Calcolo assicurazione auto d’epoca: come funziona e quali sono i costi

Nella fase del calcolo assicurazione auto si tiene conto delle agevolazioni concesse ai veicoli d’epoca. Ecco cosa c’è da sapere

4 novembre 2021 - 19:00

Possedere un’auto d’epoca significa anche avere la responsabilità di un pezzo di storia. Con tutte le peculiarità che comporta, anche in termini di calcolo assicurazione auto d’epoca. A differenza dei veicoli di recente produzione, sono infatti numerose le caratteristiche che differenziano i mezzi d’epoca. A iniziare dal divieto di circolazione. Più precisamente, il via libera è concesso solo in poche e precise circostanze ovvero in occasione di eventi e manifestazioni a tema. Il proprietario e qualunque altro conducente non possono invece guidare un’auto d’epoca per gli spostamenti di tutti i giorni. Si tratta di un aspetto centrale che influenza anche il calcolo assicurazione auto d’epoca. Vediamo come ovvero quali sono i costi applicati e i requisiti richiesti.

CALCOLO ASSICURAZIONE AUTO D’EPOCA, QUALI SONO I COSTI

A conti fatti, dal calcolo assicurazione auto d’epoca emerge una evidenza. Il premio da pagare è inferiore rispetto a quanto richiesto per le vetture tradizionali ovvero quelle non classificate come d’epoca. In altri termini, le compagnie di assicurazione applicano sconti e agevolazioni che incidono in maniera rilevante sul portafogli. Per intenderci, la differenza dei costi è in media tra il 50 e il 70%. Le ragioni del taglio delle tariffe assicurative si spiega molto facilmente e le abbiamo anticipate. Le auto d’epoca non possono circolare su strada, al pari delle vetture che vediamo circolare tutti i giorni. Al contrario, come approfondiremo invece in seguito, rivestono piuttosto una funzione rappresentativa. Di conseguenza i rischi di coinvolgimento in un incidente stradale sono drasticamente ridotti. Inevitabile quindi che l’impatto in termini di assicurazioni sia piuttosto deciso.

QUALI DOCUMENTI SERVONO DOPO IL CALCOLO ASSICURAZIONE AUTO D’EPOCA

Per sottoscrivere una polizza su un veicolo non è sufficiente effettuare il calcolo assicurazione auto. L’iter amministrativo è infatti più articolato rispetto a quanto previsto per le auto di tutti i giorni. Fermo restando l’obbligo di sottoscrizione di una polizza di base ovvero la cosiddetta Responsabilità civile, il proprietario del mezzo deve infatti esibire tre documenti aggiuntivi. Si tratta:

– del certificato di iscrizione all’Asi;

– dell’iscrizione del proprietario a un club;

– del certificato di identità.

Anche se dal calcolo assicurazione auto d’epoca risulta evidente il minore costo da affrontare, ci sono altre voci di spesa da considerare. Non sono direttamente legate alla stipula del contratto ma sono indispensabili. Ci riferiamo all’iscrizione all’Asi per cui il costo è di 41,32 euro. Ma anche alla quota da corrispondere a un club di auto d’epoca. A tal proposito sono due gli aspetti da evidenziare. Innanzitutto, l’importo minimo tra la somma Asi e quella del club deve essere di 100 euro. Dopodiché, il proprietario è chiamato tutti gli anni al rinnovo dell’adesione.

AUTO D’EPOCA, TUTTE LE CONDIZIONI RICHIESTE PER L’ASSICURAZIONE AGEVOLATA

Quando si parla di auto d’epoca occorre far presente che si tratta di un vero e proprio status. Non è infatti una definizione generica, ma una condizione che si matura alla maturazione di una serie di requisiti e che, come abbiamo visto, incidono nel calcolo assicurazione auto d’epoca. A iniziare dal taglio del traguardo dei 20 anni di immatricolazione. Allo stesso tempo, le auto d’epoca devono essere in buone condizioni. Si tratta di un dettaglio solo apparentemente trascurabile. E non per ragioni legate al calcolo assicurazione auto. I veicoli che rientrano in questa definizione sono infatti deputati alla partecipazione a eventi e raduni e come tali rivestono anche una funzione rappresentativa e simbolica. Per via dell’interesse storico o collezionistico dell’auto d’epoca, il proprietario non ha l’obbligo della loro iscrizione al Pra, il Pubblico registro automobilistico. Ma è sufficiente che il veicolo faccia parte degli elenchi dell’Asi, l’Automotoclub storico italiano.

IL CALCOLO ASSICURAZIONE AUTO È VANTAGGIOSO SOLO PER I VEICOLI D’EPOCA?

In definitiva, solo i veicoli d’epoca possono accedere a un calcolo assicurazione auto vantaggioso. La precisazione è indispensabile poiché il rischio di confondere le auto d’epoca con quelle storiche è sempre dietro l’angolo. In estrema sintesi, le auto storiche possono circolare su strada. Nonostante i 20 anni di immatricolazione richiesti e l’interesse storico o collezionistico, sono infatti iscritte sia all’Asi e sia al Pra. Al contrario delle auto d’epoca, cancellate invece dal Pra.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Assicurazione auto: quando il passeggero può testimoniare?