Ancona: parcheggi gratis per le auto elettriche

È l'ultima iniziativa della città per agevolare la diffusione dei veicoli a batteria. Altre l'hanno preceduta, ma i progetti locali cadono spesso nel vuoto se mancano quelli nazionali

25 agosto 2011 - 11:25

La giunta del capoluogo marchigiano, su proposta dell'assessore all'Ambiente Diego Franzoni, ha approvato di istituire, per le vetture a batteria, il posteggio gratuito nelle aree di parcheggio della città delimitate da strisce blu.

CI SONO ANCHE GLI INCENTIVI LOCALI – Il “regalo” del parcheggio a costo zero è stato deliberato in via sperimentale e durerà per tutto il 2011. Toccherà a Mobilità e Parcheggi, la società a capitale interamente pubblico che gestisce le aree di sosta della città, occuparsi di un problema solo apparentemente secondario: la corretta individuazione dei modelli a batteria che hanno diritto all'esenzione e la sua applicazione pratica. «La gratuità del parcheggio – ha dichiarato l'assessore Franzoni – nasce dall'esigenza di mettere in campo azioni di indirizzo verso una mobilità sostenibile». Franzoni ha accennato anche al programma comunale d'incentivazione all'acquisto di veicoli elettrici varato dalla giunta, che prevede un contributo di 1.000 euro a spese del l'amministrazione, mentre importi più contenuti, fino a 500 euro, sono disponibili per ciclomotori elettrici e bici a pedalata assistita.

ANCONA “SPINGE” SULL'ELETTRICO… – L'iniziativa di Ancona è l'ultima di una serie che vede la città muoversi piuttosto attivamente nell'ambito degli sforzi per agevolare la mobilità elettrica. Oltre ai già ricordati incentivi all'acquisto (finora utilizzati da 24 cittadini per comprare altrettante vetture), vanno menzionati anche il progetto “Civitas Catalist”, la conferenza pubblica sulla mobilità sostenibile dell'11 aprile scorso, e l'offerta di ricarica gratuita per i veicoli a batteria disponibile presso la sede dell'Ikea grazie all'accordo tra questa azienda ed Energy Resources.

…MA A ROMA SI PROCEDE A RILENTO – Ancona, insomma, al pari di altre città italiane, sul fronte della mobilità elettrica si muove con una certa regolarità. Purtroppo, invece, sono ancora lenti e insufficienti i passi del governo sulle attività di incentivazione a livello nazionale. Lo stesso assessore Franzoni ha ricordato che i contributi comunali già approvati si aggiungono a quelli statali che valgono fino a 5 mila euro per ogni vettura. Contributi che però, per il momento sono solo sulla cata, poiché ancora fermi allo stadio di “progetto di legge approvato”. Ovviamente, nel pieno dell'iter di approvazione della manovra economica-bis, il legislatore ha ora ben altro da fare, il che certo non alimenta le speranze di chi auspica una rapida trasformazione del progetto di legge sull'auto elettrica in una vera legge.

 

 

 

 

 

 

 

Il giusto premio a chi punta su autovetture che salvaguardano l'ambiente: ad Ancona non ci hanno pensato su molto e su proposta dell'Assessore all'Ambiente, Diego Franzoni, hanno deciso di premiare il comportamento virtuoso di chi si affida ad auto elettriche, varando un provvedimento che rende gratuiti i parcheggi nelle zone blu per tutto il 2011 ai possessori di veicoli “verdi”.

Se in Italia la commercializzazione di veicoli che non si affidano a benzina e gasolio ma all'energia elettrica per muoversi è quasi ferma (sono poco più di mille le auto elettriche che circolano nel nostro paese), il comune marchigiano prova a dare una smossa al mercato stanziando anche un incentivo di mille euro per chi vorrà affidarsi ad un veicolo elettrico. In questo modo Ancona entra nella lista dei comuni che punta ad incentivare l'utilizzo di  veicoli a minor impatto ambientale, come sono quelli elettrici,  lista che conta anche città come Bologna, Parma, Modena e Roma.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici