Bollo auto 2021 proroga esenzioni

Assicurare l’auto all’ufficio postale: sarà possibile in tempi brevi

Prossimamente i consumatori italiani potranno assicurare l'auto all'ufficio postale grazie a un nuovo servizio di Poste Italiane. Saranno disponibili ben 12.000 nuovi sportelli.

26 luglio 2019 - 12:00

Presto sarà possibile assicurare l’auto direttamente all’ufficio postale, tra l’invio di un pacco e il pagamento di un bollettino. È questa l’ultima novità a cui sta lavorando Poste Italiane, così come previsto dal business plan al 2022 che prevede la crescita nel settore danni. Attualmente l’azienda fornisce già prodotti assicurativi per la protezione di persone (infortuni, viaggi, salute), animali, finanziamenti e imprese.

RC AUTO DI POSTE ITALIANE ENTRO LA FINE DELL’ANNO

Poste Italiane conta di entrare nel mercato della RC auto entro la fine dell’anno, così come ha riferito l’amministratore delegato Matteo Del Fante in un’intervista rilasciata a Repubblica. “Allo stesso modo di ciò che abbiamo fatto per i prodotti finanziari”, ha spiegato il manager, “Proporremo ai nostri clienti le polizze assicurazione auto di varie compagnie, comprese di sicuro le maggiori italiane”. Poste Italiane, quindi, non opererà in prima persona e non avrà i suoi periti e i suoi liquidatori, ma farà da semplice intermediario.

ASSICURARE L’AUTO IN 12.000 UFFICI POSTALI

Si tratta comunque di un progetto molto interessante, la cui vera forza consiste nella vastità delle proporzioni. Poste Italiane conta infatti oltre 12.000 uffici postali disseminati in ogni parte d’Italia, anche nei paesini più sperduti. E dunque ci saranno 12.000 nuovi sportelli in cui si potrà assicurare l’auto. E se è vero che molti consumatori preferiscono ormai affidarsi esclusivamente al web, è anche vero che il contatto diretto e personale con un agente o un intermediario assicurativo riesce ancora a trasmettere una maggiore fiducia. Soprattutto visto il proliferare di siti truffa che provano a turlupinare i clienti con offerte che in realtà non esistono.

POSTE ITALIANE E L’ASSICURAZIONE AUTO

Secondo le prime indiscrezioni, per lo sbarco sul mercato assicurativo della RC auto Poste Italiane avrebbe già costituito la società Poste Insurance Broker, avviata con un capitale sociale di 600 mila euro e guidata dall’amministratore unico Loris Marzini, ex dirigente in Allianz, Genialloyd e Winterthur. Si dice anche che la neonata società aprirà una fase sperimentale, durante la quale si rivolgerà esclusivamente ai propri dipendenti, prima di iniziare ufficialmente il business. Quindi, riassumendo: Poste Italiane svolgerà l’esercizio della attività di consulenza, distribuzione e intermediazione assicurativa e riassicurativa presso i suoi 12.000 sportelli con prodotti di altri operatori del comparto assicurazione auto. L’obiettivo è raggiungere una clientela (i frequentatori abituali di uffici postali, immaginiamo un target non giovanissimo) altrimenti difficile da intercettare sia per gli operatori tradizionali che per quelli online.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?

Aeroporto Bergamo: trova i parcheggi e gli orari dei voli