Volkswagen Cross Blue: parte il toto-nomi del SUV per la (ri)conquista USA

Il SUV con cui Volkswagen vuole riconquistare gli USA c'è ma manca il nome e Wolfsburg rompe le tradizioni: lo sceglieranno gli americani

26 luglio 2016 - 11:56

Da qualche tempo negli USA i concessionari Volkswagen aspettano un SUV che possa rimettere in pari le vendite dopo lo scandalo dieselgate (leggi dei concessionari VW USA sul piede di guerra e del nuovo SUV), considerando il crollo del mercato. Il brand di Wolfsburg non ha mai nascosto la volontà di lanciare una nuova auto in questo segmento, ma da quanto comincia a trapelare potrebbe non avere la denominazione commerciale che inizia con la lettera T, come consuetudine.

IL NUOVO SUV Da tempo è stato presentato il concept Volkswagen CrossBlue, un SUV più compatto rispetto agli omologhi attualmente proposti dal brand tedesco (leggi del concept CrossBlue e del concept CrossCoupè a 7 posti) e che dovrebbe meglio incontrare le esigenze delle famiglie. Secondo quanto dichiarato dal capo di VW Nord America Hinrich Woebcken e riportato dai colleghi di WSJ.com, “le mamme che dovranno accompagnare i figli alle lezioni di calcio ameranno quest'auto”, questo per sottolineare quanto gli ingegneri si siano concentrati sullo sviluppo di una dinamica di guida efficiente e soprattutto adatta ai contesti urbani.

L'INCOGNITA DEL NOME Sulla nascita del nuovo prodotto teutonico che sbarcherà oltreoceano nel 2017 pende l'indecisione del nome: se fino ad ora i nomi scelti sono stati mantenuti uguali in tutti i mercati del mondo, in questo caso la divisione americana di Volkswagen è stata lasciata libera di scegliere un nome più adatto per il SUV in arrivo. Secondo lo stesso Woebcken il nome dovrà avere uno “stile più americano”, proprio per accattivare la clientela, ma al momento non sono state diffuse quali siano le ipotesi al vaglio degli avvocati per quello che è ancora chiamato con il codice B-SUV: in ogni caso potrebbe abbandonare la tradizione di VW di scegliere per i propri SUV tutti nomi che cominciano con la lettera T.

IL MERCATO USA Nonostante Volkswagen sia uno tra i brand con i numeri di vendita più alti a livello globale, negli USA ha da sempre stentato a “prendere il volo”, e questo potrebbe essere imputato anche ad una cattiva strategia di decisione del nome dei propri SUV. Da quando poi è stato scoperto il defeat device montato sui motori diesel (leggi del file che ha svelato il trucco usato da Volkswagen), tipologia di propulsori che costituiscono la più grande fetta di mercato per il brand negli USA, le vendite sono crollate anche a causa dei richiami lenti nell'essere portati a termine (leggi del richiamo VW con il contagocce).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP