UK: i rifiuti lanciati dal finestrino costano 4,8 milioni di sterline l'anno

364 mila sacchetti d'immondizia raccolti in 3 anni nelle autostrade inglesi: questa cattiva abitudine degli automobilisti costa cara ai contribuenti

13 luglio 2016 - 20:00

Il nostro immaginario collettivo ci porta ad immaginare gli inglesi equipaggiati di cappello a bombetta e ombrello: persone precise e ordinate che ci tengono al decoro e alla pulizia. Eppure anche questo stereotipo sembra non reggere la prova dei fatti, almeno nelle strade: i dati forniti dal gestore Highways England indicano infatti che gli automobilisti che frequentano le autostrade del Regno Unito (sapevi che in UK si spenderanno 150 milioni per sperimentare le strade connesse?) abbiano il “vizietto” di buttare la spazzatura, in autostrada e nelle arterie di grande comunicazione, a ritmi sostenuti.

RACCOGLIERE O LAVORARE? La domanda non è oziosa: secondo Auto Express gli operai che si occupano della manutenzione della Strategic Road Network (sono le autostrade e le A-road, ossia le arterie stradali principali) riempiono di rifiuti 333 sacchetti al giorno nelle 4.300 miglia di questa rete. Le cattive notizie non finiscono qui, perché calcolando il tempo impiegato in questa poco piacevole operazione, si è stimato che ogni sacchetto riempito costa la bellezza di 40 sterline. La rabbia per questo spreco di denaro aumenta ancora quando si viene a sapere che si tratta di una cifra comparabile a quella che si spende per riempire una buca del manto stradale! (leggi come funziona il Pothole Alert di Jaguar Land Rover che fa evitare le buche nella strada)

L'AUTOMOBILISTA SPORCA, IL CONTRIBUENTE PULISCE Le cifre sono da capogiro: in 3 anni sono stati riempiti 364.000 sacchetti di rifiuti, un'operazione che è costata ai contribuenti 14,5millioni di sterline, equivalenti a circa 17,3 milioni di euro. Questi numeri sono inoltre solo la punta di un iceberg, dato che riguardano solo la rete gestita da Highways England: uno studio condotto nel 2015 dal Department for Transport suggerisce che il conto totale per i contribuenti potrebbe essere molto più alto una volta considerate le strade locali di tutta la Gran Bretagna. Il presidente della Automobile Association, Edmund King, ha detto, in proposito, che “più di un quarto dei guidatori pensano che le persone che buttano i rifiuti dai finestrini siano una delle coese più fastidiose dell'estate. Gli zoticoni che buttano i rifiuti dalle auto sono una minaccia che costa milioni al Paese, rovinano il nostro ambiente e mettono a rischio la vita degli operai. Non ci sono scuse per il gettare i rifiuti dall'auto: i passeggeri dovrebbero raccoglierli in sacchetti e buttarli nei bidoni e nei cestini previsti”.

NON C'È PEGGIOR SORDO… E pensare che, nel tentativo di ridurre i rifiuti nelle strade educando gli automobilisti, Highways England ha annunciato nel gennaio 2014 la sua campagna 'Litter Strategy'. Il risultato è stato che le quantità raccolte sono in aumentate, con 139.952 sacchi riempiti fra il 2015 e il 2016 (sapevi che il nostro Codice della Strada punisce chi sporca?). Un appello accorato viene lanciato anche da Michael Hoult, Project manager di Highways England: “le ditte che hanno gli appalti raccolgono ogni anno grandi quantità di rifiuti dalle nostre strade: questo tempo potrebbe essere impiegato meglio svolgimento ben più essenziali lavori di manutenzione. I rifiuti sulle strade possono essere un pericolo per i conducenti,gli operai e la fauna selvatica, quindi voglio invitare tutti a tenere in macchina dei sacchetti da utilizzare per raccogliere i rifiuti: sarà poi facile buttare il tutto in un cestino tornando a casa”. La cifra per la raccolta dei rifiuti è mostruosa ed è, per giunta, facilmente evitabile se ognuno non sporcasse: gli inglesi sono purtroppo in compagnia degli italiani in questa competizione verso l'inciviltà!

1 commento

Paoblog
8:07, 14 luglio 2016

Il nostro Codice in teoria punisce chi sporca … salvo poche, rare eccezioni…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Radiazione auto per esportazione 2020

Radiazione auto per esportazione: dal 2020 è obbligatoria la revisione

Gomme quattro stagioni: la classifica 2019 per marca e modello

Lavorare in Porsche: è il miglior luogo di lavoro 2020