Volvo condivide i dati degli incidenti e si concentra sui crash test sulle donne

Volvo promuove la sicurezza con test più precisi e nuove misure per ridurre gli incidenti. Tra queste anche la chiave intelligente CareKey

21 marzo 2019 - 10:03

Volvo ha un’attenzione costante sul tema della sicurezza stradale. La Casa scandinava, oggi fa un passo avanti nella promozione di misure che riducano il rischio di incidenti o che, in ogni caso, ne limitino le conseguenze. Il suo database sugli incidenti verrà messo a disposizione e nei prossimi anni la Casa vuole concentrasi sui crash test che prendano in considerazione anche manichini da crash test “donna”.

UN PREZIOSO DATABASE SUGLI INCIDENTI

Prima di tutto, Volvo ha deciso di rendere pubblica e consultabile anche alle altre Case la propria biblioteca dati sugli incidenti. Si tratta di un database creato in sessant’anni di studi sugli incidenti che ha permesso di monitorare fin nei più piccoli dettagli le caratteristiche e le peculiarità di numerosi dispositivi di sicurezza.

I TEST MIRATI PER OGNI INDIVIDUO

In secondo luogo, Volvo ha anche reso noti i risultati del Progetto EVA, acronimo che sta per Equal Vehicle for All. Lo studio ha dimostrato che i danni che subisce un individuo in caso di incidente sono diversi in base a sesso, età, condizione di salute (stato di gravidanza, ad esempio). Fino ad oggi, la maggior parte dei test è stata tarata su parametri “maschili”, ma un’analisi diversificata e focalizzata anche sulle donne permette di ottenere veicoli più sicuri per tutti. Per questo motivo Volvo ha realizzato manichini diversi, per poter sviluppare sedili, cinture e altri dispositivi in grado di proteggere con efficacia ogni essere umano.

VELOCITÀ LIMITATA A 180 KM/H ENTRO IL 2020

Tra le altre iniziative annunciate da Volvo per incrementare la sicurezza sulle strade c’è anche la volontà annunciata di autolimitare la velocità massima di ogni modello a 180 km/h. L’iniziativa, stando a quanto dichiarato dai vertici della Casa scandinava, sarà pienamente operativa entro la fine del 2020.

UNA CHIAVE PERSONALIZZATA CON LA CAREKEY

Inoltre, Volvo ha annunciato anche che dal 2021 ogni vettura del marchio sarà dotata di una speciale chiave digitale, denomiata CareKey, che sarà configurabile in base alla persona che salirà al volante dell’auto. In questo modo, ad esempio, il proprietario, potrà decidere di far usare la propria vettura ad un’altra persona (un figlio o un conoscente) impostando però dei limiti di velocità personalizzati. Si tratta di un’iniziativa analoga a quella proposta da Ford con la MyKey, che funziona esattamente allo stesso modo.

PIÙ SENSORI = PIÙ SICUREZZA

Volvo, sempre nell’ottica di una mobilità più sicura, ha infine annunciato di voler incrementare il numero di dispositivi a bordo che rilevino lo stato di distrazione del conducente. Grazie a telecamere e sensori dedicati, infatti, si pone l’obiettivo di richiamare chi siede al volante nel caso in cui percepisca uno stato di disattenzione calcolato su parametri quali la velocità dei tempi di reazione, la frequenza delle azioni sui comandi e sulla direzione dello sguardo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Patente a 18 anni: i problemi più frequenti di chi inizia a guidare l’auto

Guida sotto la pioggia: 5 errori da non fare con l’allerta meteo

Incidente stradale uso del collare

Incidente stradale: l’uso del collare dopo il colpo di frusta