Certificato anamnestico patente: costi, durata e a chi richiederlo

Ci sono più modi per chiedere e ottenere il certificato anamnestico patente. Ecco tutte le possibilità a disposizione dell’automobilista

16 settembre 2021 - 17:00

Non serve solo dimostrare di sapere guidare l’auto perché per conseguire la licenza di guida occorre anche il certificato anamnestico patente che ne attesi l’idoneità psico-fisica. Già perché per mettersi al volante è indispensabile il possesso di requisiti sia fisici sia mentali. Di conseguenza spetta al personale medico mettere nero su bianco l’assenza di impedimenti sia in occasione della richiesta di rilascio della patente di guida e sia del rinnovo. A dimostrazione di come il certificato anamnestico patente sia un documento importante, la medesima procedura viene applicata per qualsiasi categoria, compresa quella nautica. Stabilita la sua imprescindibilità, resta ora da entrare nei dettagli più importanti. Qual è la durata del certificato anamnestico patente? Quali sono i costi che l’automobilista deve affrontare? E qual è la procedura per fare richiesta?

CERTIFICATO ANAMNESTICO PATENTE: COS’È E PERCHÉ È OBBLIGATORIO

Il certificato anamnestico patente attesta che l’automobilista sia in grado di guidare l’auto senza rischi per la sicurezza. O, più precisamente, che non soffra di patologie in grado di compromettere il corretto comportamento al volante. Indispensabile sia per il rinnovo e sia per il conseguimento della patente di guida, registra pure l’eventuale dipendenza da sostanza o da alcol. Ma anche se l’automobilista soffre di:

– disturbi del sistema neurologico;

– diabete mellito;

– gravi patologie dell’apparato visivo e uditivo;

– epilessia;

– alterazioni anatomiche o funzionali all’apparato osteo-articolare;

– malattie dell’apparato cardio-circolatorio.

La presenza di una o più di queste patologie non comporta in automatico un impedimento per il rilascio della patente di guida. Occorre infatti verificare caso per caso il livello di gravità. Che si traduce nella verifica periodica e più o meno frequente delle condizioni di salute per ottenere il via libera a guidare in piena sicurezza.

A CHI RICHIEDERE IL CERTIFICATO ANAMNESTICO PATENTE

L’automobilista ha più strade da percorrere per chiedere il certificato anamnestico patente. La soluzione più immediata è quella del medico di base, ma non è la sola. Sono infatti autorizzati a effettuare l’esame anche i medici legali dell’Azienda sanitaria territoriale e quelli del Ministero della Salute. La scelta del camice bianco non va affrontata con superficialità. Per completezza, segnaliamo che possono rilasciare il certificato anche i medici militari, della polizia di Stato, dei vigili del fuoco, le unità territoriali degli uffici di Sanità marittima aerea e di frontiera, gli ispettori medici delle Ferrovie dello Stato. Anche se il risultato finale è lo stesso, cambiano costi e tempi per il rilascio del certificato anamnestico patente.

QUANTO COSTA IL CERTIFICATO ANAMNESTICO PATENTE

Va da sé che il modo più veloce per chiedere e ottenere il certificato anamnestico patente è rivolgersi al medico di base ovvero al medico di famiglia. Quest’ultimo si incarica di avviare le procedure amministrative. Ma rapidità e snellezza comportano un costo maggiore da affrontare. Non c’è una spesa fissa in quanto è lo stesso medico che fissa il suo onorario. In linea di massima bisogna mettere in conto una spesa tra 40 e 100 euro. Scegliere un medico dell’Asl per il certificato anamnestico patente significa affrontare qualche passaggio burocratico aggiuntivo. L’automobilista deve infatti:

– presentare la domanda formale per la visita;

– mostrare il certificato medico rilasciato non oltre i 3 mesi precedenti;

– preparare 3 foto tessera;

– avere a portata di mano un documento di riconoscimento tra la carta d’identità, il passaporto e la patente in corso di validità (se già conseguita);

– autorizzare al trattamento dei dati personali.

In questo caso, i costi per il certificato anamnestico patente variano tra 20 e 40 euro in base alla regione di riferimento. A cui va aggiunta la spesa per la marca da bollo da applicare sul documento. Sicuramente più articolato è il piano di costi per chi decide di affidarsi ai medici del Ministero della Salute:

– 10,20 euro sul conto corrente 9108 del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, in caso di rinnovo;

– 16 euro sul conto corrente 4028 del Dipartimento Trasporti Terrestri, in caso di rinnovo;

– 30 euro sul conto corrente dell’Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera.

DURATA CERTIFICATO ANAMNESTICO PATENTE

L’ultimo aspetto da non perdere di vista è la durata del certificato anamnestico patente. Dalla data del rilascio ha infatti una validità di 90 giorni. In pratica entro questo periodo l’automobilista deve concludere le procedure di rilascio o di rinnovo della patente. Superata questo limite temporale, deve ripetere la procedura.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cerchi in lega: il 33% delle auto circola con danni alle ruote in UK

Auto ibride: +66% di incidenti con pedoni in modalità elettrica

Tesla è il costruttore con meno richiami per la sicurezza nel 2020