Agli italiani l'auto piace grigia: i colori più scelti e cosa significano

Quali sono i colori preferiti in Italia per l'auto nuova? Ecco la classifica e come appare chi sceglie il rosso, il nero e il marrone

10 luglio 2017 - 9:00

Dimmi di che colore la vuoi e ti dirò chi sei. Perché in fondo, il colore, insieme agli optional (leggi qui la lista dei gadget per auto più folli) e agli allestimenti, ricopre un'importanza particolare, rappresentando i propri gusti, la propria personalità, e il proprio voler apparire, oltre ad essere un elemento selettivo anche nel caso di vendita futura della propria auto. In un mercato che offre sempre più colorazioni, che vanno dai classici metallizzati, agli opachi e ai cangianti, ci ha pensato UNRAE (unione nazionale rappresentati autoveicoli esteri), attraverso una sua indagine, a chiarire la situazione, analizzando il mercato dei privati, noleggi e delle aziende (leggi i dati delle immatricolazioni in Italia). I dati, riferiti al semestre gennaio-giugno 2017, non fanno altro che confermare un trend che vede nel grigio, bianco e nero i tre colori preferiti dagli italiani.  Come evidenziato nel grafico, il grigio ricopre il 35% del mercato totale, una maggioranza importante, seguito al 28% dal nero, un evergreen, mentre scende la “quotazione” del bianco, che negli ultimi anni aveva toccato punte del 38%. Ma entriamo meglio nel dato.

GRIGIO TRAINATO DAL MERCATO DEL NOLEGGIO Andando a spacchettare il grafico a torta, si deduce come, a differenza di quanto si potesse immaginare a prima vista, non si ha una netta preferenza, per quanto riguarda i privati, tra il bianco ed il grigio, quanto nelle vetture a noleggio, dove la differenza è sensibile: circa il 21,6%. Quali possono essere le cause? Negli ultimi anni, quello del noleggio, è un mercato che sta conoscendo una rapida espansione (rappresentando il 25% del mercato nel periodo analizzato), e il grigio, da sempre, è uno dei colori meno “problematici”, adatto ad ogni fascia d'età (sempre in accordo con i dati UNRAE) e regione geografica. Unendo questi fattori ecco come, le statistiche, abbiano riportato in auge un colore che, negli ultimi anni, si era visto “sverniciato”, passateci il gioco di parole, dal bianco, che rimane comunque ben presente soprattutto guardando ai privati e alle flotte aziendali. In questa lotta a due si inserisce il nero, da sempre uno dei colori preferiti dagli italiani, che replica le stesse quotazioni in ogni fascia di mercato. E gli altri colori?

TRA I COLORI PASTELLO VINCE L'AZZURRO Nella gara degli “altri” abbiamo l'azzurro rosso e marrone che si dividono gran parte del mercato rimanente. Nel caso dei colori pastello, è giusto fare un'analisi principalmente del mercato dei privati, dove il rosso viene incredibilmente superato dal marrone, anche se con una percentuale esigua, mentre l'azzurro tiene la testa con una buona percentuale. Interessante notare come, le quotazioni del marrone, salgano di pari passo all'aumento dell'età, che lo confermano come colore preferito dai più anziani, toccando addirittura il 12,6% del totale nella fascia degli over 65.Dopo un po' di statistiche qualche curiosità.

IL MARRONE E' IL COLORE DA EVITARE Come vi dicevamo in apertura, la scelta del colore dell'auto, può rappresentare molto più di quanto si possa pensare. Uno studio condotto dalla britannica JTC600, ha collegato le scelte di acquisto del colore dell'auto al proprio carattere e sono usciti dei risultati molto simpatici. Ad esempio, chi possiede un'auto rossa è più felice (circa il 34% del campione) ma, se il vostro obiettivo è quello di garantirvi le attenzioni del gentil sesso, sappiate che le donne sono più attratte da chi guida un'auto nera (33% delle donne). Avete scelto il marrone per la vostra prossima auto? Fate attenzione, secondo JTC600 potreste apparire non solo come più tristi, ma anche scontrosi e poco gentili…a voi la scelta!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante