Portanza e Deportanza

8 aprile 2011 - 11:03

La portanza è la forza verticale generata dal movimento dell’aria che tende a sollevare la vettura peggiorandone la tenuta di strada alle alte velocità. Si tende ad annullarla con un’opportuna configurazione aerodinamica e facendo anche ricorso ad appositi profili aggiunti alla carrozzeria (spoiler e alettoni) oltre che col fondo piatto.

La deportanza è il fenomeno opposto, cioè è la forza aerodinamica che spinge il veicolo verso il suolo aumentandone l’aderenza. Il carico verticale provocato dagli alettoni di una «formula 1» alla massima velocità può equivalere al triplo del peso della vettura. L’alettone posteriore della “Posche turbo” consente alla velocità massima (circa 300 km/h) un carico aggiuntivo sull’asse motore di qualche chilo, in altri termini annulla la portanza.

L’aereo decolla non tanto grazie alla dimensione delle ali ma grazie alla loro forma. Sull’ala dell’aereo passa molta più aria al di sopra di quanto non sotto, generando così una depressione nella parte inferiore dell’ala stessa (che genera a sua volta una forza verso l’alto, detta appunto portanza) che lo fa sollevare.

ATTENZIONE. La forma della carrozzeria del veicolo è determinante al fine di avere una buona deportanza e, quindi, maggiore aderenza al suolo dello stesso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Volvo, arriva il radar per bimbi e animali dimenticati in auto

Il sistema di rilevamento incidenti di Apple promosso dai primi test