Riparazione auto: cambia il regolamento VBER collegato alla MVBER

Dal 1 giugno 2022 entra in vigore la nuova VBER, ecco le novità e cosa cambia rispetto alla MVBER in proroga fino al 2028

23 maggio 2022 - 15:00

La Commissione europea ha approvato e adottato un nuovo regolamento VBER (Vertical Block Exemption Regulation) che riguarda gli accordi verticali e avrà un impatto in senso ampio su accordi di fornitura e distribuzione di prodotti e servizi. Si tratta di una norma di ampia applicazione che è integrata dalla MVBER (Motor Vehicle Block Exemption Regulations) a completare il quadro normativo dell’aftermarket automotive. Sono due regolamenti diversi di cui parleremo nelle prossime settimane parlare molto spesso, ecco perché abbiamo pensato di chiarire meglio le differenze tra VBER ed MVBER, in ragione nel nuovo regolamento 720/2022 dal 1 giugno che varrà fino al 2034.

REGOLAMENTI VBER ED MVBER: DIFFERENZE

VBER ed MVBER sono i regolamenti chiave che definiscono i capisaldi della concorrenza all’interno dell’Unione europea. Abbiamo chiesto a Piergiorgio Beccari, avvocato ed esperto di normative automotive, Presidente di ADIRA (Associazione Italiana dei Distributori Indipendenti di Ricambi per Autoveicoli) e membro del working group di FIGIEFA (Federazione Internazionale dei distributori dell’aftermarket indipendente), di aiutarci a fare chiarezza sulle differenze. “Il nuovo regolamento 720/2022 è un regolamento che sostituirà il 330/2010, che è il regolamento di esenzione che si applica a tutte le tipologie di accordi verticali, sottolinea Beccari. “Il regolamento Reg. n. 461/2010 (MVBER) (che sarà prorogato fino al 2028, ndr) integra il regolamento VBER per quanto riguarda gli accordi verticali nella distribuzione di ricambi e servizi di riparazione e manutenzione.

COSA SONO GLI ACCORDI VERTICALI NEI REGOLAMENTI VBER ED MVBER

Gli accordi verticali sono accordi tra due o più imprese che operano a livelli diversi della catena di produzione o di distribuzione. I regolamenti VBER ed MVBER stabiliscono le condizioni alle quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere determinati beni o servizi. “Le nuove norme (reg. 720/2022, ndr) forniranno alle imprese orientamenti aggiornati adatti al prossimo decennio, che sarà ancora più digitalizzato”, dichiara Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza. “Le norme sono strumenti importanti che aiuteranno tutti i tipi di imprese, comprese le piccole e medie imprese, a valutare i loro accordi verticali nelle loro attività quotidiane”.

NUOVA VBER DAL 1 GIUGNO 2022: QUALI NOVITA’

L’approvazione della nuova VBER dal 1 giugno 2022 al 31 maggio 2034 stabilisce una zona di sicurezza all’interno della quale determinati accordi beneficiano dell’esenzione per categoria. La Commissione europea precisa che:

– il restringimento dell’ambito di applicazione della zona di sicurezza riguarda: la doppia distribuzione, ovverosia una situazione in cui un fornitore vende i suoi beni o servizi tramite distributori indipendenti ma anche direttamente ai clienti finali; gli obblighi di parità, ovvero gli obblighi che impongono al venditore di offrire alla controparte condizioni uguali – o migliori – a quelle offerte sui canali di vendita di terzi, ad esempio su altre piattaforme, e/o sui canali di vendita diretta del venditore;

– l’ampliamento dell’ambito di applicazione della zona di sicurezza riguarda: alcune restrizioni della capacità dell’acquirente di sollecitare attivamente i singoli clienti, ovvero le vendite attive; determinate pratiche riguardanti le vendite online, in particolare la capacità di applicare allo stesso distributore prezzi all’ingrosso diversi per i prodotti destinati alla vendita online e offline e la capacità di imporre condizioni diverse per le vendite online e per le vendite offline nei sistemi di distribuzione selettiva.

L’impatto della nuova VBER sull’aftermarket e quindi sull’MVBER sarà delineato meglio anche dalle associazioni di categoria nelle prossime settimane. Restate collegati per sapere cosa cambierà per ricambisti e officine.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

FIGIEFA: “con le elettriche aumenteranno i ricambi auto codificati”

UNECE: nel 2023 due nuovi regolamenti per la sicurezza dei pedoni

Olio motore: tutto quello che c’è da sapere su rabbocco e cambio