Acquisto auto nuova: il 51% degli europei lo farebbe online

Foto e video superano le abilità dei venditori in carne e ossa: lo rivela un’indagine europea sull’acquisto dell’auto nuova online

14 giugno 2019 - 18:16

Cresce in rete la passione per i motori. Secondo una ricerca svolta da MotorK e presentata in occasione di IAB Internet Motors gli europei si informano sempre più online. I dati raccolti da Google confermano che il 92% di chi vuole comprare un’auto inizia la scelta tramite smartphone e pc. Addirittura il 51% del campione è pronto a completare l’acquisto direttamente in rete. Ecco allora che foto e video delle vetture orientano le decisioni dei consumatori, per il 93% le immagini sono sufficienti nella scelta. Per questo motivo le aziende auto sono pronte ad investire sempre di più sulla pubblicità in particolare tramite portali e social network. Tra questi spicca il primato di Facebook e Instagram che si confermano tra i catalizzatori principali. Vediamo i dettagli.

ECOMMERCE IN ARRIVO

L’acquisto dell’auto online è sempre più vicino. Il 51% degli europei è pronto ad acquistare l’auto in rete e gli bastano foto e video per decidere che scelta fare. Uno studio svolto da MotorK e svelato in occasione di IAB Internet Motors, mette nero su bianco i vantaggi del digitale. La 21esima edizione di Internet Motors ribadisce l’invito agli operatori del settore auto a guardare con fiducia alle nuove tecnologie. La ricerca ha coinvolto 5.000 utenti tra Italia, Francia, Spagna, Uk e Germania. Il mercato automotive vive una fase di profondi cambiamenti. Foto e video sono indispensabili nel processo di scelta dell’auto giusta anche perché Google conferma che il 92% dei consumatori inizia la ricerca dell’auto online. La ricerca MotorK ci dice che il 93% dei consumatori ritiene che le immagini siano elementi più importanti nella scelta della vettura. Il 71% del campione preferisce invece affidarsi ai video.

LE SCELTE DEGLI UTENTI

Garantire la fruizione digitale dei veicoli è compito delle case auto. L’online advertising resta una delle principali strategie per avvicinare i clienti al prodotto. I dati Nielsen dicono che la pubblicità in rete del settore auto vale il 35,3% del totale degli investimenti, di poco sopra alla media del mercato. Video e social advertising rappresentano insieme il 40% della pubblicità relativa alle auto. Con le ricerche in crescita il search advertising è importante perché permette di raggiungere i potenziali clienti all’inizio del processo di scelta. I social media si confermano determinanti. Facebook conferma che la comunità degli appassionati di auto è una delle più grandi e attive su Instagram. Basti pensare che a gennaio 2019 i post su Instagram con l’hashtag #car sono stati 54,7 milioni. Case auto e operatori del settore devono scommettere su Feed, Stories e IG TV, con foto e video mirati alla scelta e all’acquisto.

LA NUOVA VENDITA

Marco Marlia, fondatore e CEO di MotorK, ha precisato: “Le abitudini dei consumatori sono evolute velocemente, imponendo un percorso di acquisto basato su elementi visivi”. L’auto quindi non è diversa da settori come il turismo, la ristorazione e la moda tutti orientati all’ecommerce. Prosegue Marlia: “E’ necessario individuare il giusto mix di strumenti e contenuti indispensabili agli utenti per fare la propria scelta, anche quando si tratta di beni come un’auto”. Secondo i dati Nielsen, gli investimenti in pubblicità online cresceranno ancora quest’anno. I consumatori in Europa e in Italia, si informano sempre più in rete fidandosi di portali e video recensioni. Questa fiducia in internet si trasforma nel desiderio di molti di finalizzare l’acquisto in rete. Le aziende del comparto auto scelgono quindi di comunicare i propri prodotti attraverso la rete. Ovvio che in questa dinamica anche le concessionarie sono chiamate a fare la loro parte.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Radiazione auto per esportazione 2020

Radiazione auto per esportazione: dal 2020 è obbligatoria la revisione

Gomme quattro stagioni: la classifica 2019 per marca e modello

Lavorare in Porsche: è il miglior luogo di lavoro 2020