I 5 attacchi informatici più frequenti al mondo: l’auto connessa non c’è

Agli hacker dell’auto connessa non importa nulla, almeno per ora fanno soldi con altri attacchi informatici: ecco i 5 obiettivi più frequenti nel mondo

18 settembre 2019 - 11:32

Le auto connesse sono davvero a rischio furto ed esposte ad attacchi informatici? Molte auto si possono aprire e anche rubare senza chiavi e in pochi secondi. Ma per quanto le auto connesse facciano più paura ai Costruttori delle auto elettriche e ibride, gli hacker le trovano ancora poco interessanti. Ecco i 5 attacchi informatici più frequenti al mondo da cui gli hacker ricavano più soldi.

L’INDAGINE SUI MAGGIORI ATTACCHI DEGLI HACKER NEL DEEP WEB

Con l’ampia diffusione dell’IoT non si fa che parlare di hacker, attacchi informatici e cyber security anche sulle auto. Qualsiasi cosa che è collegata in rete può essere attaccata da un virus o manipolata. Come in qualsiasi bilancio costi-benefici gli hacker attaccano solo quando c’è un lauto guadagno. L’indagine The Internet of Things in the Cybercrime Underground ha scandagliato il deep web, dove si nascondono i traffici illegali di beni e servizi per capire cosa interessa di più ai pirati informatici. E’ sorprendente scoprire come contrariamente ai timori di oggi, le auto agli hacker non interessano per niente. Ecco come guadagna un hacker e quali sono i 5 bersagli presi mira dai cyber attack in Russia, Inghilterra, Arabia, Portogallo e Spagna.

GLI ATTACCHI HACKER AI SERVER

Gli attacchi ai server DNS (Domain Name Server) sono quelli più frequenti e massivi con cui gli hacker cercano di ottenere informazioni riservate dirottando il traffico dati su server esterni. Il modo più semplice è inviare un’email di spam con un link all’interno e immagini e spingere con modi più fantasiosi a cliccare quel link. Lo scopo è fare spionaggio industriale o di ricerca. E’ un argomento di cui si parla molto nelle community oscure della Russia e dell’Arabia.

GLI HACKER ATTACCANO LE RETI INDUSTRIALI

Gli attacchi informatici alle reti di PLC (Programmable Logic Controller) sono un altro attacco molto frequente per mandare in tilt uno stabilimento. Attaccando il sistema che gestisce gli impianti di uno stabilimento gli hacker ne prendono il controllo allo scopo di estorcere quasi sempre denaro. Non è raro che la richiesta possa anche essere commissionata per ostacolare attività concorrenti. Ne sono interessati soprattutto gli hacker in Russia, Portogallo, Inghilterra e Spagna.

CELLULARI ATTACCATI DAGLI HACKER  

Come per gli attacchi DNS qualsiasi device in rete (cellulari, videocamere di sorveglianza o dispositivi VR di realtà virtuale) possono essere violati dagli hacker. Questo tipo di attacchi informatici è frequente per acquisire informazioni private, estorsione o favorire altre attività criminali. Russia, Inghilterra e Arabia sono più attive nel deep web su questo tipo di attacchi.

LE CRIPTOVALUTE TRAFUGATE DAGLI HACKER

Gli attacchi informatici ai server dei mining di criptovalute si sono moltiplicati da quando il valore delle criptovalute è in rialzo. Estrarre criptovalute è diventato molto più complesso e richiede potenze grafiche di calcolo maggiori, così qualcuno ha inventato il modo di estrarre criptovalute con il cellulare. Gli hacker che rubano criptovalute sfruttano proprio la vulnerabilità dei sistemi Android con attacchi informatici massivi. E’ ciò che interessa in modo particolare agli hacker in Russia.

GAS ED ELETTRICITA’ NEL MIRINO DEGLI HACKER

Il controllo dell’energia è un altro obiettivo dei pirati informatici: basti pensare cosa significherebbe per un intero Paese restare senza elettricità o gas. In Russia e Portogallo, ad esempio sono specializzati negli attacchi hacker ai distributori di carburante. Mentre sempre in Russia qualsiasi misuratore di gas o elettricità smart (cioè controllabile da remoto) può essere attaccato dagli hacker.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Daimler: “multa” da 3 miliardi di dollari per le emissioni diesel

Acquisto auto usata online truffe

I 10 SUV usati più venduti ad agosto 2020 fino a 10 mila euro

giovane donna auto

Giovani al volante: il 38% muore in auto poco sicure