Codice armonizzato 96 della patente B

Scadenza patente: come si verifica?

La scadenza patente ricade il giorno del compleanno del titolare, ma la sua validità cambia in base a categoria ed età: ecco come verificare se è scaduta

3 maggio 2021 - 11:02

La scadenza patente è uno dei motivi più frequenti che trovano gli automobilisti impreparati, poiché non sempre si riesce a ricordare quando scade la patente. La difficoltà più frequente infatti non riguarda la data di scadenza patente (ormai standardizzata), ma la durata della patente in base all’età. Una lacuna veniale che non crea particolari problemi, finché non ci si trova a dover esibire una patente dopo la scadenza della sua validità. Allora abbiamo voluto riassumere quando scade la patente, i periodi di validità e soprattutto come controllare la scadenza patente.

SCADENZA PATENTE E PROROGA DELLA VALIDITA’ PER CORONAVIRUS

Fatta eccezione per l’emergenza sanitaria da Coronavirus che ha prorogato i termini per ogni tipologia di patente, foglio rosa, CQC e CAP per il 2021, la patente ha un suo periodo di validità come qualsiasi altro documento di riconoscimento. Con il decreto semplificazioni del 2012, la scadenza patente A e B è stata fatta coincidere con la data di nascita del titolare. In questo modo è più semplice ricordare almeno il mese e il giorno in cui termina la validità della patente. La semplificazione non vale invece per le altre categorie e per chi non ha ancora rinnovato la patente dopo il 2012. Riguardo invece all’anno di scadenza della patente, cambia in base alla categoria e all’età, come stabilito dall’articolo 126 del Codice della Strada.

SCADENZA PATENTE AM, A1, A2, A, B1, B E BE

– 10 anni per le patenti di guida delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B e BE fino a 50 anni di età;

– 5 anni per le patenti di guida delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B e BE da 50 a 70 anni di età;

– 3 anni per le patenti di guida delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B e BE dopo 70 anni di età;

– 2 anni per le patenti di guida delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B e BE dopo 80 anni di età;

– 5 anni per le patenti di guida speciali delle categorie AM, A1, A2, A, B1 e B fino a 70 anni di età;

– 3 anni per le patenti di guida speciali delle categorie AM, A1, A2, A, B1 e B dopo 70 anni di età;

– 5 anni per i certificati di abilitazione professionale di tipo KA e KB;

SCADENZA PATENTE C1, C1E, C E CE

– 5 anni per le patenti di guida delle categorie C1, C1E, C e CE fino a 65 anni di età;

– 2 anni per le patenti di guida delle categorie C1, C1E, C e CE dopo 65 anni di età;

SCADENZA PATENTE D1, D1E, D E DE

– 5 anni per le patenti di guida delle categorie D1, D1E, D e DE fino a 65 anni (con limitazioni da 65 a 68 anni);

– 3 anni per le patenti di guida delle categorie D1, D1E, D e DE dopo 70 anni di età;

– 2 anni per le patenti di guida delle categorie D1, D1E, D e DE dopo 80 anni di età;

COME VERIFICARE LA SCADENZA PATENTE 

Ci sono tre modi per verificare se la patente è scaduta, soffermandoci in particolare sulle categorie di patenti non professionali, la cui scadenza si potrebbe dimenticare con più facilità.

– Il primo modo, il più semplice e anche immediato, è verificare la scadenza patente alla voce 4b, oppure sul retro della patente dove sono le categorie di ogni patente conseguita (anche professionali);

Il portale dell’Automobilista è un altro modo semplice che permette di conoscere la scadenza della patente, e il saldo punti, previa registrazione. In base alle preferenze si può richiedere una notifica SMS o via email sulla scadenza;

iPatente è l’applicazione del Ministero che permette di sapere direttamente tramite lo smartphone la validità della patente e ricevere aggiornamenti più veloci.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sbagliare corsia di preselezione

Assicurazione auto scaduta: cosa fare per evitare la multa

Limite neopatentati

Limite neopatentati in autostrada: regole e sanzioni

Noleggio a medio termine come funziona vantaggi

Noleggio a medio termine: come funziona e vantaggi