Crash test Tesla Model 3: il miglior risultato degli ultimi 20 anni

Mercedes B e GLE, Tesla Model 3 e Skoda Scala promosse con 5 stelle nei crash test Euro NCAP. DS 3 e Kia Ceed migliorano solo con il Safety Pack

3 luglio 2019 - 12:35

Per il quarto round dei crash test Euro NCAP del 2019 sono stati messi alla prova 6 nuovi modelli. Mercedes-Benz Classe B e GLE, la nuova Skoda Scala e l’elettrica Tesla Model 3 ottengono 5 stelle con la dotazione standard. La rinnovata Kia Ceed e la DS 3 Crossback si fermano a 4 stelle con la dotazione di base. Con i pacchetti sicurezza disponibili in opzione arrivano entrambe a 5 stelle. 

TESLA 8 SU 8

La nuova Tesla Model 3 debutta con un’impressionante performance nel crash test frontale offset a 64 km/h, ottiene il massimo punteggio. Un risultato raro, fin dai primi test del 1997. L’ottimizzazione della zona di assorbimento dell’energia, specialmente con la mancanza del motore endotermico anteriore, ha fatto in modo di ottenere questo buon risultato. Anche negli altri crash test la struttura e i sistemi di ritenuta si comportano bene, solamente un appunto è da muovere per la protezione marginale del torace nel test laterale del palo. Nessun problema derivato dai quattro crash test per la protezione delle batterie. Qualche problema è da attribuire alla zona di contatto fra la testa del pedone investito e il cofano, le parti troppo rigide possono ferire gravemente gli utenti vulnerabili della strada.

QUASI AUTONOMA

Tutta la suite di sistemi di supporto alla guida della Tesla Model 3, già predisposta per il funzionamento autonomo, si comporta molto bene nei test di verifica su pista, ottenendo un eccellente 94% per il Safety Assist. Il sistema di frenata autonoma, il mantenimento attivo della corsia e il rilevamento dell’angolo morto funzionando di concerto portano la sicurezza attiva su livelli molto alti. Come optional infatti è disponibile la guida autonoma, con pilota automatico per i percorsi cittadini in arrivo a fine anno.

STELLE BRILLANTI

Entrambi i modelli di casa Mercedes-Benz, Classe B e GLE, danno il meglio di se nella protezione bambini. Oltre alla buona performance nei crash test, è presente di serie la disattivazione automatica dell’airbag del passeggero, per consentire a tutti i seggiolini contromarcia di viaggiare sul posto anteriore in sicurezza. Nel crash test frontale pieno il torace del passeggero posteriore della Classe B ottiene un risultato mediocre. Di media entità anche la compressione del torace nel crash test laterale del palo sulla GLE. Buona per entrambe la dotazione di sistemi di sicurezza attiva, con l’unica mancanza del riconoscimento presenza degli occupanti posteriori per l’avviso delle cinture slacciate.

SCALA BEN EQUIPAGGIATA

La nuova berlina compatta di casa Skoda si comporta molto bene nei crash test, ottenendo una protezione per gli adulti pari al 97%. Solamente pochissime frazioni di punto sono perse nei due crash test frontali. Nel crash test laterale con il carrello che simula un’automobile e nel test del palo incede ottiene il massimo punteggio. La valutazione della protezione di pedoni e ciclisti è un buon mix fra la performance nel test di investimento e i validi sistemi di frenata autonoma. Fin dal modello base, la dotazione della Skoda Scala è completa, il sistema di mantenimento della corsia e di frenata autonoma funzionano bene nelle verifiche in pista. 

4 STELLE IN VERSIONE BASE

Per la rinnovata Kia Ceed e la nuova DS 3 Crossback il risultato con dotazione standard è di 4 stelle. Oltre alla mancanza del sistema di frenata autonoma per pedoni e ciclisti, sulla Kia Ceed viene riscontrato qualche problema nei crash test. Nell’impatto frontale offset la testa del pilota tocca il volante attraverso l’airbag, sintomo della scarsa pressione all’interno del cuscino. Nel crash test laterale del palo viene notata una strana interazione fra fiancata e spalla del manichino, che non ha permesso di misurare correttamente la pressione sulle costole. Per queste evenienze il punteggio sulla zona toracica è penalizzato pesantemente. La DS 3 Crossback invece si comporta bene nei crash test. Il risultato di 4 stelle deriva dalla mancanza del sistema di frenata autonoma, che fa perdere punteggio in tutte le aree di valutazione, ad eccezione della protezione dei bambini.

5 STELLE CON I PACCHETTI

Il pacchetto sicurezza che comprende il sistema di frenata autonoma col riconoscimento dei pedoni su Kia Ceed è l’ “Advanced Driver Assistance Pack Plus”. Disponibile a richiesta per le versioni Business e GT Line, invece non disponibile per la versione base Pure. Per la DS 3 Crossback, il sistema di frenata autonoma è optional sulle versioni So Chic e Performance Line nel pacchetto “DS Drive Assist”. Le versioni Business e La Premiere offrono già la frenata autonoma di serie.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla cancella le versioni economiche e alza il prezzo dell’Autopilot

Le auto nuove sono pericolose per le donne?

Tesla Model 3: riparare un danno da parcheggio costa 1600 dollari