Assicurazione auto neopatentati: come risparmiare sulla polizza

Atterriti dal costo dell'assicurazione auto dei neopatentati? Tranquilli, per fortuna ci sono almeno tre valide soluzioni per risparmiare sulla polizza.

7 giugno 2019 - 17:38

Nell’ambito dell’assicurazione auto i neopatentati sono un po’ penalizzati, poiché sono valutati clienti maggiormente a rischio rispetto ai conducenti più esperti. Con l’inevitabile conseguenza di pagare un premio della polizza RCA decisamente alto. O in qualche caso altissimo come in provincia di Napoli, dove un assicurato under 25 paga in un premio pari a circa una volta e mezza quello medio della sua stessa zona. Per fortuna, però, anche per i neopatentati ci sono dei modi per risparmiare sulla polizza.

CHI SONO I NEOPATENTATI?

L’art. 117 del Codice della Strada prevede alcune limitazioni per i soggetti che hanno conseguito la patente da meno di tre anni, indipendentemente dalla loro età anagrafica. Per esempio nel primo triennio di guida non possono superare la velocità di 100 km/h in autostrada e di 90 km/h sulle strade extraurbane principali. Esistono poi altre restrizioni relative al consumo di alcol e al tipo di veicoli che (non) possono guidare. Generalmente, quindi, i neopatentati sono i conducenti più giovani e meno esperti. Per loro, come dicevamo, le compagnie assicurative applicano una maggiorazione del prezzo RC auto, visto il grado di rischiosità molto alto. Ma lo stesso vale per tutti gli automobilisti con meno di 25 anni, che statisticamente provocano più incidenti rispetto agli adulti.

NEOPATENTATI E CLASSE BONUS-MALUS

Ma non c’è solo il problema del profilo di rischio più alto. Ai neopatentati che assicurano una vettura per la prima volta viene automaticamente attribuita la 14^ classe di merito universale, a prescindere dall’età oppure dagli anni di patente. La classe di merito bonus-malus è uno dei fattori che incide sull’importo del premio assicurativo e si aggiorna di anno in anno in base al numero di sinistri registrati. Se un neopatentato provoca un incidente sale di ben 2 classi di merito passando dalla 14^ alla 16^. Se ne provoca due sale fino alla 18^ classe, che è la più alta e la più costosa. Viceversa se durante il primo anno di assicurazione non è coinvolto in nessun incidente da lui provocato, scende di una classe (dalla 14^ alla 13?) e paga un premio più basso.

ASSICURAZIONE AUTO NEOPATENTATI, COME RISPARMIARE: LEGGE BERSANI

Va da sé che col meccanismo che abbiamo appena descritto un neopatentato ci metterà un bel po’ a raggiungere le classi di merito più basse. E quindi continuerà a pagare per molti anni una tariffa RC auto molto onerosa. A meno che riesca ad accedere ai benefici della Legge Bersani. Questa norma, in vigore dal 2007, consente infatti a chi assicura una vettura per la prima volta di usufruire della stessa classe di merito di un familiare convivente, a patto che vengano rispettati alcuni requisiti. Un neopatentato 18enne può dunque ‘ereditare’ la classe bonus-malus del padre o della madre e partire addirittura dal 1° livello! Davvero un gran bel risparmio. Anche se il premio assicurativo di un guidatore fresco di patente sarà sempre leggermente più alto di quello del familiare con la stessa classe di merito, mancandogli lo storico alla guida.

ASSICURAZIONE AUTO NEOPATENTATI, COME RISPARMIARE: GUIDA LIBERA E PATTO PER I GIOVANI

La Legge Bersani non è comunque l’unica soluzione per risparmiare sull’assicurazione auto dei neopatentati. Esiste infatti il ‘salvagente’ rappresentato dalla clausola di guida libera. In pratica se l’auto e la relativa assicurazione RCA sono intestate al membro della famiglia con la classe di merito più bassa, basta aggiungere l’opzione di guida libera per estendere la medesima copertura ad altri guidatori, tra cui lo stesso neopatentato. Ovviamente al familiare più esperto (di solito un genitore) toccherà pagare un premio più alto. Ma per i figli si fa questo e altro! Ci sono infine alcune compagnie assicurative che propongono polizze RC auto più economiche della media ai neopatentati (fino a 27 anni) che sottoscrivono il cosiddetto “Patto per i giovani”. Si tratta di un decalogo comportamentale composto da 10 regole da rispettare alla guida. Ma il beneficio è ovviamente subordinato al rispetto di tali regole e decade in caso di inosservanza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assicurazione RCA, polizza unica per auto e moto: è possibile?

Assicurazione camper: come funziona la polizza per i camperisti

Come assicurare un’auto senza attestato di rischio