Auto usata: controllo alzacristalli e portiere

Prima di comprare un'auto usata controllate alzacristalli e portiere. Soprattutto gli alzacristalli elettrici vanno verificati bene perché i ricambi sono costosi

12 marzo 2020 - 10:15

Un efficace controllo prima dell’acquisto di un’auto usata prevede anche la verifica del corretto funzionamento di alzacristalli e portiere. Nonché di tutti i dispositivi più usati a bordo. Gli alzacristalli elettrici anteriori sono ormai di serie su tutte le vetture, mentre solo su alcuni modelli troviamo ancora le economiche e scomode manovelle posteriori. Manuali o elettrici non fa differenza, se il vetro scendente si pianta proprio prima di un temporale il costo della riparazione diventa l’ultimo dei vostri problemi. Accertatevi quindi che la corsa del finestrino sia libera e senza impuntamenti.

CONTROLLO DEGLI ALZACRISTALLI ELETTRICI

Gli alzacristalli elettrici si ‘affaticano’ prima nel corso degli anni rispetto a quelli manuali. E in genere è il meccanismo lato guidatore a cedere prima, soprattutto se il proprietario è un fumatore. Per capire quanto siano usurati basta attivare simultaneamente i finestrini anteriori un paio di volte in cerca di rallentamenti, cigolii o movimenti a scatti. In ogni caso, se la corsa risulta difficoltosa, è necessario smontare il pannello e provare a lubrificare i meccanismi (con della vaselina filante) ed eventualmente disossidare i contatti. Attenzione quando si smonta il pannello: non forzate gli innesti di plastica, rischiate di romperli. Se questa fase vi preoccupa, chiedete al venditore di far ripristinare i meccanismi, altrimenti potete sempre rinunciare all’acquisto. È consigliabile fare molta attenzione agli alzacristalli di tipo elettrico, perché generalmente i ricambi sono molto costosi.

CONTROLLO DELLE PORTIERE

Le portiere devono essere allineate con il profilo della scocca e non ci devono essere interferenze con le battute. Se in qualche punto di battuta manca la vernice, prima di fare deduzioni affrettate verificate che non sia colpa di una guarnizione invecchiata o danneggiata che l’ha asportata per strofinamento. Gli sportelli e il portellone posteriore devono aprirsi e chiudersi bene senza cigolare o impuntarsi. Bisogna poi assicurerà che le serrature funzionino a dovere: non devono presentare segni di effrazione e la chiave deve poter essere inserita e tolta senza sforzo. Se la vettura è dotata di chiusura centralizzata, tutte le sicure, all’atto della apertura o della chiusura, devono eseguire il comando contemporaneamente. Le guarnizioni di tenuta devono risultare integre, morbide e senza screpolatur: se presentano invece ruggine significa che si è fatto largo uso della lancia ad alta pressione durante il lavaggio. Nulla di particolarmente rilevante se si tratta solo di una sottile patina rossastra che non ha aggredito il metallo. Ad ogni modo la cerniera va lubrificata.

Andate adesso sull’homepage della nostra guida all’acquisto di auto usate e scegliete gli altri argomenti che potrebbero interessarvi. Ma prima di ciò scaricate la check list dei controlli da fare sull’auto prima dell’acquisto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida acquisto Auto Usata

Parco circolante Italia: nel 2020 il 60% ha oltre 11 anni

Ecobonus auto 2020

Le 10 migliori auto elettriche del 2020

Garanzia auto

Auto usate a luglio 2020: oltre 300 mila i passaggi di proprietà