Codici Ateco officine e manutenzione auto

Codici Ateco officine e manutenzione auto: chi resta aperto dal 6 novembre?

Dopo la chiusura delle attività non necessarie, con il relativo codice Ateco scopriamo se le officine per la manutenzione e riparazione auto possono restare aperte

22 marzo 2020 - 14:08

AGGIORNAMENTO DEL 5 NOVEMBRE 2020: con l’avvio, dal 6 novembre e fino al 3 dicembre 2020, delle zone rosse, arancioni e gialle nelle diverse regioni d’Italia (per i dettagli cliccare qui) al fine di contenere la seconda ondata del Coronavirus, molte attività saranno limitate o addirittura chiuse. Tra queste NON ci sono officine, carrozzerie e gommisti che rimarranno quindi regolarmente aperte a prescindere dalla zona di appartenenza. Sempre nel rispetto del ‘Protocollo di sicurezza negli ambienti di lavoro’ sottoscritto lo scorso 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali e incluso come allegato 12 anche nell’ultimo DPCM. Rimarranno ugualmente aperti, come specificato nell’allegato 23 del decreto, i concessionari di auto e moto, i negozi di pezzi di ricambio e accessori e i distributori di carburante. Ovviamente, dove previsto, per recarsi in questi posti sarà necessario munirsi di autocertificazione.

Per effetto degli ultimi aggiornamenti tutte le date indicate nei prossimi paragrafi non sono più valide.

Il premier Conte ha annunciato in conferenza stampa la chiusura dal 23 marzo al 3 aprile 2020 (termine esteso poi al 13 aprile e successivamente al 3 maggio) di tutte le attività produttive non necessarie, intese come quelle ‘non strettamente necessarie, cruciali e indispensabili a garantire beni e servizi essenziali’ (a meno che non sia possibile svolgerle in modalità smart working). Dato che è stata da poco pubblicata la lista dettagliata e ufficiale delle attività ritenute tali, moltissimi imprenditori si stanno chiedendo se rientrano tra coloro che devono fermarsi o no. Nel nostro ambito, quello relativo al settore automobilistico, abbiamo cercato di capire, aiutandoci con il Codice Ateco, se le officine che svolgono il servizio di riparazione e manutenzione possono restare aperte, e se la revisione auto è consentita. Ecco cosa abbiamo scoperto.

CHE COS’È IL CODICE ATECO

Il Codice Ateco è una combinazione alfanumerica che identifica una attività economica (qui l’ultima classificazione del 2007 in formato pdf). Nella lista ufficiale delle attività produttive che rimarranno aperte (si può scaricare qui), ciascuna è accompagnata dal proprio codice di riferimento, per cui, andando per esclusione, diventa più semplice individuare quelle che dovranno necessariamente chiudere (a meno di continuare il lavoro da casa). Vediamo cosa è previsto circa officine, carrozzerie e gommisti.

OFFICINE, CARROZZERIE E GOMMISTI APERTI DAL 23 MARZO?

Nella lista delle attività produttive che possono rimanere aperte rientrano la manutenzione e la riparazione di autoveicoli, il commercio di parti e accessori di autoveicoli e il commercio, la manutenzione e la riparazione di motocicli e relative parti e accessori. Gli appositi codici Ateco presenti nell’elenco sono il 45.2, il 45.3 e il 45.4, ma è abbastanza chiaro (visto che si tratta di codici generici) che potranno rimanere aperte le attività identificate dai relativi sotto codici. Ecco la lista completa che comprende le attività di officine, carrozzerie e gommisti.

45.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli.
45.20 Manutenzione e riparazione di autoveicoli
45.20.1 Riparazioni meccaniche di autoveicoli
45.20.10 Riparazioni meccaniche di autoveicoli
– riparazioni meccaniche, manutenzione ordinaria
– riparazioni meccaniche di veicoli speciali
– riparazione di radiatori
– riparazione di marmitte
45.20.2 Riparazione di carrozzerie di autoveicoli
45.20.20 Riparazione di carrozzerie di autoveicoli
– manutenzione e riparazione di carrozzerie: riparazione di parti di autoveicoli, spruzzatura e verniciatura,
riparazione di parabrezza e finestrini, riparazione di sedili per autoveicoli, trattamento antiruggine
– riparazione di carrozzerie di veicoli speciali
– installazione di parti e di accessori non inclusi nel processo di fabbricazione
45.20.3 Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli
45.20.30 Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli
– officine di elettrauto
– installazione di autoradio e antifurti per autoveicoli
– riparazione di sistemi di iniezione elettronica
– riparazione, installazione di impianti di telefonia mobile su autoveicoli
– officine di riparazione, installazione di impianti gpl e metano
– riparazione di carburatori
– installazione e riparazione di climatizzatori per autoveicoli
45.20.4 Riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli
45.20.40 Riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli
– riparazione, installazione o sostituzione di pneumatici e camere d’aria
– equilibratura e convergenza ruote
45.20.9 Autolavaggio e altre attività di manutenzione
45.20.91 Lavaggio auto
– lavaggio auto, lucidatura eccetera (incluso autolavaggio self-service)
45.20.99 Altre attività di manutenzione e di riparazione di autoveicoli
– montaggio di ganci per traino eccetera

ATTENZIONE: dalla classe 45.20 sono escluse:
– rigenerazione e ricostruzione di pneumatici (codice 22.11)
– riparazione e sostituzione di pneumatici per motocicli e ciclomotori (45.40)
– soccorso stradale (52.21)
– revisione di autoveicoli a norma di legge (71.20).

45.3 Commercio di parti e accessori di autoveicoli.
Questo gruppo include: commercio all’ingrosso e al dettaglio di tutti i tipi di parti, componenti, forniture, strumenti ed accessori per autoveicoli, quali: copertoni in gomma e camere d’aria per pneumatici, candele, batterie, impianti di illuminazione e parti elettriche. È incluso anche il commercio per corrispondenza e via internet.
45.31 Commercio all’ingrosso ed intermediazione di parti e accessori di autoveicoli
45.31.0 Commercio all’ingrosso ed intermediazione di parti e accessori di autoveicoli
45.31.01 Commercio all’ingrosso di parti e accessori di autoveicoli
– incluso il commercio all’ingrosso di pneumatici e copertoni di autoveicoli
45.31.02 Intermediari del commercio di parti ed accessori di autoveicoli
45.32 Commercio al dettaglio di parti e accessori di autoveicoli
45.32.0 Commercio al dettaglio di parti e accessori di autoveicoli
45.32.00 Commercio al dettaglio di parti e accessori di autoveicoli
– incluso il commercio al dettaglio di pneumatici e copertoni di autoveicoli

ATTENZIONE: dalla classe 45.32 sono escluse:
– smantellamento di automobili per ottenere e rivendere parti che sono direttamente riutilizzabili come pezzi di ricambio (46.77)
– commercio al dettaglio di carburante (47.30).

45.4 Commercio, manutenzione e riparazione di motocicli e relative parti e accessori.
45.40 Commercio, manutenzione e riparazione di motocicli e relative parti ed
accessori
45.40.1 Commercio all’ingrosso e al dettaglio ed intermediazione di motocicli e ciclomotori
45.40.11 Commercio all’ingrosso e al dettaglio di motocicli e ciclomotori
– attività dei concessionari
45.40.12 Intermediari del commercio di motocicli e ciclomotori
45.40.2 Commercio all’ingrosso e al dettaglio ed intermediazione di parti e accessori per
motocicli e ciclomotori
45.40.21 Commercio all’ingrosso e al dettaglio di parti e accessori per motocicli e ciclomotori
– inclusa l’attività del commercio per corrispondenza e via internet di parti e accessori di motocicli
45.40.22 Intermediari del commercio di parti ed accessori di motocicli e ciclomotori
45.40.3 Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici)
45.40.30 Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici)

ATTENZIONE: dalla classe 45.40 sono escluse:
– commercio all’ingrosso di biciclette e relative parti ed accessori (46.49)
– commercio al dettaglio di biciclette e relative parti ed accessori (47.64)
– revisione di autoveicoli a norma di legge (71.20)
– noleggio di motocicli (77.39)
– riparazione di biciclette (95.29).

REVISIONE AUTO: SI PUÒ FARE O NO DAL 23 MARZO?

Per quanto riguarda invece la revisione auto e moto, ricordiamo che il recente Decreto Cura-Italia ha prorogato al 31 ottobre 2020 le scadenze che riguardano revisioni e collaudi previste nel periodo che intercorre da marzo a luglio 2020 (qui tutti i dettagli). In ogni caso, contrariamente alle prime anticipazioni online, anche la revisione auto rientra tra le attività necessarie, dato che il codice Ateco relativo ai “collaudi ed analisi tecniche” (71 e le pertinenti sottocategorie), che comprende anche le revisioni dei veicoli a motore, appare nella lista. Per cui le aziende che si occupano di revisione potranno restare aperte. Per conoscenza riportiamo i codici Ateco in cui rientra anche la revisione auto e moto:

71.2 Collaudi e analisi tecniche.
71.20 Collaudi ed analisi tecniche
71.20.1 Collaudi ed analisi tecniche di prodotti
71.20.10 Collaudi e analisi tecniche di prodotti
– attività relative ai collaudi fisici, chimici o di altro tipo su materiali e prodotti, tra cui: prove di acustica
e di vibrazioni, prove sulla composizione e sulla purezza di minerali eccetera
– prove nel settore dell’igiene alimentare, inclusi i controlli veterinari e il controllo della produzione alimentare
– analisi delle caratteristiche, delle proprietà fisiche e delle prestazioni dei materiali, come resistenza, spessore, durata, radioattività eccetera
– prove di qualificazione e di affidabilità
– test di prestazioni di macchinari finiti: motori, automobili, attrezzature elettroniche
– esami radiografici di saldature e giunzioni
– analisi dei guasti
– analisi e misurazione di indicatori ambientali: inquinamento atmosferico e idrico, ecc.
esami radiografici di saldature e giunzioni
– analisi dei guasti
– analisi e misurazione di indicatori ambientali: inquinamento atmosferico e idrico
– prove effettuate tramite l’impiego di modelli (esempio: aeromobili, navi, dighe)
– attività dei laboratori della polizia scientifica
71.20.2 Controllo di qualità e certificazione di prodotti, processi e sistemi
71.20.21 Controllo di qualità e certificazione di prodotti, processi e sistemi
– certificazione dei prodotti, inclusi beni di consumo, autoveicoli, aeromobili, contenitori pressurizzati, impianti nucleari, ecc.
– prove periodiche stradali della sicurezza degli autoveicoli e dei motocicli (revisione a norma di legge)
– certificazione dei processi di produzione eccetera
– certificazione dei sistemi di gestione per la qualità, l’ambiente e la sicurezza.

Scarica PDF

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monopattino elettrico

Monopattino elettrico: le regole in un video della Polizia

Auto elettriche usate più vendute online: la classifica 2021

La Spezia ponte

La Spezia: ponte mobile crolla nel porto