ZF eAMT, il futuro dei baby SUV è nelle ruote posteriori elettriche

Il sistema eAMT di ZF pensiona la classica trazione integrale e apre le porte all'elettrificazione dei SUV ibridi piccoli

25 giugno 2018 - 15:22

Entro il 2030 si stima che 8 auto nuove su 10 saranno elettriche (a batterie o ibride plug-in), leggi qui come si sta preparando il mondo dell'automotive a questo cambiamento epocale, intanto però i principali fornitori di componenti OEM si stanno già adoperando allo sviluppo di nuove soluzioni elettrificate. Uno si questi tra i big player dell'industria auto di primo equipaggiamento e aftermarket è sicuramente ZF che ha presentato da poco la tecnologia eAMT che mette d'accordo la necessità di stivare le batterie nel pianale dell'auto e la disponibilità della trazione su tutte e quattro le ruote ma senza l'utilizzo dell'albero motore e a un costo più accessibile. Come? Vediamo insieme come funziona il sistema ZF eAMT.

TRAZIONE INTEGRALE ELETTRICA ANCHE SUI B-SUV Per l'ibridazione di veicoli piccoli e compatti con trazione anteriore e un prezzo d'attacco tendenzialmente basso, le maggiori sfide dei Costruttori di auto sono dettate da costi aggiuntivi e sforzi di sviluppo e da uno spazio di installazione limitato. “Con eAMT, ZF ha sviluppato una unità trasversale ibrida plug-in a tutti gli effetti”, ha affermato Norman Schmidt-Winkel, sviluppatore funzionale di azionamenti elettrici presso ZF. “Ciò aumenta la flessibilità per i produttori di veicoli che possono utilizzare le piattaforme esistenti per implementare unità convenzionali o ibride plug-in”. Nell'immagine qui sotto, il prototipo su una Dacia Duster.

LA TRASMISSIONE PESA DI MENO La tecnologia ZF eAMT integra una trasmissione manuale automatizzata e un sistema di trasmissione elettrica sull'assale posteriore in un'unica unità. In alcuni segmenti veicoli, le trasmissioni automatiche sono tagliate fuori per motivi di peso, spazio o costo (ma non dimentichiamo che poi bisogna considerare anche le batterie). “Quando si accelera, si percepiscono solo i benefici di un'accelerazione potente e senza strappi. – ha spiegato Schmidt-Winkel – In precedenza, questi benefici erano disponibili solo su veicoli ibridi molto più costosi con trasmissioni più complesse. Ora abbiamo sfruttato il potenziale del sistema eAMT per altre funzionalità che aumentano l'efficienza e la sicurezza di guida”.

PARCHEGGI PIU' SILENZIOSI E CONFORTEVOLI L'azionamento dell'asse posteriore elettrico oltre a supportare il motore convenzionale nei cambi di marcia si attiverà anche automaticamente quando sarà necessaria una spinta aggiuntiva, come ad esempio quando si sorpassa, o quando è necessaria la trazione integrale su superfici stradali scivolose. Il motore elettrico all'asse posteriore per essere sufficientemente potente da avere la capacità di spostare il SUV solo con le batterie. “Poi quando viaggia in modalità completamente elettrica il sistema eAMT è particolarmente adatta per la guida urbana, negli ingorghi stradali, nonché manovre e parcheggi in generale” ha concluso Schmidt-Winkel.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scadenza olio motore: quanti anni si può conservare?

La testata del motore e le sue caratteristiche

Acquisto auto usata emissioni inquinanti

Fumo dalla marmitta auto: come capire il problema dal colore