Bici, Auto o Bus: qual è il mezzo più veloce per andare al lavoro?

Uno studio dell’Università di Milano rivela qual è il modo più intelligente per muoversi in città: bici. Bus e auto a confronto

24 settembre 2020 - 13:00

Vivere nelle grandi città o lavorarci semplicemente spesso comporta scegliere il mezzo giusto per andare in ufficio. La scelta tra andare in bici, auto o bus, va poi combinata con le varie esigenze familiari. Ma quale di questi è il modo più smart e veloce per muoversi in città? Lo rivela uno studio condotto a Milano, in cui non sempre l’auto è la scelta più intelligente anche se spesso inevitabile.

I PERCORSI DELL’INDAGINE DALLA PERIFERIA AL CENTRO DI MILANO

Nell’ambito del progetto “Senti che aria tira”, Altroconsumo ha realizzato un’indagine in collaborazione con l’Università Statale di Milano e l’università dell’Insubria. Nei panni dei pendolari che ogni giorno devono raggiungere il centro di Milano dall’hinterland, hanno voluto studiare quanto si impiega ad andare in bici, in auto o con i mezzi pubblici al lavoro. Lo studio, effettuato da 4 punti di partenza diversi, ha analizzato anche quante e quali emissioni si respirano. I ricercatori che hanno partecipato all’indagine indossavano dei misuratori di particelle per tutto il percorso nei quattro diversi tragitti:

–  Viale Monza al Centro di Milano;

– Via Cassanese al Centro di Milano;

– Naviglio Pavese al Centro di Milano;

– Viale Certosa al Centro di Milano.

Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

BICI, AUTO O BUS: QUAL È IL PIÙ VELOCE PER MUOVERSI A MILANO?

Per capire quale fosse il mezzo più veloce, i ricercatori hanno misurato il tempo impiegato per gli spostamenti durante due settimane. In tutti e 4 i tragitti, andare in bici è il modo più veloce, anche se di poco rispetto a TPL e all’auto personale. Per 2 tragitti in particolare (da Viale Monza e da Naviglio Pavese) guidare l’auto in città si è rivelato più dispendioso in termini di tempo. Questi tempi sono calcolati considerando che nei vari spostamenti:

– il ciclista ha combinato l’uso della bici con il treno o la metropolitana;

– chi si sposta a piedi, lo fa raggiungendo la fermata dei mezzi pubblici in auto per poi usare il TPL per il centro;

– l’automobilista non ha usato mezzi pubblici.

Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

BICI, AUTO O BUS: QUANTE SOSTANZE SI RESPIRANO NELL’ARIA?

La conclusione dell’indagine è che combinando bici e mezzi pubblici si riesce a raggiungere più velocemente il centro di Milano. Ma analizzando i dati raccolti sulle emissioni “respirate” la bici non è sempre il modo migliore per proteggersi dalle sostanze nocive presenti nell’aria. Dal report dell’indagine, infatti, viene fuori che andare in bici espone al più alto livello di particelle di PM10 e PM2,5 rispetto a mezzi pubblici e auto. Si è esposti a molti più NO2 e Benzene in auto. I trasporti pubblici invece espongono al più basso livello di emissioni, fatta eccezione per il particolato di Nero di Carbone.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020