Volkswagen svela Bulli: il van anche elettrico in arrivo nel 2019

Elettrico ma anche diesel, l'icona Volkswagen si rinnova con sistemi di assistenza alla guida rari su un van come il Bulli

22 febbraio 2019 - 21:27

Volkswagen presenta i dettagli della nuova generazione del mitico Bulli in vista di Ginevra 2019. Il veicolo commerciale si aggiorna e cambia alcuni dettagli estetici. Nuovo frontale con calandra più ampia e fari full led e nuovi motori diesel TDI con potenze da 90 a 199CV ma ci sarà anche la versione elettrica. Tanti i dispositivi di sicurezza presenti a bordo tra cui spicca il Traffic Alert che segnala la presenza di veicoli che si avvicinano alla zona posteriore del veicolo a un angolo di 90°. Interessante novità anche la gestione semplificata del rimorchio grazie al Trailer Assist che agisce direttamente sullo sterzo. Tutti i modelli della gamma sono progettati infatti per svolgere al meglio l'attività di traino con un peso complessivo rimorchiabile che può arrivare a un massimo di 2.500 kg. Vediamo come si aggiorna, rimanendo sempre fedele alla sua storia, il mitico Volkswagen Bulli.

ICONA CONTEMPORANEA Bulli. Transporter, Caravelle, Multivan e California sono tutte personalità distinte del fortunato veicolo commerciale Volkswagen nato come T1. Nel corso di sei generazioni, dal T1 al T6, in tutto mondo ne sono state venduti circa 12 milioni di esemplari. Oggi siamo di fronte a quello che potremmo definire il T6.1 e vuole presentare la sua nuova veste digitale e connessa. Del tutto nuova la strumentazione digitale con il sistema di infotainment connesso che include la scheda SIM per aprirsi al mondo online. Altre novità sono rappresentate dal design del frontale, dalla plancia e da una dotazione di serie ampliata. Tra le novità i motori TDI con potenze da 90 a 199 CV ma ci sarà anche la trazione puramente elettrica con la promessa di oltre 400 km di autonomia. Il nuovo T6.1 arriverà sul mercato nell'autunno 2019 e vuole coniugare, tramite le varie declinazioni, le esigenze professionali al tempo libero (Leggi Volkswagen le auto elettriche con la powerbank).

SICUREZZA TECNOLOGICA Tanti i nuovi sistemi di assistenza tra cui il sistema di compensazione delle raffiche di vento laterali, di serie su tutti i modelli. Ci saranno il “Lane Assist”, che si serve di una telecamera per rilevare le linee di demarcazione della corsia di marcia ed il “Park Assist” che facilita le manovre. Presenti anche sensori a ultrasuoni laterali che registrano ostacoli all'intero perimetro del veicolo. Interessante il “Rear Traffic Alert” che segnala la presenza di veicoli che si avvicinano alla zona posteriore del veicolo a un angolo di 90° azionando i freni. Quanto alla gestione del rimorchio, grazie a “Trailer Assist”, sarà più facile sfruttare il traino fino a 2.500 kg. Le manovre con rimorchio, infatti, vengono assistite dal sistema elettronico che controbilancia la controintuitività tipica delle manovre in retromarcia. Tramite il joystick il conducente imposta facilmente la traiettoria scelta per il rimorchio in retromarcia ed il gioco è fatto.

MOTORIZZAZIONE Volkswagen ha dotato il Bulli di motori Euro 6d TEMP che erogano potenze comprese fra 90 (66 kW) e 199 CV (146 kW). Nuovo il diesel da 90 CV (66 kW) che è quindi più potente del vecchio 84 CV. Il 2.0 TDI sviluppa da 110 CV va a sostituire i motori da 102 CV finora ad oggi disponibili. Dal modello precedente vengono ripresi il 2.0 TDI da 150 C ed il 2.0 TDI 199 CV. Sul motore 2.0 TDI 150 CV è anche disponibile la trazione integrale 4Motion. Grazie ad una collaborazione con la tedesca ABT, il T6.1 esordisce nella variante 100% elettrica. La potenza è di 112 CV e la capacità della batteria è pari a 38,8 kWh o 77,6 kWhcon autonomia massima promessa superiore a 400 km, secondo il ciclo di guida NEDC (Leggi nuove Polo e Golf a metano).  

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria con frenata automatica d’emergenza: budget 15.000 euro

Imbottigliarsi nel traffico fa perdere in media 2 mila dollari l’anno

Seggiolini anti abbandono: l’obbligo 2019 slitta a data da destinarsi