Distrazioni al volante: l’indagine sugli automobilisti in Europa

Il 25% degli automobilisti in Europa ammette di usare il cellulare alla guida e molte altre distrazioni al volante: ecco in quali Paesi ci si distrae di più e per cosa

22 luglio 2020 - 10:49

Le distrazioni al volante sono tra le maggiori cause d’incidente stradale, lo sanno bene gli automobilisti ma poi all’atto pratico assumono i classici comportamenti pericolosi alla guida. E’ quanto emerge dall’indagine sugli automobilisti più distratti in Europa durante la guida. Ecco le maggiori distrazioni che mettono a rischio la sicurezza stradale e in quali Paesi sono più diffuse.

DISTRAZIONI AL VOLANTE: L’INDAGINE SUGLI AUTOMOBILISTI IN EUROPA

L’indagine riportata dalla Fondazione Vinci Autoroutes, rivela le distrazioni al volante più frequenti in Europa da un sondaggio effettuato su oltre 12 mila automobilisti di 11 Paesi nel 2019. Il report dell’inchiesta conferma che si predica bene ma si pratica non sempre meglio. Nonostante l’uso del cellulare sia condannato nel 97% delle risposte, il 25% degli automobilisti intervistati ammette di usarlo alla guida. Il 50% però dichiara di fare telefonate solo con un sistema Bluetooth (6% in più rispetto all’indagine 2017). L’uso del navigatore satellitare alla guida è frequente nel 43% dei casi, sottovalutando il rischio di distrarsi alla guida. Distrazioni che per oltre il 10% degli automobilisti sono scaturite in un incidente stradale.

DISTRAZIONI AL VOLANTE E STILE DI VITA

Questi atteggiamenti sono strettamente legati ad abitudini di vita non sempre affini a una guida responsabile e sicura. Secondo l’indagine, il 43% degli automobilisti è convinto di saper guidare bene. L’85% degli automobilisti in Europa non si preoccupa di mettersi al volante riposato prima di un viaggio (+4% rispetto al 2017 di chi va a letto tardi o si alza prima). Se le risposte sono sincere, circa 1 automobilista su 10 ha ammesso di aver rischiato un incidente per un colpo di sonno. Quando si parla dell’aggressività al volante, solo il 3% degli europei intervistati ha ammesso di esserlo, contro l’84% degli automobilisti che invece ha temuto una reazione aggressiva di altri.

LE DISTRAZIONI AL VOLANTE NEI VARI PAESI D’EUROPA

Le distrazioni al volante sono la causa principale d’incidenti stradali gravi secondo il 54% degli automobilisti d’Europa. Ecco quali sono le azioni più frequenti alla guida e in quali Paesi c’è maggiore o minore rischio di distrarsi al volante:

Uso di dispositivi Bluetooth alla guida (media EU 49%, +6% VS 2017):

– Italia e Grecia: 60%;

– Regno Unito: 40%.

Impostare il navigatore alla guida (media EU 43%, +4% VS 2017):

– Polonia: 57%;

– Spagna: 30%.

Telefonare alla guida usando le cuffie con filo (media EU 33%, +2% VS 2017):

– Grecia: 54%;

– Francia e Regno Unito: 16%.

Telefonare alla guida con il cellulare in mano (media EU 27%, -5% VS 2017):

– Grecia: 51%;

– Regno Unito: 11%.

Inviare SMS o email durante la guida (media EU 24%, = 2017):

– Polonia: 33%;

– Spagna: 14%.

Avvisare altri conducenti di un evento sulla strada usando le App (media EU 19%, +3% VS 2017):

– Polonia: 31%;

– Olanda: 10%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cyber Monday 2021: le occasioni più utili per l’auto

Black Friday 2021: gli sconti su accessori auto da non farsi scappare

Revisione auto: l’Europa propone test più severi dal 2023