Collisione animali selvatici

Collisione animali selvatici: cosa copre la garanzia

A cosa serve l'assicurazione collisione animali selvatici? Scopri cosa copre e cosa non copre la garanzia e valuta se stipulare la copertura

28 ottobre 2021 - 16:30

In Italia centinaia di km di strade e autostrade attraversano montagne, boschi e foreste, con altissime probabilità di transito da parte di animali selvatici. Impattare una di queste bestie può provocare conseguenze catastrofiche o addirittura fatali, senza neppure avere la certezza di un risarcimento perché la giurisprudenza in materia è parecchio contraddittoria e non prevede un indennizzo automatico ma valuta caso per caso. Per questo molti automobilisti, soprattutto chi frequenta abitualmente strade di montagna o boschive, preferiscono tutelarsi stipulando la garanzia assicurativa collisione animali selvatici. Vediamo come funziona.

GARANZIA COLLISIONE ANIMALI SELVATICI: COME FUNZIONA E COSA RISARCISCE

La garanzia collisione animali selvatici è una polizza facoltativa che si stipula in aggiunta alla RC auto obbligatoria. Non è disponibile presso tutte le compagnie assicurative e alcune la offrono solo in abbinamento ad altre coperture, come Assistenza stradale o Eventi atmosferici. Ci sono poi compagnie che coprono i danni causati da animali selvatici con la kasko o la kasko collisione, ma sono rare. In genere l’assicurazione collisione animali selvatici risarcisce i danni materiali e diretti subiti dal veicolo, compresi i danni agli accessori di serie stabilmente fissati e alle parti elettriche, provocati dall’urto con un animale selvatico avvenuto in Italia, su una strada asfaltata e aperta al pubblico. Per ottenere il risarcimento occorre presentare il verbale della Polizia Stradale o di altra autorità equivalente che attesti l’accaduto.

Di norma per ‘animali selvatici’ si intendono quelli che fanno parte della fauna che vive in libertà sul territorio nazionale, come caprioli, cinghiali, cervi e simili. Sono invece esclusi i cani randagi.

Come in ogni assicurazione l’eventuale risarcimento è soggetto a massimali, franchigie e scoperti (leggere bene le condizioni prima di firmare il contratto).

COLLISIONE ANIMALI SELVATICI: COSA NON COPRE

Sono esclusi dalla copertura della garanzia collisione animali selvatici i danni per collisioni causate intenzionalmente dal conducente, dal proprietario o dal contraente della polizza. Inoltre la tutela solitamente non si applica in caso di danni provocati da:

– conducente che guida senza patente (perché mai conseguita, ritirata o scaduta);

– partecipazione a gare o competizioni sportive;

– conducente sanzionabile perché sotto l’influenza di alcool, stupefacenti o psicofarmaci;

– veicolo senza revisione periodica;

– collisione con animali selvatici avvenuta in autostrada;

– conducente poi sanzionato per aver omesso di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che hanno subito il danno.

L’assicurazione non copre anche i danni conseguenti a circolazione avvenuta su strada non specificamente destinata alla circolazione dei veicoli, come mulattiere e sentieri di montagna, indipendentemente dall’asfaltatura o meno del fondo stradale.

È sempre opportuno specificare che ogni compagnia può imporre condizioni diverse.

COSA FARE IN CASO DI INCIDENTE CON ANIMALE SELVATICO

Nella malaugurata ipotesi di collisione con un animale selvatico, per prima cosa bisogna accertarsi che tutti i passeggeri dell’auto stiano bene, poi occorre mettere l’auto in sicurezza, dopodiché si può passare ad appurare lo stato delle cose. È fondamentale, nell’ottica del risarcimento danni, fotografare il luogo del sinistro (compreso qualunque dettaglio che possa tornare utile per stabilire la dinamica dell’incidente), i danni dell’auto e l’animale selvatico (salvo che non sia fuggito). Nel contempo è necessario allertare la Polizia stradale e, qualora l’animale risulti ferito o morto, anche il Corpo forestale. Se non si è assicurati con la polizza collisione animali selvatici si può valutare di chiedere il risarcimento degli eventuali danni all’ente proprietario o gestore della strada o dell’autostrada. Se si possiede invece la polizza è necessario avvisare la propria assicurazione per avviare immediatamente la pratica di rimborso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Assicurazione auto: quando il passeggero può testimoniare?