Questa emergenza è forse anche un test di adattamento da cui potremo imparare molte cose e quando tutto sarà finito, (speriamo presto) forse sapremo anche lasciare per scelta l’auto a casa per i più piccoli spostamenti in città.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Grattino scaduto

Grattino scaduto: la multa è sempre legittima?

USA: regole meno dure sulla CO2 per vendere auto più sicure

Coronavirus e Case auto: già a rischio 1,1 milioni di posti di lavoro in EU