Skoda Vision E, debutto elettrico al Salone di Francoforte

Dopo la presentazione a Shangai, arriva il debutto europeo per il SUV elettrico di Skoda che anticipa il proprio futuro a Francoforte

7 settembre 2017 - 10:03

La prima volta era stata vista allo scorso Salone di Shangai, adesso, Skoda, ha scelto la kermesse tedesca del Salone di Francoforte 2017 per mostrare agli addetti ai lavori e agli appassionati la sua idea di futuro elettrico, con la Vision E, il futuro SUV elettrico della Casa ceca. Un modello che anticipa i concetti tecnici e stilistici per il futuro elettrico di Skoda, con elementi nuovi per la Casa del gruppo Volkswagen e molto interessanti (come ad esempio la ricarica induttiva o la presenza di quattro sedili singoli). Non solo una mobilità sostenibile ma anche autonoma, visto che sarà presente una tecnologia di terzo livello. Ma scopriamola nel dettaglio.

UNA SKODA AL 100% Stilisticamente si fa riconoscere, con le proporzioni classiche dei moderni SUV. Nonostante un design decisamente più all'avanguardia rispetto ai modelli che attualmente si possono trovare in listino – come ad esempio la nuovissima Karoq, della quale vi avevamo parlato qualche tempo fa e che sarà presente a Francoforte -, il family feeling è facilmente percepibile anche su questo prototipo Vision E. Gli elementi che più colpiscono sono l'anteriore privo di prese d'aria, che ha permesso ai designer di sbizzarrirsi offrendo un frontale massiccio ma reso più piacevole dagli intagli orizzontali e verticali sul cofano e le fiancate, vista l'assenza degli specchietti retrovisori (rimpiazzati con delle comode videocamere). Altro elemento di design che colpisce, e che riguarda sempre la vista laterale, è l'assenza del montante centrale tra le due porte, vista e considerata l'adozione di porte che si aprono in senso contrario alla marcia. “Con Skoda Vision E daremo un'anticipazione sulle future Skoda elettriche e alle ibride plug-in. Entro il 2025 offriremo in vari segmenti ben 5 modelli a trazione puramente elettrica, arrivando così ad avere un quarto della nostra gamma elettrico”, il commento di Bernhard Maier, CEO ŠKODA. Un futuro pianificato e sempre più vicino.

SPAZIO E TECNOLOGIA CON IL PIANALE MEB Quello che verrà adottato è il pianale Meb, sviluppato da Volkswagen per i futuri progetti elettrici del gruppo. Un pianale saggiamente riadattato per le proprie esigenze da parte di Skoda, che ha puntato fortemente sull'abitabilità interna. Saranno presenti quattro sedili, completamente indipendenti e liberi di ruotare sino a 20° verso l'esterno, ognuno con il proprio dock di ricarica per smartphone, insieme a schermi infotainment dedicati. L'assenza del tunnel centrale, dovuta alla motorizzazione elettrica, conferisce sicuramente più spazio e voluminosità all'intero abitacolo, disegnato sin nei minimi dettagli per dare un impatto tecnologico e all'avanguardia, come del resto il corpo vettura. Saranno disponibili comandi gestuali, abbinati ad un sistema di Eye Tracking, in grado di seguire lo sguardo del conducente, mostrandogli la strumentazione di bordo, oltre a riconoscere eventuali segnali di stanchezza, attivando eventualmente le manovre necessarie a fermare il veicolo e chiamare i soccorsi.

2 MOTORI ELETTRICI E GUIDA AUTONOMA DI LIVELLO 3 Insieme ad esterni ed interni all'avanguardia, abbiamo anche un propulsore elettrico molto interessante. Infatti, la Skoda Vision E, sarà dotata di due motori elettrici, che garantiranno una spinta complessiva di 225 kW (306cv), posizionati uno sull'asse anteriore e uno sul posteriore. L'autonomia dichiarata è di 500 km, con una velocità massima di 180 km/h. Da non sottovalutare l'utilizzo di batterie a ricarica induttiva (senza cavo per intendersi). Futuro ed elettrico, sono concetti che vanno a braccetto con guida autonoma, infatti, sulla Visione E sarà presente una tecnologia di Livello 3 – per scoprire tutti gli altri livelli, e le tecnologie utilizzate, vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento. La Vision E sarà dotata di cruise control adattivo, che le permetterà di frenare ed accelerare in totale autonomia, oltre a saper sterzare ed evitare gli ostacoli. Altro sistema autonomo sarà quello che riguarda il parcheggio, con il Car Park Autopilot, un sistema che sarà in grado di trovare e di indirizzare la Vision E verso i parcheggi liberi. Queste ed altre novità saranno presenti al prossimo Salone di Francoforte – vi rimandiamo al nostro articolo dove abbiamo vi abbiamo anticipato quali saranno i futuri protagonisti del salone tedesco -, che noi di SicurAUTO.it saremo pronti a raccontarvi sulle nostre pagine.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici