Autostrade e lockdown: l’estate 2020 tra cantieri e ispezioni del Ministero

Gallerie sotto indagine al nord e presto anche al centro-sud: ecco come si preannuncia l’estate 2020 tra ispezioni del Ministero, autostrade e lockdown

15 giugno 2020 - 11:13

L’estate 2020 per gli automobilisti in viaggio si preannuncia di code e cantieri, ma per motivi diversi dalle passate stagioni. Autostrade e lockdown da ispezioni del Ministero sono l’attuale scenario che apre ufficialmente la stagione degli spostamenti tra le regioni. Ecco perché l’estate 2020 in viaggio sarà molto diversa e non soltanto per le limitazioni post Coronavirus, ormai quasi alle spalle.

AUTOSTRADE E LOCKDOWN: L’ESTATE 2020 PER GLI ITALIANI

Se in genere le giornate di maggiore traffico sono anticipate da misure che agevolano un viaggio in autostrada (chiusura cantieri, stop a mezzi pesanti, ecc.), l’estate 2020 sarà molto diversa. Da un lato gli italiani, costretti a restare a casa, hanno accumulato un bisogno di evasione, dall’altro dovranno fare i conti con le limitazioni dei DPCM. Dal 3 giugno sono autorizzati gli spostamenti tra le regioni, ma la stagione estiva 2020 si apre con il controlli di sicurezza del MIT sulle gallerie. La Liguria è stata la prima regione che ha fatto i conti con autostrade in lockdown per i controlli del Ministero, e presto toccherà anche alla rete viaria al centro e al sud.

AUTOSTRADE E LOCKDOWN: PARTONO LE VERIFICHE IN LIGURIA

Gallerie autostradali chiuse per le ispezioni notturne del Ministero sulla sicurezza delle infrastrutture, per evitare i crolli e cedimenti che si sono verificati negli ultimi mesi. Quando tutto fila liscio con le ispezioni, la strada viene riaperta al traffico entro il mattino seguente. Se invece serve qualche intervento di manutenzione di emergenza per rimettere in sicurezza l’infrastruttura, la chiusura potrebbe prolungarsi, com’è accaduto per la Liguria. Sono circa 30 le gallerie sottoposte alle verifiche solo in Liguria, basate sul protocollo definito dall’ispettore del MIT Placido Migliorino, che in molti casi hanno portato a lunghe code di auto. I controlli sulla sicurezza delle infrastrutture si sono resi necessari dopo il più recente crollo di una parte della volta della galleria Berté a fine 2019.

LE VERIFICHE DEL MINISTERO ANCHE SULLE AUTOSTRADE DEL CENTRO-SUD

Per far fronte alla situazione emergenziale che è scaturita con le verifiche alle gallerie, Autostrade ha concesso la gratuità del pedaggio su alcune tratte (A7 da Vignole a Genova; ai caselli dell’A10 da Genova Aeroporto a Varazze e viceversa; tratto Genova Bolzaneto, Genova Ovest, Genova Est). Inoltre pare sia stato incrementato il contingente di mezzi speciali a disposizione e di materiali necessari ad ultimare i lavori entro fine giugno. Come riporta Maurizio Caprino de Il Sole 24 Ore però, la situazione calda è attesa anche al centro-sud. Entro la fine di giugno dovrebbero partire le ispezioni notturne sulle tratte A1, A14, A16 e A30, per Autostrade e A24, A25 e A3. Se le gallerie mostreranno necessità di manutenzione, il rischio di chiusura diurna per gli automobilisti in viaggio è una variabile da mettere in contro per l’estate 2020.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici in inverno: quale valore e come regolarsi

Guida distratta: il 14% delle multe in una settimana solo in autostrada

Gomme quattro stagioni: Dunlop debutta con le Sport All Season