Telepass cambio targa

Autostrade, multa Antitrust di 10 mila euro per rimborsi pedaggio

L’Antitrust multa Autostrade per i rimborsi del pedaggio in caso di ritardo e traffico: ecco perché ha ridotto la sanzione a 10 mila euro

20 maggio 2022 - 9:56

L’Autorità Garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) ha irrogato una sanzione, sebbene in misura ridotta riconoscendo la buona volontà di Autostrade, per inottemperanza. Al centro dell’istruttoria è finito il meccanismo di riduzione del pedaggio autostradale in caso di ritardi provocati agli automobilisti.

L’ANTITRUST INDAGA SUI RIMBORSI DEI PEDAGGI AUTOSTRADE

L’Antitrust ha scontato la sanzione ad Autostrade per l’Italia considerando l’impegno nell’attuare il meccanismo di cashback del pedaggio. Il provvedimento è arrivato al culmine di un procedimento “per non aver dato seguito alla diffida che le imponeva la cessazione della pratica scorretta già accertata con delibera di marzo 2021”. Il procedimento era stato avviato nel mese di luglio 2021 in assenza di misure adottate da ASPI – scrive l’Antitrust in un comunicato – che contemplasse una riduzione del pedaggio o comunque una procedura che prevedesse l’attivazione di meccanismi di riduzione del pedaggio. I contesti che l’Autorità ha imputato ad ASPI sono:

– casi di grave disagio alla fruibilità del servizio autostradale;

riduzioni delle corsie di marcia e/o specifiche limitazioni della velocità massima consentita con conseguenti code;

rallentamenti e significativo aumento dei tempi di percorrenza.

AUTOSTRADE MODIFICA IL CASHBACK PER I RIMBORSI PEDAGGI

Come molti lettori avranno letto anche su SicurAUTO.it, Autostrade ha attivato il sistema di Cashback, subito dopo l’avvio del procedimento, sottolinea l’Antitrust. “Questo è stato oggetto di analisi, di approfondimenti e di molteplici confronti sia con Aspi sia con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili”. Grazie a questa attività di controllo, ASPI ha apportato alcuni miglioramenti al programma di Cashback che è stato modificato e perfezionato riguardo a:

–  rimborsi che vanno dal 25% al 100% del pedaggio a seconda della fascia chilometrica percorsa e del ritardo accumulato a causa dei  cantieri di lavoro;

– sono previsti rimborsi per ritardi a partire da 10 minuti per viaggi fino a 99 km e ad almeno 15 minuti per tutte le altre fasce (fino oltre i 500 km). Sono calcolati prendendo come riferimento la velocità media storica che per i veicoli leggeri è pari a 100 Km/h, mentre per i veicoli pesanti è pari a 70 km/h;

– modalità di erogazione del rimborso, il cui processo è gestito tramite l’app FREE TO X – scaricabile gratuitamente dagli utenti e, in futuro, anche tramite apposita sezione del sito internet di ASPI;

– approvazione ed erogazione del rimborso in maniera automatica – anche nell’ipotesi di ritardo minimo – a seconda del metodo di pagamento del pedaggio utilizzato dal cliente.

MULTA AUTOSTRADE PER RIDUZIONE E RIMBORSI PEDAGGIO

In considerazione delle misure adottate da Autostrade, l’Autorità Garante ha deciso di irrogare la multa in misura ridotta pari a 10 mila euro. “L’attuazione di tutte le misure proposte dalla società, giudicate pienamente idonee a superare la pratica ritenuta scorretta con il provvedimento principale di marzo 2021, si concluderà entro la fine del 2022. Motivo per il quale l’Autorità ha comunque ritenuto che il comportamento di ASPI vada configurato come una violazione dell’art. 27, comma 12, del Codice del Consumo”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori