Carpooling aziendale

Carpooling aziendale: cos’è, come funziona e vantaggi

Anche in Italia si sta diffondendo il carpooling aziendale. Scopriamo che cos'è, come funziona e quali vantaggi porta ai lavoratori e anche alle aziende

5 febbraio 2020 - 16:46

Tutti conoscono (e molti utilizzano) BlaBlaCar, la piattaforma web di auto in condivisione. Pochi, invece, sanno che cos’è il carpooling aziendale, la soluzione che consente ai dipendenti di una stessa azienda, o di aziende limitrofe, di effettuare il tragitto casa-lavoro insieme, condividendo la stessa auto. In effetti l’idea è tanto semplice quanto geniale: se cinque persone che si recano al lavoro nello stesso posto, o in posti vicini, utilizzando ognuno la propria macchina, si mettono d’accordo per viaggiare a bordo di una sola vettura, hanno solo da guadagnarci. In termini economici (risparmiando carburante ed eventuali pedaggi autostradali), in termini ecologici (una sola automobile che circola è meglio di cinque automobili che circolano). E anche dal punto di vista dei rapporti umani: effettuando insieme il tragitto casa-lavoro e viceversa possono conoscersi meglio e cementare lo spirito di gruppo.

I NUMERI DEL CARPOOLING AZIENDALE IN ITALIA

In Italia il carpooling aziendale, pur senza raggiungere (ancora) i numeri del carpooling generico (BlaBlaCar e servizi simili), sta iniziando a riscuotere i primi grandi successi. Nel 2019, per esempio, secondo i dati di Jojob sono stati percorsi 4.288.848 km condividendo l’auto nella tratta casa-lavoro, risparmiando ben 5.892.016 km e contribuendo a togliere dalla strada oltre 197.595 vetture. Ma non solo: lo sharing aziendale ha generato un risparmio di 765.962 kg di CO2, mentre in termini economici ciascun utente del carpooling aziendale ha potuto risparmiare 1.966,20 euro, dividendo le spese di carburante, caselli e parcheggi, per un totale di 1,2 milioni di euro. La tratta media percorsa in condivisione è stata di 29 km, con equipaggi formati in media da 2,38 passeggeri.

COME FUNZIONA IL CARPOOLING AZIENDALE

Per il carpooling aziendale ci si può organizzare con il fai-da-te, mettendosi d’accordo di persona con i propri colleghi o con i dipendenti di aziende limitrofe. Oppure sono a disposizione alcune piattaforme web, fruibili anche tramite app, che svolgono questo servizio. La più diffusa è la già citata Jojob, che si rivolge non solo ai lavoratori, consentendogli di trovare facilmente le persone che fanno lo stesso percorso (o comunque quello più compatibile) e ai medesimi orari, ma anche alle società, offrendo loro soluzioni complete di welfare aziendale dal punto di vista della mobilità. Altre piattaforme di carpooling aziendale presenti sul mercato italiano sono Up2Go e BePooler, che offrono più o meno le stesse opportunità di Jojob. Consultate i rispettivi siti web per valutarle correttamente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete