Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi

L’ADAC mette in guardia dalla chiamata di emergenza eCall in abbonamento: ecco quando e perché le Case auto rallentano i soccorsi

26 novembre 2020 - 11:35

La chiamata di emergenza eCall rischia di essere vanificata dai tentativi delle Case auto di gestire l’intervento dei soccorsi. E’ quanto afferma l’Automobile Club Tedesco che ha indagato sui sistemi per la chiamata automatica al 112 in caso d’incidente. Ecco cosa bisogna sapere della chiamata eCall di primo equipaggiamento ormai obbligatoria e di serie su tutte le auto nuove.

ECALL DI SERIE: LE CASE AUTO LUCRANO SULLA SICUREZZA?

La chiamata di emergenza eCall contribuirà a salvare 2500 vite ogni anno, secondo la Commissione europea, quando la maggior parte delle auto in circolazione ne sarà dotata. Il sistema per la chiamata eCall è infatti obbligatorio sulle auto di nuova omologazione dal 2018, quindi è possibile trovarlo anche sulle auto usate più recenti. Oltre al sistema eCall di primo equipaggiamento, si è conclusa in Italia anche la sperimentazione dell’eCall privato, che spieghiamo come funziona in questo articolo, anche per i veicoli che non l’avevano in origine. Quando la chiamata eCall è presente come primo equipaggiamento però presenta diverse criticità riportate dall’ADAC. In testa c’è il tentativo delle Case auto di gestire l’intervento dei soccorsi, ma anche i costi occulti del servizio.

LE AUTO CON CHIAMATA ECALL “PREMIUM” NON CONVINCONO

Il vantaggio di avere a bordo un sistema per la chiamata di emergenza automatica eCall è che in caso d’incidente sia attivata la macchina dei soccorsi nel più breve tempo possibile. Il problema però sorge quando le Case auto trovano il modo di interporsi tra l’auto che invia la richiesta di emergenza e il centralino che localmente riceve le richieste di soccorso inoltrate al NUE (Numero unico di Emergenza Europeo – 112). E’ una situazione, spiega l’ADAC, molto più frequente con i modelli dei Costruttori auto tedeschi. “Le ragioni sono ovvie: i costruttori vogliono essere i primi a conoscere i dati degli incidenti per poter fornire servizi e offerte aggiuntivi, come il soccorso meccanico, la riparazione dell’auto o la fornitura di un veicolo sostitutivo”. Mentre le marche di auto estere offrono un sistema di chiamata eCall che l’ADAC definisce “puro”, cioè che contatta direttamente il 112 in caso d’incidente.

CHIAMATA DI EMERGENZA ECALL: COSA NON FUNZIONA CON LE CASE AUTO

Questa distinzione è spesso velata e nascosta in pacchetti di servizi in abbonamento (come l’infotainment) sottoscritti all’acquisto dell’auto. Molti automobilisti però sottovalutano il fatto che per continuare ad usufruire del servizio di assistenza della Casa auto anche per l’eCall, l’abbonamento va rinnovato, magari con una scadenza di 10 anni. Ma questo rappresenta un enorme limite delle auto usate poiché il nuovo acquirente rischia di ritrovarsi con un sistema di emergenza inutilizzabile in caso di necessità. Quando in caso d’incidente un centralino che fa capo alla Casa auto tenta di gestire i servizi di soccorso – almeno in Germania – i soccorsi sono addirittura rallentati. Tra i problemi più frequenti riscontrati:

– Alcuni Call Center non sono attivi dopo le ore 20 o di notte (la fascia orari in cui sarebbe più difficile ricevere soccorsi se l’incidente si verifica in una strada non trafficata);

– I luoghi degli incidenti trasmessi oralmente possono essere assegnati in modo errato ai soccorsi. Comunicando oralmente le coordinate GPS sbagliate, a causa dei formati diversi (Gradi, Minuti e Secondi; Gradi e Minuti decimali; Gradi decimali) i soccorsi si allontanano anche di chilometri dal luogo dell’incidente.

Ecco perché bisogna prestare molta attenzione quando si acquista un’auto nuova alla sottoscrizione di abbonamenti e sulla base delle valutazioni ADAC, preferire i sistemi di chiamata di emergenza eCall diretti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Telepass non funzionante: cosa fare al casello

Test gomme invernali e 4 stagioni 2020 – 2021: 15 pneumatici a confronto

Vendita auto usata online truffe

Le auto usate più longeve per Marca e Modello: la Top 10