Arriva l'assicurazione per le auto più sicure: i 17 modelli che pagano meno

Insieme al processo tecnologico in atto, che vede sistemi ADAS sempre più sviluppati, arrivano le prime mosse delle compagnie assicurative

20 dicembre 2017 - 11:01

I sistemi di guida ADAS stanno più o meno lentamente, cambiando il mondo delle auto. Non parliamo solo del maggiore confort offerto dagli Advanced Driver Assistance Systems, ma soprattutto della maggiore sicurezza. Proprio per questo, le assicurazioni cominciano ad attrezzarsi per offrire ai propri clienti polizze che incentivino gli automobilisti ad acquistare auto che abbiano tali servizi disponibili – in Inghilterra è stata presentata dalle assicurazione una lista in 10 punti per fare chiarezza. Il Gruppo ITAS Assicurazioni lancia così sul mercato la polizza ITASafety Car, che consente di risparmiare fino al 25% rispetto alle polizze standard in base al numero di dispositivi, e relativo punteggio Euro NCAP, di cui è dotata la propria vettura.

CALCOLATI I SISTEMI ADAS DISPONIBILI A BORDO Prima ancora di capire quali siano i modelli più “economici”, assicurativamente parlando, ripassiamo quelli che sono i sistemi ADAS presi in considerazione da ITAS per ottenere questa riduzione di prezzo della polizza. Gli AEB, ovvero i sistemi di tecnologia anticollisione con radar e frenata automatica di emergenza, il cofano attivo, che non solo ha una deformazione controllata per diminuire i danni all'interno dell'abitacolo, ma che fornisca anche un airbag per pedoni per ridurre i danni in un eventuale incidente. Insieme a questi sono stati presi in considerazione i sistemi Lane Support System, con controllo della carreggiata, e i sistemi SBR che riguardano il grado di sicurezza delle cinture e delle spie che ne segnalano il mancato allacciamento. Per fare ulteriore chiarezza, non perdetevi la nostra intervista a Erik Gola di Bosch Italia che ci spiega nel dettaglio come funzionano i sistemi ADAS – mentre qui trovate un'indagine di Bosch che spiega i vantaggi della guida autonoma.

12 AUTO PER 17 COSTRUTTORI Tornando in tema assicurazione e sistemi ADAS, è stata fornita da ITAS la lista delle auto comprese in questa offerta insieme alla percentuale di risparmio, calcolata mediante una serie di test ideati ed eseguiti seguendo il protocollo europeo Euro NCAP – restando in tema ecco i risultati degli ultimi test con tanti bocciati “eccellenti”. La lista verrà aggiornata ogni tre mesi, anche seguendo le nuove presentazioni e le novità tecnologiche che verranno equipaggiate sulle prossime auto e attualmente comprende 12 costruttori e 17 modelli di auto, che spaziano dalle city car passando per berline, crossover e SUV – qui puoi trovare tutte le auto e i relativi punteggi ottenuti negli ultimi test Euro NCAP che, vi ricordiamo, calcolano anche il numero e la qualità di sistemi a bordo.

TRA CONFERME E NEW ENTRY Analizzando la tabella offerta da ITAS, vediamo come siano state presentate tre fasce di incentivi, del 15 – 20 e 25%. Come dicevamo, tanti i modelli e tante le tipologie di auto. Volkswagen piazza tre modelli, Polo, T-Roc e Arteon in tre categorie, anche in base alla presenza crescente, salendo di segmento, dell'offerta ADAS nel proprio portafoglio prodotti. Volvo si conferma come uno dei Marchi più all'avanguardia quando si parla di sicurezza e guida assistita, come dimostrano la nuova XC60 – nella prima fascia – e le due ambasciatrici S90 e V90 – entrambe in terza fascia. Mercedes presente con la sola Classe X – in terza fascia -, così come Alfa Romeo con il suo SUV Stelvio -in seconda –  e DS con la DS7 Crossback – in terza fascia. Buon risultato anche per Subaru, rappresentata da due modelli – la Impreza e la XV – in seconda fascia così come il Gruppo JLR, con Discovery e Velar. Un incentivo in più per portare gli automobilisti a puntare sulle auto di nuova generazione, in grado di presentarsi sul mercato con un'offerta competitiva non solo per il confort, ma soprattutto per la sicurezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante