Mercedes Classe E Station Wagon: prova su strada in anteprima

Tecnologia, spazio a bordo e guida semi-autonoma sono i punti chiave della nuova station wagon della stella a tre punte

26 ottobre 2016 - 16:55

In anteprima nazionale abbiamo avuto modo di mettere alla prova la nuova Mercedes Classe E Station Wagon, uno dei capisaldi del listino del brand tedesco che con questa nuova generazione punta ad avere un design sportivamente intelligente. Tanto confort a bordo così come la tecnologia, che passa dall'infotainment completo ed all'avanguardia fino ai più recenti sistemi di assistenza attiva e passiva alla guida.

COME SI PRESENTA Se dovessimo chiedere all'utenza generalista a cosa associa la Mercedes Classe E Station Wagon il pensiero vola senza dubbio ad utilizzi particolari e delicati come il trasporto di feretri. Questa nuova generazione della E fregiata della stella a tre punte vuole scrollarsi questa fama di dosso e riuscire ad offrire un design più dinamico. L'impatto estetico conferma questo andamento e questa volontà: da un lato le dimensioni di 4.93 metri sono invariate rispetto alla berlina, dall'altro un lunotto posteriore che scende deciso ed è inglobato in un portellone dalla cornice ben definita ed idealmente incastrata nel posteriore dell'auto, così come delle proporzioni che non appesantiscono la linea d'insieme, definiscono una station wagon che ha tutte le carte in regola per riuscire a soddisfare una buona fetta di pubblico.

INTERNI DA AMMIRAGLIA Salire a bordo di un'auto del genere significa trovarsi di fronte a comodità e spazio, tanto spazio. Nonostante il bagagliaio sia diminuito di 130 litri rispetto alla generazione precedente, attestandosi ora a 640 litri con i sedili alzati e 1820 litri quando tutto è spianato, la capacità di regolare l'inclinazione degli schienali dei sedili posteriori, divisi secondo le proporzioni 40:20:40, permette un tocco di modulabilità in più. Per dare un'idea del tutto figurata dello spazio a disposizione Mercedes ha cercato di fare qualche esempio di carico, come la possibilità di trasportare fino a 19 casse di bottiglie PET da 1 litro di bibite oppure una lavatrice. La qualità di pelli ed accoppiamenti è tipica dell'alta gamma di Mercedes e si vede una volta a bordo, ma ciò che più cattura l'attenzione è senza ombra di dubbio la strumentazione: due display affiancati, ad alta risoluzione ed incastrati nella stessa cornice, che mostrano le informazioni di guida come farebbe una normale strumentazione, con la variabile della personalizzazione che solo un display può dare, e tutto il software infotainment/navigazione. A rendere l'abitacolo a tratti più allegro ed a tratti più elegante ci pensa poi l'illuminazione di bordo colorata, che con dei LED illumina praticamente ogni zona, dalla strumentazione al tunnel centrale fino agli sportelli ed i vani per i piedi, il tutto grazie a 64 colori disponibili.

SICUREZZA ED INFOTAINMENT Su un'auto del genere, considerando l'attenzione nei confronti dello sviluppo non solo di auto a guida autonoma ma anche a guida semi-autonoma, non potevano mancare sistemi di sicurezza ADAS ed assistenze interessanti (scopri cosa sono i sistemi ADAS e come funzionano). Sembra inutile citare il sistema di frenata d'emergenza automatica, ma il sistema PRE-SAFE Impulse Side è innovativo: è un optional, vero, però grazie a delle camere d'aria nei sedili e che si gonfiano all'occorrenza riesce ad allontanare i passeggeri dalle zone d'impatto, aumentandone la sicurezza. Fanno poi capo anche sistemi come la gestione autonoma dello sterzo ed il cruise adattivo, ma tra questi debutta sul modello anche il DRIVE PILOT, che permette di seguire l'auto che precede fino alla velocità di 210 km/h, dove la legge lo permette, così da ovviare alla mancanza di strisce, fattore che manderebbe in crisi un normale software di mantenimento della corsia (leggi della rivelazione di Mercedes sul futuro dell'auto a guida autonoma).

SU STRADA Al posto di guida della nuova Mercedes Classe E Station Wagon sembra di essere comodamente seduti sul divano di casa a guardare la televisione, tanto il sedile di guida è comodo uguale e la combinazione dei due display che ci si trova avanti sembra proprio una tv. Inserti e luci di bordo ormai fanno abbandonare la sensazione di essere su un'auto a favore di un sentore di astronave e, nonostante i colori siano presenti un po' ovunque nell'abitacolo, la luminosità non disturba alla guida nemmeno con il passaggio da luce a buio nelle gallerie. Il modello avuto in prova si muove grazie ad un motore diesel 2 litri, un quattro cilindri, che scarica a terra 194 cavalli in totale e si combina ad un cambio automatico 9G-TRONIC a 9 rapporti, unica opzione disponibile per il modello. La coppia di 400 Nm non fa avvertire il peso dell'auto e riesce a garantire anche un buono spunto, merito anche della logica di funzionamento ormai collaudata del cambio, che potendo contare su 9 marce riesce a trovare il rapporto giusto in funzione della situazione. Un discorso a parte lo meritano le sospensioni, poichè una station wagon è un'auto fatta per viaggiare e caricare a bordo tanti bagagli, non di certo per correre in pista. La stabilità è evidente negli spostamenti laterali, merito anche del peso, ma l'inerzia delle masse è avvertibile quando si cambia direzione in modo repentino, anche settando l'auto in modalità Sport+. Il confort generale è comunque ottimo, complice una ridotta rumorosità interna ed un settaggio morbido delle sospensioni, che al posteriore sono pneumatiche in previsione del traino di qualche carrello. Insomma, la nuova Mercedes Classe E Station Wagon fa esattamente quello che deve fare: la comoda auto da viaggio e da carico, senza sfociare in ciò per cui non è stata pensata. Un piccolo appunto, comunque, bisogna farlo. Sulle razze del volante sono presenti due quadratini touch che gestiscono i due display di bordo, con swipe e pressione, oppure attivano la guida semi-autonoma semplicemente poggiando il pollice su uno dei due: con il sensore sulla razza destra è comandabile lo schermo di destra, ma questo può portare a distrarre durante la guida poiché comporta il distogliere lo sguarda dalla strada; resta comunque un'ottima e comoda trovata.

PREZZI Seppur la versione dedicata alle azienda, E200d Automatic 150 cv, parte da una base di 50.200 euro, sono necessari almeno 53.400 euro per accaparrarsi una versione Sport. Durante la prima parte del 2017 comincerà ad essere disponibile anche la trazione integrale 4MATIC, per la quale al momento non sono stati definiti i prezzi (ma possiamo anticiparvi che potrebbero essere necessari 2.000 euro in più per averla a disposizione), così come una versione Classe E 4MATIC ALLTERRAIN, punto di congiunzione tra SUV e berlina: per Mercedes sarà un salto nel vuoto con questo allestimento, che richiama omologhi di diretti competitors, ed arriverà a Marzo 2017.

Commenta per primo