X5 xDrive 40e, la prima ibrida plug-in BMW è un SUV

Grandi aspettative per l'ibrida BMW X5 xDrive 40e:molta sicurezza e consumi da ultilitaria nel ciclo combinato

28 aprile 2015 - 15:00

Potente, sicura e (quasi) economica: la nuova SUV di BMW promette grandi doti dinamiche, complete dotazioni di sicurezza attiva e passiva e emissioni molto basse, che scendono a 0 (localmente) nella marcia in modalità elettrica.

PIÙ MOTORI, PIÙ POTENZA, MENO CONSUMO – Non sembra possibile quadrare il cerchio dell'avere più prestazioni consumando – ed emettendo – di meno ma in effetti le virtù dei motori elettrici rendono meno paradossale questa frase. I motori elettrici non hanno soltanto rendimenti molto alti (superano in scioltezza l'80%) ma generano energia perché reversibili: se “trascinati” da una forza assorbono potenza meccanica e la convertono in energia elettrica e questa proprietà permette di recuperare quell'energia che una frenata “normale” dissiperebbe in calore (scopri tutto sui freni per auto). Questo principio, insieme al downsizing del motore a benzina, permette a BMW di dichiarare energia consumi fra i 3,3 ed i 3,4 l/100 km pur con una potenza massima di 313 CV.

Il motore a benzina è un 2.000 4 cilindri TwinPower Turbo Euro 6 cui l'iniezione diretta High Precision Injection, le valvole ad alzata variabile VALVETRONIC e il variatore di fase per l'aspirazione e lo scarico (Doppio VANOS) donano molta verve: 245 CV e 350 Nm di coppia massima. L'unità elettrica è un motore sincrono da 113 CV e 250 Nm integrato nello Steptronic, che è un classico cambio automatico a convertitore di coppia ottimizzato per l'efficienza, a otto rapporti. La batteria agli ioni di Litio della BMW X5 xDrive 40e ha 96 celle, una capacità di 9 kWh, lavora a 351 V ed è ricaricabile in meno di 3 ore tramite una comune presa a 230 V/16A. Nella fase di recupero il motore elettrico eroga fino a 20 KW.

RICERCA QUASI OSSESSIVA DELL'EFFICIENZA – Il “pacchetto elettrico” offre un'autonomia fino a 31 km nel ciclo di prova ed una velocità massima di 120 km/h, limitata elettronicamente per non esaurire troppo rapidamente la batteria. Questa soluzione che recupera energia si innesta nella nota piattaforma BMW Efficient Dynamics, che ottimizza una miriade di parametri e gruppi meccanici allo scopo ottimizzare l'efficienza complessiva. Il Brake Energy Regeneration, per esempio, controlla l'alternatore in modo che la batteria a 12 V sia caricata preferibilmente durante le frenate e le decelerazioni e anche il servosterzo elettromeccanico (EPS) assorbe energia solo quando si sterza. Lo Start/Stop è specifico per vetture ibride e il modo ECO PRO (sono disponibili anche le modalità SPORT e COMFORT) fa “veleggiare” l'auto in rallentamento spegnendo del tutto il motore termico.

L'aerodinamica è ottimizzata (il Cx è 0,31) anche grazie alle griglie di ventilazione che possono chiudersi a seconda delle esigenze di raffreddamento del motore. Le pompe dell'acqua e dell'olio, elettriche, modulano la loro portata in base alle esigenze del motore e il differenziale posteriore e il ripartitore di coppia sono studiati e lubrificati in modo da minimizzare il loro assorbimento a temperatura di regime. Non mancano poi pneumatici con ridotta resistenza al rotolamento.

SICUREZZA, LE DOTAZIONI SONO MOLTE – Non è leggera la BMW X5 xDrive 40e (2.230 kg a vuoto) ma si tratta di una grossa SUV, con un motore in più e un pesante pacco di batterie. La dotazione di dispositivi di sicurezza, poi, è molto estesa e anche questo incide sulla massa.

Di serie, per la sicurezza attiva, troviamo il DSC, che comprende ABS e DTC (Dynamic Traction Control) e dialoga con la trazione integrale xDrive, l'assistente di frenata in curva CBC e la frenata assistita DBC, la funzione “freni asciutti” (pinza leggermente e periodicamente sui dischi in caso di pioggia), la compensazione del fading, l'assistente di partenza in salita e Hill Descent Control HDC e il blocco automatico del differenziale (ADB-X). Le sospensioni sono a smorzamento controllato (Dynamic Damper Control) e quelle posteriori sono autolivellanti. Nel campo della sicurezza passiva, oltre a molti airbag (anteriori, laterali e per la testa) abbiamo i poggiatesta attivi anticrash, cinture anteriori con pretensionatori e limitatore di sforzo, sensori di crash, ribaltamento e pressione delle gomme. Non è ancora stato diffuso il prezzo di vendita, ma tanto bisognerà aspettare ancora un bel pò per averla: le prime BMW X5 xDrive 40e dovrebbero uscire dallo stabilimento di Spartanburg (USA).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team

Quanto costa parcheggiare a Malpensa?